Un po’ di tutto

Capita che ci si aspetti una settimana tranquilla che finisce al giovedì. Succede, sono errori di valutazione che si compiono. O pie illusioni che piace coltivare. Del resto, se la settimana finisce il giovedì non potrà succedere niente di tragico, no?
Et ho errato. Del resto è aprile, Koris doveva aspettarselo.
Per una ragione o per l’altra, Koris si trova circa un milione di cose da sbrigare, entro le 16:00 di oggi pomeriggio, ora in cui sarebbe salutare trovarsi a Gare Saint Charles, se si vuole coltivare la seconda pia illusione, ovvero tornare dai Maiores a Merdopoli per pasqua. Sì, in teoria le vacanze di pasqua in Francia non esistono, ma lo Stato Maggiore ha deciso di attaccare due giorni a Pasquetta per pura convenienza. Poi l’Amperodattilo nicchiava in maniera insostenibile, contraddirlo non sarebbe stato salutare.
Ovviamente da lunedì si è scatenata la bufera laboratorial-burocratica, condita di Koris-lamentele, perché l’ottimismo non si sa nemmeno dove stia di casa (del resto, è aprile). In somma delle somme, questo è quanto:

  • ai Giapponesi piacerebbe essere pagati. Koris temporeggia, guarda quei 106 yen che deve sborsare o far sborsare a qualcuno. “Ma dai, quanto vuoi che siano 100 yen, su, posso anche anticiparli io…”. Poi si scopre che 100 yen sono circa mille euri. Quindi anche no, anticiperà qualcun altro, visto che dato lo status di dottorando metà del mio palazzo è già crollata, e l’altra è in agonia.
    Il qualcun altro da rincorrere è la scuola di dottorato, che dovrebbe farsi carico di metà delle spese. Il problema è rappresentato dalla quantità di scartoffie da riempire, probabilmente di derivazione Vogon, standard europei che non corrispondono a quelli giapponesi quali il codice IBAN ed altre amenità di cui lo Stato Maggiore non capisce un’acca. Si aspettano risposte. Verosimilmente dal cielo.
  • anche lo stato francese ha deciso che vuole essere pagato. Il faut payer les impots, come dicono loro. E allora d’accordo, sganciamo les impots. Peccato che la registrazione on line non permetta di accedere se non si è mai pagato prima. Come si deve fare? Mistero. Per fortuna c’è chi si sta occupando della questione per conto di Koris.
  • tocca pagare l’affitto di aprile. Cosa che di per sé non sarebbe difficile, se Koris non se ne dimenticasse puntualmente. Attualmente gira con un assegno nel portafoglio, nella speranza che la cosa non si protragga ad libitum.
  • si deve organizzare una trasferta a Roma, di cui fortunatamente gli aerei sono già prenotati (partenza ore 7:10 da Marignane, oh yeah!). Bisognerebbe quindi trovarsi un alloggio. E meditare quanto sia opportuno rifare un toccata-e-fuga a Boulogne, viaggio di due giorni che potrebbe anche uccidere Koris. Mah, a Roy Batty l’ardua sentenza.
  • dopo mesi di convivenza pacifica, due variabili di analisi hanno penato bene di dare di matto, capo Roy Batty presente. Koris ne ha fatta rientrare nei ranghi una a martellate, all’altra sta lavorando. Ieri forse ha trovato il busillis, caricando quindi il server di tanti piccoli job, in attesa del responso dell’oracolo. Il responso dell’oracolo è giunto sotto forma di mail dal centro di calcolo: il server è fuori uso fino a data da cestinarsi (sic!), stiamo cancellando i vostri job a minchia perché non sappiamo che altro fare. Quindi lanciatevi 500 processi a mano.  Μῆνιν ἄειδε, θεά… capace che stiamo esagerando col classicismo, ma quando succedono codeste cose Koris si domanda perché non ha fatto lettere.
  • si scrive poco. Quel poco che si scrive lo si scrive male. Ovviamente nessuno risponde, perché quando si è vox clamantis in deserto (Koris deve smettere col latino, se ne rende conto) bisogna calarsi nel ruolo. E si dimenticano le penne usb a casa. Onta su di me!
  • non si tocca il flauto da giorni. Giusto ieri sera si è suonata un’Ungaresca di rappresentanza, solo per dire “so ancora da che parte si soffia”, niente di più.
  • ieri sera si voleva andare ad arrampicare ed invece nada. Lo Stato Maggiore medita folli macchinazioni di fare un’incursione in una palestra a Merdopoli, ma sa già che non lo farà.

In tutto ciò sono aperte le scommesse: riuscirà Koris a giungere alla stazione in tempo per acchiappare il treno o resterà a meditare sulle sciagure umane, dimenticandosi dei Maiores che l’attendono dall’altra parte del confine?

Annunci

Messo il tag:, , , , , , , , ,

0 thoughts on “Un po’ di tutto

  1. Quella del Sangue di Porco 5 aprile 2012 alle 09:38 Reply

    Ma anche i tuoi Maiores s’indignano per il fatto che in laboratorio non ci lasciano gli stessi giorni di festa che ci lasciavano alle scuole elementari?

    Mi piace

    • Yaxara 5 aprile 2012 alle 09:40 Reply

      Qui il problema è ancora più complesso, dato l’estero. Per esempio l’8 dicembre qui non è festivo (perché in Francia delle festività religiose non sanno che farsene), ma è festivo l’11 novembre. Oppure la Liberazione qui è l’8 maggio. Quindi il calendario è decisamente sballato. Questo induce non pochi problemi in famiglia…

      Mi piace

  2. Live 6 aprile 2012 alle 19:24 Reply

    L’ultima volta che ho controllato 100 yen erano qualcosa meno di 1€… non è che hai dimenticato un bel pò di zeri? o_o
    Dai che ce la fai a tornare nel bel paese per Pasqua 😀 e se ti va bene torni in francia con qualche tassa speciale!

    Mi piace

    • Yaxara 6 aprile 2012 alle 21:43 Reply

      Effettivamente sì, mi sono dimenticata quel terzetto di zeri. La mia testa è decollata altrove, che ci si vuol fare…
      Quanto alle tasse… eh, mi vengono solo espressioni volgari, che donna orribile! Comunque, ciccia. In quanto residente all’estero sono intoccabile. O quasi.

      Mi piace

  3. Emix 9 aprile 2012 alle 12:33 Reply

    Quindi suoni il flauto e io non l’ho mai saputo. Queste amicizie immaginarie virtuali non funzionano benissimo!

    Mi piace

    • Yaxara 9 aprile 2012 alle 17:13 Reply

      Non è come sembra, posso spiegare tutto (come si dice di solito in questi casi)!
      Diciamo che lo suonavo quando ero tredicenne. Poi smisi per dieci anni. Ho ricominciato da un mese. Quindi tecnicamente non c’è troppa gente che lo sa…

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: