Se un pomeriggio d’estate il database…

 I miracoli accadono, questo è certo. Tutto sta nel definire la propria scala del miracolo e fissa il discrimine fra il tocco della sfiga o l’intervento di una casuale divinità olimpica impietosita dalle precarie condizioni dell’umana esistenza.
Come da post, Koris non ha vacanze. Come da post, Koris fissa il sole alzarsi su Sugiton e declinare verso la Côte Bleue dal suo ufficio di Luminy. Qualche volta l’idea la annichila. Dopodiché scivola il sole al di là delle dune a violentare altre notti. Quelle di Koris, tipicamente. 
Ieri mattina era una di quelle mattine in cui la sveglia dovrebbe essere bandita dalla convenzione di Ginevra, quando alzarsi è un crimine contro l’umanità. Se si aggiunge che sbirciando fuori dalla finestra si scopre che il cielo sulla Canebière è azzurro, c’è giusto quella brezza che non ti fa sentire il sole e schiattare di caldo sul sentiero per le calanques, allora la voglia di lavorare precipita fra gli dei ctoni e la forza di volontà defunge in maggior gloria. Per fortuna lo Stato Maggiore è dotato, oltre ai membri decisamente cialtroni, anche di un superego discretamente potente, per cui scarpe rotte, eppur bisogna andar.
Antefatto: la sera prima, in un impeto di stacanovismo precedente alla fuga dall’ufficus, Koris aveva lanciato l’analisi di 200 collezioni di dati, pensando di riprenderle la mattina ed interpretarne il sibillino significato.
All’arrivo di Koris nell’ufficus, di duecento runs se ne sono analizzati dieci. La cosa non quadra. Koris comincia la mattina in bellezza con un riscaldamento volto a battere il record mondiale di imprecazione tonante prima di mezzogiorno. Eppure pare che nel suo codice non ci siano errori.
Scatto d’orgoglio della Koris-autostima: e se non fosse colpa sua?
Rosicchiata come una pannocchia dal tarlo del dubbio, Koris va dal collega S. ad informarsi.
"Oggi il database di ANTARES non si sente tanto bene. Per la verità nessun database di nessun esperimento funzionava fino a poco fa, ma il nostro non è tornato su. Sfiga, eh?"
Koris passa la giornata a leggere articoli e a interrogarsi sul futuro, ovviamente già condannato, della sua tesi. Nel frattempo il database non risorge.
L’attesa dura fino al primo pomeriggio, ora in cui arriva una sconsolata mail di Roy Batty in cui si annuncia che il database sta facendo sul meglio per passare a miglior vita e con discreto successo. A Lione stanno facendo di tutto per trattenerlo, ma il suo spirito vola già libero per i Campi Elisi. Nel frattempo un’intera collaborazione si sta guadagnando l’inferno a bestemmie.
Koris va dal Replicante per sincerarsi dell’avvenuta catastrofe. Lo trova in lacrime, affranto, aggrappato al microbico portatile come se quest’ultimo fosse la sua sola ragione di vita.
"Il database non va, a Lione non sanno dirci quanto tempo ci vorrà per farlo rinsavire. Forse domani, forse dieci giorni. Per ora vai pure a casa"
Koris crede di non aver sentito bene. Il Replicante non può aver detto veramente "vai pure a casa". Probabilmente non sta bene lui.
Lo Stato Maggiore non si fa troppe domande, raccoglie i suoi effetti personali e parte in tromba senza guardare in faccia a nessuno. Alla scandalosa ora delle 17:00.
Quando la sfiga diventa leggenda. O forse no.

Annunci

0 thoughts on “Se un pomeriggio d’estate il database…

  1. L'idea Errante 5 agosto 2011 alle 19:38 Reply

     Mi manca venire a leggere qui ma anche la mia tesi è in preparazione in Quel laboratorio 😀 
    E se non deludo Lei e capisce che il mio neurone zombie più o meno funziona, mi destinerà a un dottorato da persona quasi seria. Oddio, forse sono ancora in tempo a scappare.
    Mi sono sentita dire anche io Vai pure a casa, qualche volta. 
    Anzi, a me è stato: andiamo tutti a casa, o a far shopping O_ò, il tutto accompagnato da gente che suonava maracas immaginarie.

    Mi piace

  2. Yaxara 8 agosto 2011 alle 09:03 Reply

     Immagino come Lei può dire "andiamo a fare shopping" e quasi quasi mi vengono i brividi! In bocca al lupo al neurone zombie per il dottorato! 

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: