Mica siete dei verbi

È un periodo che non si sente altro che di matrimoni. Di Koris-coetanei, quando non di Orso-coetanei, cosa che genera non pochi interrogativi nello Stato Maggiore. È un periodo in cui fanno gli sconti sugli abiti nuziali e bisogna approfittarne? C’è un virus che gira, come nella stagione dell’influenza? Siamo ripiombati indietro di due secoli e quindi il matrimonio è l’unico modo per sanare certi pruriti?
Qui i casi sono due:

  1. Namber uan: è una cosa normalissima, il decorso naturale di malat… ahem, di un percorso di coppia (qualcuno mi spieghi perché, please). Solo che Koris non lo afferra perché non è in grado di tenersene uno, probabilmente le puzzano i piedi a sua insaputa.
  2. Oppure il mondo è impazzito e allora fateci scendere. Tiro fuori il pollice. Scotty, beam me up! (Basta Star Trek prima di andare a dormire, promesso).

Seriamente, qui sembra di essere in una spiritosa commedia inglese stile “Quattro matrimoni e un funerale”. Prolificano fiori, abiti bianchi et similia. Koris non capisce.
“Perché sai, uno arriva a una certa età, a un certo punto del suo percorso e deve prendere delle decisioni.”
“Cosa credi, lo faccio anche io.”
“Vedi? Quindi uno si deve guardare dentro e chiedersi ‘Voglio passare il resto della vita con questa persona?’ e agire di conseguenza.”
“Veramente le mie domande sono più sul genere ‘faccio l’analisi dati col test di Fisher o il BDT?’ oppure ‘stasera arrampicata in palestra o nottata geek a giochi da tavolo?'”
“Sei un mostro.”
Bene, tutto questo sproloquio perché? Perché Koris ha appena appreso di una neo-collega, qui da un mese, fidanzata in relazione a distanza (e distanza del genere 2600 km) con un autoctono che non lavora qui… e si sono sposati. Da quando stanno assieme? Nove mesi.
Ora, che si levi pure il coro di “cazzi loro”, ma Koris si pone domande su sé stessa, dal momento che trova la cosa un tantinello aberrante. Ricorda ancora le discussioni dell’una di notte con Sofia.
“Ma che poi, il matrimonio a cosa serve? È un contratto.”
“Infatti, si sta bene anche senza.”
Che poi quando Koris ha palesato questo suo sentimento al di fuori della stanza è stata presa per un essere dai sentimenti asfaltati. Cosa che ormai è considerata un complimento.
Siccome ormai Koris è un piccolo drago delle simulazioni Montecarlo, ha provato ad associare il medesimo algoritmo di coniugazione alla sua ultima relazione, conclusasi un anno fa. Ho trovato che avrebbe dovuto sposarsi in concomitanza della sua partenza per Berna.
Risultato dell’applicazione finale: kyrie eleison. Arridateme er neutrino, subbito. Ci ho da lavorare, io (che è diventata un po’ una scusa universale per qualunque cosa).
Anche Koris è lavoratrice in terra straniera, ma finché tiene l’UE è ben lungi dal trovare sordidi escamotages per ottenere il visto. Che poi diciamocelo, a 20 o poco più anni è un pochino squallido. E per un dottorato il visto si trova sempre.
Quindi Koris sta stilando un elenco di scuse plausibili alla domanda “E tu pensi di sposarti?”. Qui alcune:

  • sono una vestale della fisica, sono in missione per conto del leptone.
  • Cala la notte, e la mia guardia ha inizio. Non si concluderà fino alla mia morte. Io non avrò moglie, non possiederò terra, non sarò padre di figli. Non porterò corona e non vorrò gloria. Io vivrò al mio posto, e al mio posto morirò. Io sono la spada delle tenebre. Io sono la sentinella che veglia sul muro. Io sono il fuoco che arde contro il freddo, la luce che porta l’alba, il corno che risveglia i dormienti, lo scudo che veglia sui domini degli uomini. Io consacro la mia vita e il mio onore ai Guardiani della Notte. Per questa notte e per tutte le notti a venire. Seguito da sguardo di sufficienza e  Tu non sai niente, Jon Snow (ok, anche basta AGOT prima di andare a dormire)
  • seguo la via del Kolinahr
  • i Maiores stanno ancora pagando il mutuo per la dote. Per non parlare del corredo, l’Amperodattilo ci sta uscendo di testa…
  • per piacere, con le fan fiction ho chiuso.
  • sono allergica alle promesse a lungo termine. Cioè, capiamoci, mi stufo dopo un anno e mezzo di qualunque esperimento, il “finché morte non vi separi”, per quanto a tempo determinato, sembra una minaccia.
  • cacchio, ho scordato il gatto nel microonde, vado a recuperarlo che se no gli viene il pelo brizzolato! (questa fu una genialata di W., utilizzata ad libitum per anni)

Questo è quanto, chi vuol esser lieto sia, lo Stato Maggiore la pensa così. Absit iniuria verbis, come al solito.

Chiosa finale nonché massima sapienziale dell’Amperodattilo: “a’ cuë de mariöse te piggia comme a’ cuë d’ando’ au cessu”, trad. it. “la voglia di sposarsi prende come la voglia di andare al cesso” (poi ci si domanda dove si nascosto il romanticismo di Koris, ma la risposta è nei geni). In tal caso si farà scorta di imodium.

Annunci

Messo il tag:, , ,

0 thoughts on “Mica siete dei verbi

  1. Quella del Sangue di Porco 25 aprile 2012 alle 10:08 Reply

    A me la storia d’andare al cesso è quella che m’ha fatto più paura di tutto il pezzo eh.
    Cioè, se funziona davvero così potrebbe succedere pure a me. Poi se una è pure abituata a un intestino regolare… -no, questi dettagli non servirebbero ma sai, è che ci sono rimasta male a pensare che ogni mattina potrebbe venirmi voglia di sposarmi.
    No, comunque la mia domanda ogni volta che sento “Oh lo sai, quello si sposa” è “Ma questo non c’ha niente da fare?”. Ma non solo lavorare eh. Cè pure passeggiare, dipingere, cantare, cucinare, viaggiare, pulire i cessi, rotolare giù dalle colline, andare in giro ad aiutare gente ad alzare le saracinesche ai bar, non lo so, ci sono tante cose più sensate da fare prima.
    Come se fosse il tappo per la noia mortale. Ops, forse lo è.
    La mia risposta a quelli che dicono “Eeeeh ma tanto arriverà pure per te il momento! E solo che sei giovane!” A parte che tanto giovane non ci sono più e che da giovane c’avevo pure pensato a sposarmi (ho ancora uno che chiamo Marito e siabenedettoilcielo è solo uno strascico di soprannome)
    E’ una cosa tipo “Perché tu puoi dire già di Sapere che vorrai un coniuge per tutta la vita e io non posso già dire di Sapere che Non lo vorrò?”
    Ma sembra contorto.
    Avevo scritto Sembra contorno, devo smettere di scrivere e andare a cucinare. Forse poi dopo mi sposo.
    Comunque era per dire che io ormai ho fatto il callo all’epidemia di sposalizi, non mi fanno nemmeno più paura, sono rassegnata al fatto che siano tutti scemi e amen. Il problema è che questi sono quelli che poi figliano.

    Mi piace

    • Yaxara 25 aprile 2012 alle 10:38 Reply

      Spero che non scatti subito dopo i pasti o sono uccelli senza zucchero! Comunque sono d’accordo sul fatto della noia mortale, lo si diceva persino in “Quattro matrimoni e un funerale”.
      Comunque i ragionamenti contorni sono i migliori 😛
      (E i tuoi commenti mi fanno sempre scompisciare dalle risate!).

      Mi piace

  2. Jacque 25 aprile 2012 alle 15:44 Reply

    Ma sinceramente io non ne vedo il bisogno. Cioè, l’idea remota – leggasi, fra tipo dieci anni – ci può pure stare, finché è un’idea.
    Nel mentre, se uno si trova l’accoppiato, io non vedo che ci sia di male nel convivere, tié. Se proprio proprio non si vuol stare io a casa mia tu a casa tua e ci si vede nel frammezzo di tutto il resto.

    Poi, la roba dei due tipi che si sono sposati dopo nove mesi e nove mesi di distanza mi fa ridere. No, ma ridere proprio. E’ come se lo facessi io, adesso. Ma siamo scemi?
    Anyway, c’ha ragione Quella del Sangue di Porco: ultimamente sembra essere il tappo alla noia, non si sa che fare, ci si sposa. Ma perché?

    Poi lasciamo perdere qui OltreOceano che tutti a 25 anni so’ già sposati, mamma santa che annnnnsia ma perché? Adesso mi hai dato ispirazione per un post, sappilo.

    Mi piace

    • Yaxara 25 aprile 2012 alle 15:54 Reply

      Tu sei una persona saggia, non c’è che dire.
      La storia dei due che si sono sposati dopo nove mesi, per altro, ha generato questa frase detta dal mio collega ex-stronzetto “Ah, hanno esaurito le cose da fare e hanno deciso di sposarsi?”
      Comunque declino ogni responsabilità per ispirazione a post altrui, eh. Oppure commento solo in presenza del mio avvocato! 😛

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: