Ho appena finito “Taiko”, tutte le sue 928 pagine. Finisce bene, con Ieyasu umiliato e in stile “vissero tutti felici e contenti per altri sedici anni”…

Pezzo preferito? Non saprei. Okehazama. O l’assedio di Odani. Oppure Mikatagahara. Anche Nagashino non era male. E neppure il capitolo del matrimonio di Hideyoshi… in poche parole, non chiedetemi di scegliere. Mi è piaciuto tutto. It was a wothwhile experience.
Quel grandissimo dello zio Eiji ha lasciato un finale aperto. E allora mi chiedo: cavolo, potevi fare il sequel, no? Adesso, per quanto riguarda la wishlist, non mi resta che riporre tutta la mia fiducia nella Kodansha, che traduca “Sekigahara”. Poi posso dire di non aver vissuto in vano.
E adesso cosa leggo, che sia all’altezza? Perché qualsiasi libro mi viene fra le mani immediatamente dopo “Taiko” non può ottenere un giudizio troppo obbiettivo….

It’s often said that victory and defeat are the stuff of a warrior’s life. If you consider today’s disaster in terms of human destiny, you know that to be proud of victory is the first stept toward the day of destruction, and to be completely defeated is the first step toward the day of victory. The eternal cycle of man’s rise and fall is not just a matter of temporary joy and sorrow

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: