Ah, è il primo marzo

 Koris stamattina si è svegliata reduce non da uno, ma da ben due sogni:

  1. stava facendo una gita in montagna con l’amico/fratello/compagno di sventure Whisper a cui si era misteriosamente aggregato anche W., che tuttavia non ha mai osato aprire bocca, chiudendosi nel suo ben noto mutismo da signorina offesa. Koris del sogno ricorda che la gita era organizzata da Whisper "per dimenticare" (verosimilmente legata all’incubo della sera prima) e che c’era da guadare un fiume pieno di sanguisughe lunghe dieci centimetri al minimo. Inoltre si ricorda W. considerato particolarmente prelibato dalle sanguisughe;
  2. il solito sogno demente a base di draghi. U Babbu che si metteva alla ricerca di un drago arabico. Ora, U Babbu è, dopo l’Amperodattilo, la persona meno sensibile al fantasy, per cui vederlo affaccendato a documentarsi sui draghi faceva uno strano effetto allo Stato Maggiore.

Il risveglio ha fatto sì che Koris avesse un sonno arretrato per due quando è giunta in ufficio. E si è accorta che è il primo marzo, quindi si rende doveroso il post di fine mese.
La chiave vincitrice di questo mese è fede indiana, l’anello che Koris aveva, che si spezzò e che finì fuso con suo grande dolore. E mai più ritrovato uno simile, purtroppo.
Un posto non male è occupato anche da lumache senza guscio, che stanno diventando un vero must sul web, assieme a Lawrence Limburger, come il mese scorso.
Da segnalare chi ha cercato Borghezio a Merdopoli. Merdopoli fa già schifo di suo, non mettiamoci anche Borghezio!
Le stranezze quantistiche, invece, si sprecano. Domandate e ne avrete, così come di mesoni µ (che poi siete rimasti ai tempi di Yukawa, ma è un altro discorso)! Altri fisici invece si accontentano della camera a nebbia, altro dell’arnese in disuso. Mah, a questo blog approdano particellari vintage.
Ha trovato ciò che cercava l’autore di blog dottorato fisica. Ogni tanto qui sopra si parla anche di fisica e di dottrato, tutto sommato.
Chi dà soddisfazione è invece cazzi disegnati sul cofano che siggnificato hanno milano. Fantastico. Una ricerca filologica di un certo spessore. C’è sicuramente un mistero dietro a una fila di falli disegnati su una macchina. Forse è un messaggio alieno. Chiediamo a Giacobbo, assieme al legame che c’è fra coscienza e entalgment, domanda che speriamo restare senza risposta.
Vuole rivangare il dolore chi ha cercato collegamenti ferroviari genova marsiglia. Non esistono, semplicissimo.
Essendo febbraio il mese del consumistico San Valentino non poteva mancare cuori da stampare con scritto una frase d’amore. Lo Stato Maggiore va un attimo a vomitare e poi torna.
Koris non sa rispondere alla domanda del dottorato quanto dura lo scitto, non avendo mai fatto uno scritto. I colloqui sono fioccati, ma uno scritto mai. E meglio così.
Gli esercizi con la e apostrofata le fanno venire in mente i tentativi di studio di dizione di W., per cui Koris penserà ad altro.
Ed è tornato lui! La chiave di ricerca che tutto il mondo ci invidia! Il feticismo ortodontico! Giubilate popolo! Anche se la mutanda jingo potrebbe dare soddisfazioni, una volta scoperto cos’è.
Più criptico è nel fiume reno che passa da vergato a mai strripato. Cosa avrà voluto trovare?
Per il plizzone significato chiedere all’Amperodattilo.
Chi si chiede possibile a 22 avere ancora i canini da latte sappia che è possibile. Qui avevamo un paio di premolari, ma alla fine è lo stesso.
Un grande chi ha cercato principessa+culo. Hai visto mai si trovasse una principessa non fornita di chiappe.
Come tutti i mesi torna regali umilianti seneca, ma Junior ha ammesso la sua responsabilità nella ricerca.
Poi ci sono i soliti ringraziamenti tesi di cui non ci libereremo mai. Grazie piuttosto a chi ha cercato per non ringraziare nessuno nella tesi.
Abbiamo poi la fantomatica rotonda broni cazzo. A questo punto si rende necessaria una visita per vedere se cotale monumento esiste davvero.
E dopo secoli, dalle lande della Valbormida, è tornato lui, l’urucco. In ginocchio davanti all’uccello sacro ai Talebragni!
Chiudiamo con una citazione celebre da Stefano Benni, “nessun fiore educato regalerebbe mai un uomo alla sua fidanzata”.
Raccolto scarno questo mese. Speriamo di migliorare per il prossimo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: