Vacanze o forse anche no

Il bello di avere un contratto oscuro, praticamente italico e in nero se non fosse per l’intestazione dell’università, permette la manifestazione del fenomeno paranormale delle vacanze a scomparsa.
Koris apporta prontamente una testimonianza.

Ieri, a pranzo, la Segretaria Pescivendola dice che non vede l’ora di avere una settimana di vacanze, dal 24 febbraio al 3 marzo. Koris la invidia e lei risponde.
“Guarda che la hai anche tu.”
“Ne siamo convinti?”
“Chiedi alla Capa.”
La Capa, sempre tallonata dalla Tacchettina che le porta lo strascico, conferma.
“E anche due settimane a Pasqua! Ma perché ti stupisci?”
“Perché noi fisici particellari sociopatici non prendevamo vacanze mai, non ci sono abituata. Ma mica mi lamento”
Pertanto Koris aveva già cominciato a elucubrare e fare piani per come meglio sperperare le ferie queste sconosciute. Solo che in questi giorni è flemmatica e non ha portato a termine le prenotazioni degli aerei. Per sua fortuna.

Oggi, la Capa aspetta di trovare Koris da sola in ufficio. Koris spera che sia una comunicazione interessante e viene puntualmente disillusa.
“Ho pensato un po’ alla questione vacanze ed effettivamente quelle che prendiamo noi sono parecchie.”
“Effettivamente…”
“Ma noi arriviamo presto la mattina e ce ne andiamo tardi la sera, mentre tu hai degli orari più standard.”
Koris sorride per evitare di fare presente che loro fanno colazione dalle otto alle nove e mezza, prendono il caffè dalle dieci alle undici, fanno pranzo da mezzogiorno alle due e mangiano la merenda dalle quattro alle sei. Più che un orario lavorativo, è una gruviera.
“Quindi reputerei giusto che noi Capi e Tacchettina prendiamo le ferie, tu e l’altro post doc restate a lavorare”
Koris non ha ribattuto solo perché lavorare significa all’atto pratico girarsi i pollici. Ha deciso di non incazzarsi solo perché il suo fegato ne sta già passando troppe. E prevede che quando l’università sarà deserta, si porterà uno stereo e farà risuonare heavy metal nei corridoi.

Ora, è sempre la storia della vecchina di Siracusa, come direbbe l’Amperodattilo. Non che a livello ferie il Replicante fosse meglio, come ben si sa (anzi!). Ma almeno aveva la decenza di trovarsi nell’ufficio accanto, senza fare figli e figliastri.
Comunque qui urge che il prossimo contratto sia chiaro in materia di ferie. Che cappero.

Annunci

Messo il tag:, , ,

12 thoughts on “Vacanze o forse anche no

  1. vidaemquadrinhos 30 gennaio 2014 alle 13:55 Reply

    Ma in Francia non esiste una specie di sindacato dei fisici particellari sociopatici (che bella e inquietante definizione al tempo stesso *:*) a cui puoi chiedere giustizia? Ti parlo da ignorante che un lavoro vero finora non l’ha mai avuto :/

    Mi piace

    • yaxara 30 gennaio 2014 alle 14:01 Reply

      All’università vige una sorta di sistema omertoso del silenzio/assenso, ovvero “io non ti faccio problemi e tu fai quello che dico io”. I contratti sono nebulosissimi, ma si firmano lo stesso se si voglio avere speranze di restare nel giro. E di sindacati, ovviamente, manco a parlarne. Questa è una delle ragioni per cui sto cercando di uscire dal giro. 🙂

      Mi piace

      • vidaemquadrinhos 30 gennaio 2014 alle 14:08

        Bene, tutto mondo è paese :/ Spero tu possa trovare qualcosa di più chiaro e di migliore il prima possibile!

        Mi piace

  2. Cianuro 30 gennaio 2014 alle 17:07 Reply

    Oddio, che poi uno si accoderebbe pure a tutte le pause di ‘sta gente almeno per dire “e che cazzo, lo fai te e lo faccio anch’io” ma passare le pause co’ sta gente è talmente noioso che è meglio passarle a lavorare

    Mi piace

    • yaxara 30 gennaio 2014 alle 20:43 Reply

      ESATTO! Punto centrato con precisione millimetrica. Piuttosto che farsi un frullato di gonadi con loro, meglio lavorare e uscire prima.

      Mi piace

      • evilocianuro 31 gennaio 2014 alle 08:09

        Tutto il mondo è paese anche in questo!

        Mi piace

      • yaxara 3 febbraio 2014 alle 12:06

        è che qui la gente non si rende conto che sta vincendo un biglietto omaggio per una vacanza a fanculo.

        Mi piace

  3. Jacque 30 gennaio 2014 alle 17:10 Reply

    Qua c’abbiamo la gente che va per mezzo mondo, e si annuisce, e shhht.

    Mi piace

    • yaxara 30 gennaio 2014 alle 20:44 Reply

      Qua c’abbiamo gente cogliona. Succede.

      Mi piace

      • Jacque 31 gennaio 2014 alle 09:38

        Purtroppo si.

        Mi piace

  4. altrirespiri 2 febbraio 2014 alle 07:39 Reply

    Le università in fine son tutte uguali?

    Per niente rincuorante…

    Le vacanze di Pasqua però le fai?

    Mi piace

    • yaxara 3 febbraio 2014 alle 12:05 Reply

      Nein. Nada vacanze di Pasqua. A meno che non mando mail contraddittorie fingendo di lavorare ma stando alle Maldive.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: