Requiem, episodio due

Scegliamo una musica adatta all’occasione, come questa. Quindi veniamo al dunque.
Trillian si è suicidata con successo, questa volta. La visione tragica vuole che si sia fritto l’hardisk, ma la spes ultima dea induce a pensare che potrebbe essere solo Mac Os X che ha deciso di passare nel paradiso dei cylon… ahem, macbook.
In tal caso Koris ha già pronta la contromossa, che non verrà divulgata per questioni di scaramanzia.
(Se vi chiedete perché su codesto blog sono comunque presenti gli accenti nonostante la tastiera americana, provate a scrivere un post direttamente in HTML. Vi divertirete un casino)
La cosa veramente turpe è stata la morte completamente indolore del macbook in questione: ha deciso di non funzionare più l’unica volta che è stato spendo secondo la procedura convenzionale. Ma del resto, quando giunge l’ora mica ci si può sottrarre. Si vede che il clock aveva battuto il suo ultimo tac. Ci si domanda solo perché tutti i Koris-computer debbano morire d’agosto. Desiderio di ferie mai concesse?
Koris non si sta strappando i capelli e cospargendo il capo di cenere perché in un certo qual modo se lo aspettava. Trillian era ormai alla soglia dei cinque anni, che per un computer portatile equivale ad un paio di secoli. Leggendo qua e là sui forum si scopre che la via media di un notebook è due anni e mezzo. Contando che Trillian ha prestato servizio ininterrotto, con quasi altrettanti giorni di accensione, si capisce che di più non si poteva chiedere.
Un’altra ragione della contenuta disperazione è l’assente perdita di dati. Faremo un ex-voto a santo Backup, che giunse a noi ai tempi di Linux e ci insegnò la caducità della vita e dei dati informatici. Ah, e anche santo hardisk esterno, ora pro nobis.
E il futuro? È nebuloso.
Nonostante dopo l’esplosione dell’anno scorso Koris fosse decisamente propensa a continuare la dinastia della mela col morso, ora esita. Soprattutto perché il macbook pro è un discreto salasso ove il gioco non vale la candela. E Mountain Lion pare in odore di porcheria, senza contare che Koris ha da tempo voglia di un sano ritorno all’open source. Vuoi mettere l’emozione di potersi cancellare la home completamente a caso?
Per ora l’unica connessione internet di Koris, ufficio a parte, è l’iPod, scomodo come poche altre cose al mondo. Quindi le Koris-incursioni sul web potrebbero farsi più che mai sporadiche. Nel frattempo lo chiameremo un periodo di disintossicazione serale dal computer. La cosa meno sopportabile è la seconda stagione di Battlestar Galactica mollata a metà e impossibile da vedere. Per fortuna non ci si trovava in un momento di particolare suspance.
Vi terremo informati per le esequie, per il momento ci limitiamo a un’autopsia con eventuale accanimento terapeutico.

Annunci

Messo il tag:, , ,

6 thoughts on “Requiem, episodio due

  1. amper 8 agosto 2012 alle 09:53 Reply

    Sono contro l’accanimento terapeutico!!!!! …….e favorevole alle nuove generazioni……

    Mi piace

  2. laViscida 8 agosto 2012 alle 13:04 Reply

    Magari è l’attimo per condurre una vita ascetica ed elevare la propria anima oltre le lo scandisk e la pulizia del cestino (sempre che voi applettiani l’abbiate).

    Mi piace

    • Yaxara 8 agosto 2012 alle 13:13 Reply

      Oh, si, ora posso fare un sacco di cose alla sera. Come stirare, per esempio.

      Mi piace

  3. Quella del Sangue di Porco 10 agosto 2012 alle 05:55 Reply

    Un’immagine di te che stiri è un po’ come dire a un padre orgoglioso che sua figlia si droga.

    Condoglianze, prima di tutto. Secondo, poiché nessun rimpianto è nella vita di Trillian, immagino che sia felice da qualche parte alla termine dell’universo, e sono già impaziente di conoscere il nuovo nome, se open source anche di più 😀
    Il mio portatile quest’anno non muore (non come agosto dell’anno scorso mentre ero in SudTirol e tutti i tecnici delle alpi erano in vacanza) giusto perché non ho la tesi da scrivere e tutto il resto del porcume è sul server dei miei bioinfo-genitori, che comuqnue l’anno scorso ad agosto ha dato segni di cedimenti, ma era sempre perché io dovevo scrivere la tesi.

    L’eacute e gli ugrave mi divertivo a usarle, ma io ho problemi di valutazione della noia.

    Mi piace

    • Yaxara 10 agosto 2012 alle 11:27 Reply

      In effetti no, sullo stirare ho cambiato idea.
      In verità credo che per il rimpiazzo ci voglia qualche tempo, siccome non intendo regalare 1200 euro alla Apple e allo stesso tempo non ho idea di cosa mi convenga prendere. Certo è che, una volta scelto, OpenSource (solo che attualmente è un bordello al punto tale che ho già avuto più volte la tentazione di comprare un hd nuovo a Trillian zombie e tanti saluti).
      Ieri ho scoperto i portatili militari e mi sono innamorata, ora devo solo farmelo passare (attualmente sono on line da un fisso a scrocco con tastiera AZERTY e win XP, un fossile, in pratica).

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: