La guerra dei decibell

Continua la saga del paranormale in ufficio, Koris (coperta di muffa da quanto la sfruttano, lezioni a parte) sta pensando di farci una seconda tesi di dottorato. In sociologia disagiata, questa volta.
Il protagonista indiscusso dell’insofferenza odierna è dottorando tirannicoforforoso, che sta superando la Tacchettina in molestia. Ma solo perché la Tacchettina è ultimamente troppo impegnata ad allenarsi per le olimpiadi nella disciplina della leccata di culo acrobatica con avvitamento, e pertanto staziona nell’ufficio della Capa. Probabilmente si cimenterà nella leccata di culo dai dieci metri per le competizioni successive.
Ad ogni modo, si parlava del novello Pisistrato con problemi al cuoio capelluto. Negli ultimi due giorni si rendeva particolarmente molesto per importare in ufficio alle nove del mattino una pizza al liquame che pareva confezionata da Morchia, il cattivo bisunto dei Biker Mice che trasuda olio esausto. L’olezzo era simile a quello del compost fatto male e la scrivania non si riprenderà molto facilmente dall’alone lasciato dalla nuova arma chimica. Koris non credeva che una pizza potesse diventare non solo disgustosa, ma anche repellente.

Morchia

Morchia, il pizzaiolo di fiducia del dottorando tirannico-forforoso. Direttamente dalla Koris-infanzia.

Stamattina Koris è andata a fare due ore di lezione ai Mostriciattoli della triennale, che si stanno dimostrando essere una compagnia più gradevole dei colleghi. Quando è rientrata in ufficio, per un attimo ha pensato di essere stata teletrasportata in una discoteca del litorale romagnolo, con cibo scadente annesso. Il dottorando stava imponendo la sua playlist al piano intero.
“Dai, non fare la stronza, ora ti chiederà se ti dà fastidio. O la pianterà da solo” si dice Koris, cercando di riallocare un po’ di fiducia nell’universo circostante. Speranza vana. Non solo non abbassa il volume, ma si improvvisa Roger Taylor de no’ antri e comincia a elargire manate e pedate a qualunque oggetto a portata di arto. Ogni tanto si interrompe per parlare da solo.
L’istinto (omicida) di Koris propone di caricare una roba tamarra come “Overture 1812” e spararlo a tutto volume. Se il rispetto è morto, facciamogli un bel funerale, che dopo gli mettiamo pure il Requiem di Berlioz col “Turba Mirum” bello casinista. Davvero, Koris, se lo fa lui puoi farlo anche tu. Anzi, tu a maggior ragione perché dottore lo sei già.
C’è un però in tutta la faccenda: un terzo incomodo nel conflitto, il post-doc di turno. Che alla fine è quello meno molesto di tutti, a conti fatti. Koris capisce che tocca la ritirata strategica in attesa di colpire quando il nemico non avrà ostaggi a disposizione. Si arma di auricolari scrausi per alienarsi dal mondo. Segue la percezione delle Koris-orecchie nell’ultima mezz’ora.
Into the ray of the sun marching our heeeeros hunting the daaaaarklor…
Tunz tunz tunz
… ceeeeento in Francia, in Turchia novantuna, maaaaaa, maaaa, ma in Ispagna son già milletré…
Tunz tunz kabom sbeng tunz tunz
… we’re not gonna keep it silence, we’re not gonna live with feeeeeeeeeeeeeeeeeear, uououououo…
“Allora unz unz unz devo prendere il robo e tunz tunz tunz”
… e sette sono i soli, sette le lune otto sono i fuochi e nove le fanciulle…
Kaboom unz unz “Sposto la fugura a destra” unz unz unz
… Praise for the moon! Hiding for the day! This might be ouuuuuuuuuuuut laaaaaaaaaaast tiiiiiiiiime!
La cosa poteva protrarsi per molto. Per fortuna la Capa è venuta a prelevare il molesto per non si sa bene quale ragione, ma non che la cosa ci interessi (si aspetta piuttosto che arrivino i Biker Mice a spedire la pizza-Morchia su Plutarco).
Da allora Koris contempla il silenzio come un monaco Zen sul monte Fuji. Se sul monte Fuji facessero sgommare i motorini in cortile, ben inteso.

P.S. Chi becca tutte le citazioni musicali è debosciato come Koris.

Annunci

Messo il tag:, , , ,

7 thoughts on “La guerra dei decibell

  1. altrirespiri 28 marzo 2014 alle 11:03 Reply

    non ne becco nessuna… cosa sarò mai?

    Che vita movimentata, dottoressa!

    Mi piace

    • yaxara 28 marzo 2014 alle 11:04 Reply

      Meno debosciata di Koris!
      Non è una vita movimentata, è una fregatura: io aspetto sempre che arrivi il Replicante a dirmi che era tutto uno scherzo e che mi riprende con sé.

      Mi piace

      • altrirespiri 28 marzo 2014 alle 11:06

        se vuoi tornare col Replicante non sei solo debosciata…
        ma …
        non pensiamoci dai!
        Tutto fa brodo. Nel CV potrai aggiungere che hai particolari capacità di sopportazione e gestione delle menti disturbate…

        Mi piace

  2. Quella del Sangue di Porco 28 marzo 2014 alle 11:35 Reply

    Non so se è meglio così…
    o se scopri che il collegauomotriste, che veramente dovrebbe essere internato e dietro cui si cela un mistero ancora non svelato per cui tutti i prof nonostante vogliano eliminarlo sono costretti a tenerlo tra noi da dieci anni (sono indecisa da storie di figli illegittimi di mafiosi e intrighi col Vaticano), ascolta il tuo musical preferito.
    Ok, tu lo ami da dieci anni nell’originale francese anche per motivi affettivi, lui l’ha scoperto qualche mese fa in italiano in tv, ma un po’ fa effetto lo stesso…

    Mi piace

    • yaxara 28 marzo 2014 alle 11:39 Reply

      A quel punto puoi lanciare una crociata contro l’usurpatore. Io sono più per la derattizzazione, a questo stadio.

      Mi piace

  3. BelleRoseDuPrintemps 30 marzo 2014 alle 23:14 Reply

    Debosciata in pieno.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: