Traslocatemi

C’era un tempo in cui Koris, in laboratorio, albergava nell’Ufficus. Ovvero l’ufficio col ficus, fantozziano simbolo dell’Olimpo aziendale. Le mancava la scrivania in marmo e la poltrona di pelle umana, ma ci stava lavorando. Condivideva l’ufficio con H. e non era male avere qualcuno con cui parlare italiano di tanto in tanto.
Poi un tedesco non bene identifico rivendicò il Koris-post ed essendo Koris solo dottoranda, quindi alla base della catena alimentare accademica, dovette traslocare.
Lo Stato Maggiore è convinto che il Minchione che sta ai servizi generali e assegna gli uffici si sia preso una bruciante rivincita su Koris, che è stata relegata nell’ufficio peggiore del laboratorio. Quello in cui non ci sono le prese elettriche d’emergenza e se va giù la corrente tanti saluti (normalmente esiste un circuito alternativo che dà il tempo di salvare il lavoro in corso prima di esplodere). Inoltre due pareti dell’ufficio sono a vetri, quindi da fuori si vede tutto, ivi compreso se uno è in laboratorio in mutande. Per non parlare di quello che passa per il monitor. Senza contare che l’ufficio è buio e spifferoso come la torre di Nord Ovest di mago Merlino.
Comunque il problema è un altro. Anzi, sono due: gli occupanti dell’ufficio, che esistevano prima del Koris-arrivo. Per semplicità li chiameremo CallCenter e PuzzaCheAmmorba. Sono entrambi cinesi, ma questo è un dettaglio inessenziale.
Il nome CallCenter parla da solo: è sempre al telefono. Nessuno può telefonare, nemmeno in conference call ove necessario, perché lui monopolizza l’unico apparecchio per il 70% della sua permanenza in ufficio. I primi tempi Koris pensava che, essendo CallCenter in cotutela con un’università cinese, contattasse il suo professore di referenza oltre la via della seta. Poi si è resa conto che le chiamate di CallCenter vengono effettuate ad ore in cui in Oriente sono le quattro di notte. Ora, nessuno dubita che i ricercatori cinesi lavorino anche alle quattro di notte, ma che ciò accada tutti i giorni è sbalorditivo. E con tutti i giorni si intende proprio tutti i giorni, visto che CallCenter era lì anche le sfortunate volte in cui Koris ha dovuto lavorare nel week-end. Un’altra particolarità di CallCenter è effettuare le sue chiamate ad un volume tale che probabilmente lo sentirebbero in Cina anche senza telefono. Per altro Koris sospetta che adori farsi ascoltare mentre sciorina i suoi risultati in un linguaggio incomprensibile. Più volte Koris ha provato a contrastare i suoi discorsi alzando il volume di qualche inascolatbile disco dei Rhapsody o qualunque altra cosa, ascoltando in cuffia. Incredibile ma vero, CallCenter alzava ancora di più la voce. È una maledizione.
Anche il nome PuzzaCheAmmorba parla da solo. È un individuo che puzza. In pratica è un oltraggio all’apparato olfattivo di chiunque. Non si sa da dove sia uscito e probabilmente non si vuole sapere. Di cosa puzza? Principalmente di fumo, visto che fuma come una ciminiera dell’Enel. Ma non solo. Diciamo che esibisce una puzza diversa e variabile a piacere ogni dì. Ultimamente poi, data la calura, ha il ventilatore sulla scrivania, che punta prima su di lui, quindi su Koris, la quale si gode in anteprima mondiale gli effluvi pestiferi. Oggi per esempio pareva uscito dalla cucina di un ristorante giapponese di infima categoria, di quelli che si friggono pure la nonna. Forse si era fatto la doccia con miso e uovo crudo avariato, anche se Koris dubita, dato l’olezzo, che conosca l’uso della doccia. PuzzaCheAmmorba non parla una parola di francese e forse ne parla mezza di inglese. In ogni caso, ogni volta che Koris ha tentato di salutarlo (desiderando ardentemente una maschera antigas) è stata ignorata, non si sa se per questioni di cortesia o di lingua. Ultimo dettaglio: pare che PuzzaCheAmmorba faccia una tesi sulla violazione di CP senza sapere cosa sia. Evviva evviva.
Ora, Koris è auditivamente e olfattivamente disagiata da più di due mesi. Domanda un trasloco immediato. Anche in giardino, ove necessario.

Annunci

Messo il tag:, , , ,

2 thoughts on “Traslocatemi

  1. mezzastrega 4 luglio 2012 alle 17:49 Reply

    oh stellina!
    Portati 4 litri di varecchina per puzza che ammorba e un bel giro di nastro adesivo per call-center
    E se ti chiedono che fai, fingi di non parlare la lingua, come loro!

    Mi piace

    • Yaxara 5 luglio 2012 alle 06:56 Reply

      Per CallCenter sto cercando dello scotch gray tape a poco prezzo su internet. Per contrastare gli effluvi di PuzzaCheAmmorba mi sniffo tipicamente la maglietta: il mio armadio rigurgita lavanda di Provenza, quindi è abbastanza potente.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: