Ragioni della fama del cioccolato svizzero

Il cioccolato svizzero è famoso per una ragione in particolare: gli Svizzeri non hanno altro da mangiare. Al massimo possono dilettarsi in patate e formaggio, difficile che si lancino in piatti più complicati. La verdura è assente e quando presente è zuppetta. Qualora si cimentino in una pasta, i risultati sono deleteri. Quindi il cioccolato è l’unica cosa mangiabile in tutto il territorio elvetico, come già appurato dallo Stato Maggiore durante il soggiorno bernese.
Koris si trova in Svizzera, espatriata dall’altra parte, ovvero non passando all’italiana dal traforo del Bianco, ma inerpicandosi da Saint Genis dopo quattro ore di autostrada lungo il Rodano. Dalle Bouches du Rhone alle sources, insomma.
Attualmente non si sono ancora visti loschi figuri appartenenti al passato universitario di Koris, come ad esempio Bazilla, il Mostro orripilante con la barba dagli spigoli vivi, che pareva Gandalf il Grigio doppiato da Camilleri e insegnava microelettronica più fondamenti di analisi dati. Se il siffatto individuo dovesse comparire all’improvviso, Koris potrebbe anche correre da Roy Batty e saltargli in braccio in preda al panico. È improbabile che Bazilla si ricordi di colei che alla domanda "Ma l’uomo della strada cosa se ne fa del fotodiodo?" rispose "Guardi, io una certa idea ce l’avrei…", ma lo Stato Maggiore preferisce essere prudente. E magari evadere dal Cern a tempo debito per farsi coraggio con dosi abnormi di cioccolato.

Annunci

0 thoughts on “Ragioni della fama del cioccolato svizzero

  1. faber-occhio 7 febbraio 2011 alle 22:46 Reply

    Dovrai piegarti per forza alle patate ed il formaggio… due settimane di cioccolato sono dure!!!:)

    Mi piace

  2. Yaxara 7 febbraio 2011 alle 22:49 Reply

    @Faber: no, no, venerdì ceno all’italiana! E da domenica sera sono di nuovo fra le mie quattro mura francesi, in cui si cucina senz’altra legge che il mio capriccio. Due settimane in Svizzera sarebbero equivalse a un chilo di pasta trasportata clandestinamente nello zaino più forneletto da campeggio.

    Mi piace

  3. L'idea Errante 7 febbraio 2011 alle 23:00 Reply

     Ma i rösti, ci sono?

    Mi piace

  4. Yaxara 7 febbraio 2011 alle 23:12 Reply

    Qui al Cern no, maledizione. Altrimenti rosti e via, per quattro giorni si sopravvive. Ma essendo il rosti tipicamente bernese, mentre ero a Berna mi hanno salvato la vita più di una volta.

    Mi piace

  5. Senzaddio 8 febbraio 2011 alle 05:15 Reply

    ormai non se più sotto l’egida di Bazilla… fronteggialo e spiegagli dettagliatamente cosa se ne fa l’uomo della strada di un fotodiodo…

    Mi piace

  6. Yaxara 8 febbraio 2011 alle 08:59 Reply

    @Senzaddio: trattasi di una sorta di timore reverenziale intrinseco, magari con gli anni passerà… o forse se avrò mai una cattedra…

    Mi piace

  7. Lotti 8 febbraio 2011 alle 10:26 Reply

    guarda che il fotodiodo è molto utile. con cosa li leggi i cd-rom? con cosa scatti le fotografie? 😛 😛

    Mi piace

  8. Yaxara 8 febbraio 2011 alle 10:44 Reply

    Lode al fotodiodo! Solo che era l’ultimo esame della triennale, quello che mi aveva rimandato la laurea di tre mesi, odiavo quell’uomo e credo di non essere stata in possesso delle mie facoltà mentali durante l’orale…

    Mi piace

  9. Senzaddio 9 febbraio 2011 alle 02:42 Reply

    Lotti, la mia MG 42 non ha bisogno di un fotodiodo… ed è una soluzione antibazilla più immediata e definitiva di una cattedra 🙂

    Mi piace

  10. Yaxara 9 febbraio 2011 alle 10:35 Reply

    @Senzaddio: ah, sì, che stupida che sono, perché fare tanta fatica per guadagnarsi una cattedra? Sì, sì, sono proprio ingenua… una bambina stupida…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: