Antidepressivi innaturali

Quando capitano le serate “decisamente no”, Koris guarda Voyager. E no, non sta parlando di Star Trek. Trattasi di un’antica usanza collegiale, ancora praticata dai singoli dopo la disgregazione del gruppo. Si cominciava con qualcuno che dimenticava la televisione accesa durante una cena conviviale. Iniziava Voyager e catturava l’attenzione di tutti, con telecronaca diretta e battuta pronta. Si cominciava con cose leggerine e dall’ironia facile, come i teschi di cristallo, e se la serata evolveva in quella direzione, il perculamento procedeva su YouTube. Bersagli preferiti: pseudoscienza in generale, bosoni di Higgs transdimensionali assieme ai tapiri di Lovecraft, dibattito su Chtulhu imboscato nello scarico del lavandino, uso del Necronomicon come incarto delle patatine fritte. Se poi il gruppo era particolarmente ristretto, affiatato (e tipicamente comprendeva Junior e Koris) si andava col pesante sulle esperienze ultraterrene, scoprendo che “anche gli angeli apprezzano il birrozzo”. E il giorno dopo andavi a dare quantistica con un altro spirito.
Ieri sera era una serata no da manuale, post scazzo lavorativo, post attacco allergico da leccaulite acrobatica, post morte del personaggio preferito in “Wheel of Time”, post motre del personaggio preferito in “Game of Thrones” (sì, Koris lo sapeva già che moriva, ma aveva voluto crederci; del resto quando leggeva le memorie della campagna di Russia si diceva “beh, magari cambia qualcosa”). Tutta sola, fagocitata dal buco nero del divano manufatto, aveva due opzioni: le droghe pesanti o Voyager.
Ha optato per la seconda, nonostante a Marseille sia relativamente facile procurarsi anche le prime, una volta trovato il supermarket giusto.
Fra tutta l’ampia scelta di fanfaluche dall’Alpi alle Piramidi, dagli appendini alle Ande, l’attenzione di Koris è stata catturata da “Basi missilistiche segrete sotto il Melogno“. Che il Melogno sta a uno sputo a palombella da Merdopoli. ZuVenturinu ci andava in bicicletta, per dire. Di lì è un attimo che si arriva alla cima del Monte Carmo, dove Koris è andata in tenda con Lerry e gli altri stronzoni dell’Albadociccia (un attimo se non hai uno zaino di 20 kg sulle spalle). Orso andava a fare tutti i merendini di sorta da quelle parti.
E stando a Giacobbo avrebbero biciclettato, merendianto e campeggiato su testate nucleari e segreti americani top secret. Poi gli Americani se ne sono andati, dovevano aver capito che se Medopoli si chiama così, una ragione ci sarà pure. Una città dagli oscuri segreti. Tutti cercano Area 51 nel Nevada e invece la hanno spostata dove nessuno la cercherebbe mai. Cosa che effettivamente avrebbe un senso. E giustificherebbe anche la popolazione locale: siamo tutti Rettiliani, tranne i Valbormidesi (loro no, hanno l’Urucco che li protegge, del resto non è mica una coincidenza se la toponomastica rimanda alla Mesopotamia e all’Egitto).
Rinfrancata nel corpo, nello spirito e nella sua radioattività naturale (deve essere l’influenza delle testate nucleari segrete ad aver spinto Koris verso la fisica, ora sappiamo a chi dare la colpa), Koris ha optato per un secondo video, “Cose che non dovrebbero esistere“. Ma visto che non parlava né del lunedì, né della Tacchettina, ci si è placidamente addormentata davanti.

Annunci

Messo il tag:, , , ,

14 thoughts on “Antidepressivi innaturali

  1. Quella del Sangue di Porco 3 giugno 2014 alle 08:52 Reply

    Un giorno ti racconterò come l’opzione Rettiliani, seriamente, renda logiche tantissime assurdità del mio lab, e magari potrai accorgerti che pure la Tacchettina ha qualcosa a che farci. Le hai guardato le pupille?

    Mi piace

    • yaxara 3 giugno 2014 alle 09:11 Reply

      La tacchettina non puo’ essere Rettiliana. Al massimo è una Burrosa (credo ci siano degli alieni del genere in Doctor Who).

      Mi piace

      • vidaemquadrinhos 3 giugno 2014 alle 17:18

        Off topic: TU guardi Doctor Who? ❤ Che bello, un'altra persona per condividere la mia ossessione!!!

        Mi piace

      • yaxara 3 giugno 2014 alle 17:39

        No, io non guardo Doctor Who perché è troppo caruccio per me, dopo Battlestar Galactica non lo tollererei…

        Mi piace

  2. Jacque 3 giugno 2014 alle 08:56 Reply

    Mi sa che per gli incubi però non funziona, ve?

    Mi piace

    • yaxara 3 giugno 2014 alle 09:12 Reply

      Boh, non ho alcuna memoria di cosa io abbia sognato stanotte. Pero’ confermo che è deleterio sul lungo termine, come tutti gli antidepressivi.

      Mi piace

  3. fradicuneo 3 giugno 2014 alle 09:09 Reply

    Eh il melogno é pure vicino alla ridente Cuneo….forse sono naturalmente radioattiva pure io!!

    Mi piace

    • yaxara 3 giugno 2014 alle 09:12 Reply

      Beh, siamo tutti naturalmente radioattivi. Ma noi di più! 😀

      Mi piace

  4. tetto 4 giugno 2014 alle 17:12 Reply

    continuo a preferire i misteri delle piramidi, le strane gallerie che puntano su Orione ecc…

    Mi piace

    • yaxara 4 giugno 2014 alle 19:53 Reply

      Quello è il classico che non passa mai di moda, come il tubino nero. Anche se ormai anche i muri sanno che Orione, all’epoca della costruzione delle Piramidi, era spostato rispetto a dove lo vediamo ora.

      Mi piace

      • tetto 5 giugno 2014 alle 08:15

        e che le strane gallerie son più probabilmente prese d’aria per i poveri costruttori delle suddette piramidi. Ma vuoi mettere sognare che siano stati gli alieni a costruirle!
        e comunque la più bella di Voyager fu quella di Dante, in Islanda, a cercare il tesoro dei templari!!!

        Mi piace

      • yaxara 5 giugno 2014 alle 08:22

        Mi manca! Me la tengo per la prossima serata no.

        Mi piace

  5. annika lorenzi 4 giugno 2014 alle 19:45 Reply

    quella morte lì in GOT ha scioccato parecchie persone eh…

    ho letto di gente in pieno delirio post traumatico

    Mi piace

    • yaxara 4 giugno 2014 alle 19:55 Reply

      Ecco, io avevo già avuto il delirio post traumatico dai libri. Quindi lo sapevo già che moriva, la tant’è… (poi la scena è effettivamente forte)

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: