Fibrillazione

Koris non conosceva esattamente cosa volesse significare questa parola, E.R. a parte. Insomma, non l’aveva mai sperimentata. Ma ora che ha il cuore che le batte come quello di un criceto ha un’idea piuttosto precisa. Poi ha deciso di optare per la politica “pigliarla in ridere per non pigliarla nelle terga” ed eccola qui che scrive.
Cosa nota, Koris deve traslocare e la sta prendendo come la prese tre anni fa. Per dirla con Junior “guarda che il trasloco all’Elba non è considerato una delle campagne di Napoleone”. Bene, un cappero.
Koris ha saputo ieri sera che sebbene la casa sia disponibile fino al 1 febbraio, la si vuole sgomberare il 26. Nessun diritto di appello, tanto per cambiare.
Koris ha scoperto oggi che l’inquilina della sua nuova casa vuole andarsene il 31. Il che complica enormemente le cose, la missione Ikea e tutto quanto. Koris sperava di avere una settimana di parallelo per poter gestire le cose, invece nisba.
Essendo che il panico non porta a niente e la fibrillazione probabilmente nemmeno, Koris ha elaborato un piano incentrato su un unico grande elemento portante:

  1. fra il 26 e il 31 accamparsi in casa attuale con materasso di fortuna, pochi generi di conforto da guerra atomica e un barattolo di Nutella da 5 kg almeno;
  2. andare all’Ikea e chiedere all’inquilina (Koris per inciso ve lo aveva detto che è Russa?) di poter scaricare quanto meno i cartoni in cantina, pregando che gli Svedesi siano maestri dello zippaggio;
  3. arruolare l’unico santo disponibile, ovvero U Babbu, per procedere al trasferimento di tutto il casino nella casa nuova, più montaggio mobili compulsivo dal 31 fino alla fine dei tempi.

C’è da dire che lo stress è un balsamo contro la tristezza da abbandono. Non c’è niente di meglio che ritrovarsi nella merda pratica per dimenticarsi della merda retorica e sentimentale.
Comunque se crolla la cantina è la fine. Oppure l’inizio di un piano mostruosamente complicato, ancora peggio del precedente. Se crolla la cantina sarà meglio restarci sepolti sotto.
Ora però vediamo di calmarci, che stasera si vorrebbe andare ad arrampicare, evitando di sfracellarsi altri arti.

scoiattoli

Scoiattolini dormienti. Perché i gattini di ricordano troppo Spin e non ci rilassano abbastanza.

Annunci

Messo il tag:, , , ,

16 thoughts on “Fibrillazione

  1. Jacque 10 gennaio 2014 alle 13:56 Reply

    Respira, come si dice dalle mie parti.
    Gli Svedesi impacchettano tutto a modo, potresti anche arrabbattarti nella casa nuova con una specie di fortino, volendo…

    Mi piace

    • yaxara 10 gennaio 2014 alle 14:09 Reply

      Eh, ma della casa nuova avro’ (forse) a disposizione solo la cantina. Se no il problema non esisterebbe.

      Mi piace

      • Jacque 10 gennaio 2014 alle 14:15

        Accampaarsi da qualche amico?

        Mi piace

      • yaxara 10 gennaio 2014 alle 14:18

        Mah, per ora il problema tempistiche è stretto, ma non prevede accampamenti all’infuori del domicilio. Ma il Cetriolo Cosmico potrebbe colpire ancora.

        Mi piace

  2. Cianuro 10 gennaio 2014 alle 15:33 Reply

    Accamnparsi dentro l’Ikea?

    Mi piace

    • yaxara 10 gennaio 2014 alle 16:05 Reply

      E qui mi viene in mente quella pubblicità anni ’90 del tizio che andava a vivere alla Coop mandando a scuola i figli nel reparto banane.

      Mi piace

  3. altrirespiri 10 gennaio 2014 alle 19:27 Reply

    il fatto che sia russa fa differenza?

    Mi piace

    • yaxara 10 gennaio 2014 alle 23:15 Reply

      Quando ci sono di mezzo i Russi, i Koris-casini si complicano sempre. Matematico.

      Mi piace

      • altrirespiri 13 gennaio 2014 alle 14:23

        oh mi dispiace… a me succede con i chioggiotti 😀

        Mi piace

  4. Fannes 11 gennaio 2014 alle 08:34 Reply

    Puoi lasciare la roba da me se ti fa comodo, sono così vicino!

    Mi piace

    • yaxara 14 gennaio 2014 alle 09:09 Reply

      C’hai una macchina? O un teletrasporto?

      Mi piace

      • Fannes 14 gennaio 2014 alle 10:16

        Si ho comprato un’altra macchina proprio perché qua a singapore il governo non penalizza assolutamente i mezzi privati, e se si escludono quei 70 mila euro da pagare per una licenza decennale non trasferibile relativa a una singola categoria di autovettore, i prezzi sono davvero irrisori.

        ti linko il sito della volkswagen per farti un’idea di questi modelli, a partire dalla modica cifra di 134.000 dollari.
        http://www.volkswagen.com.sg/en/models/pricelist.html

        Mi piace

  5. fradicuneo 13 gennaio 2014 alle 11:09 Reply

    L’opzione scalata mi sembra la migliore per riuscire ad entrare in fase zen!!

    Mi piace

    • yaxara 14 gennaio 2014 alle 09:08 Reply

      Il problema è che dovrei traslocare in un grotta ai piedi di una falesia e non fare altro…

      Mi piace

  6. spicciola 14 gennaio 2014 alle 14:15 Reply

    Concordo sul piano di andare a dormire per un po’ dentro qualche mobilificio. Se l’ikea è troppo affollata, puoi sempre ripiegare su uno di quei postacci già semideserti, ingrigiti ulteriormente dalla crisi (anche lì si sentirà un pochino, no?). Comunque meno male che c’è questo problema pratico da affrontare. Santo trasloco. E se ti resta la cantina, portati il libro di Ammaniti “io e te”, e troverai ottima compagnia in pochissimi metri quadri.

    Mi piace

    • yaxara 15 gennaio 2014 alle 16:06 Reply

      Invece pare ci sia stata un’incredibile svolta nella faccenda! Sarete tenuti aggiornati sull’epica della cantina.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: