Timoniere esperto

"Oggi prendiamo le vele da 4.7, visto che c’è Mistral… no, Koris, tu no"
"Tu no cosa? Io prendo quella da 5.7 per farmi del male? Abbiamo deciso che nella scelta ‘imparare ad andare in deriva o perire nel tentativo’ non mi resta che la seconda?"
"Quanto pesi?"
"Circa 47 kg. Che poi mica è colpa mia, eh. Io ci ho anche provato, credo sia l’altezza che mi frega, tanto per cambiare. Perché la nutalla la mangio, la chantilly pure…"
"Sei troppo leggera, con questo vento per te è quasi impossibile portare il pico da sola"
"Non credo di riuscire a recuperare una decina di chili col pensiero. Qualcuno ha una cintura di piombi?"
"Vi metto a due. Tu con Sophie. Tu fai il timoniere esperto"
"Il timoniere cosa? Credo di non aver capito…"
"Sì, tu dai a Sophie la tua esperienza, lei ti dà un po’ del suo peso per non volare via"
Che poi, detta così, fossi stata in Sophie me la sarei presa. Ma mai come oggi avrei voluto essere trattata da zavorra. Soprattutto quando mi sono posta la domanda: esperienza in cosa? Ho fatto pace con lo stick la settimana scorsa. Fino a due settimane fa la virata era qualcosa di parecchio teorico e molto confuso nella pratica. Due anni e mezzo fa non ero mai salita su una barca a vela e pensavo l’evento nella regione dell’improbabilità (come sempre, ma li mortacci miei e altrui…!). Ora questa si inventa che sono timoniere esperto. In minchiate, probabilmente.
Che poi rispetto al battesimo in deriva è andata di stralusso. Ci siamo rovesciate una sola volta. Adoro dire che è stato pedagogico, visto che Sophie era nel panico e io (forse) avrei anche potuto riportare la deriva dritta. Dopo Sophie si è calmata. Quella in panico ero io. Sopratutto quando sono rimasta per cinque minuti appesa alla deriva della deriva (ahah!) in un tentativo vano quanto ridicolo di raddrizzare l’ambarandan. Suggerimenti per mettermi all’ingrasso cercasi.
Il timoniere esperto ha comunque due principali ruoli: uno, stressarsi perché la sorte del battello è nelle sue mani, due, prendersi i rimproveri perché è il più esperto, anche se non è colpa sua. Però è divertente. Urlare "prepararsi a virare" fa molto "Master and Commander" (il fatto che tu lo stia urlando su un trabiccolo di quattro metri è completamente irrilevante).
Quindi, ancora una volta, Horatio Nelson, guardati le spalle.

Annunci

0 thoughts on “Timoniere esperto

  1. FataCarabina 5 dicembre 2011 alle 18:38 Reply

    Che impresssssssssssione la prima persona *_*

    Mi piace

  2. Yaxara 5 dicembre 2011 alle 20:21 Reply

     Se fa troppa impressione prometto di smettere! 🙂 

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: