Il primo passo

A giudicare dal quantitativo di scartoffie ad altezze andine presenti sulla scrivania del notaio, viene il dubbio che tale professione non abbia subito alcuna evoluzione dai tempi di Jacopo da Lentini in poi. O forse anche da prima. Forse basterebbe un grosso archivio informatico e un software ben fatto per snellire le pratiche (e magari anche i costi). Ma Koris in fondo non ne sa nulla.
Che poi il problema principale di Koris è stato cercare di non ridere, visto che le ritornava ciclicamente in testa il finale di “Così fan tutte” e le veniva da sghignazzare.
Per non dire della gran voglia di darsela a gambe, perché è una cosa orribilmente enorme, più che un passo un salto, pure triplo e con la rincorsa. E poi tu sei quella che rimugina per un mese o anche due l’acquisto di un libro ove questo costi più di venti euri, mentre quella cifra ha un numero fottutamente alto di zeri. È una cosa da adulti e io non sono mica tanto sicura di essere adulta. Aiuto!
Quindi Koris ha passato tutta la lettura del compromesso cercando di svitarsi un dito. Il dito non s’è svitato, per fortuna. Ci mancava solo che cascasse e rotolasse per tutto lo studio, con gli astanti dietro a ruperarlo. Fine della scena splatter per stemperare la tensione.
Chi invece ha l’abitudine alla compravendita immobiliare si vede, la signora incartapecorita che non muove ciglio e assicura di aver portato la documentazione necessaria, che lei ha un faldone per ognuno dei quattro appartamenti che possiede. Estigrandissimicazzi.
Che faccio, firmiamo? Vabbè, siamo qui per questo.
Koris se ne va verso casa con un plico di 300 pagine nello zaino e un sacco di scadenze a cui fare fronte. E la testa piena di domande esistenziali.
“E se mi licenziano e non posso pagare il mutuo? E se mi trasferiscono in luoghi orribili come Cherbourg? E se mi rapiscono gli alieni? E se volessi andare a vivere con sei capre sull’altipiano del Buthan? E se il fungo mangia-case della Bretagna decide di venire a papparsi proprio casa mia?”
Comunque, dubbi a parte, il primo passo per la nuova Koris-casa è stato titubantemente fatto. Restate tonnati.

Annunci

Messo il tag:, , ,

2 thoughts on “Il primo passo

  1. avvocatolo 20 marzo 2015 alle 05:34 Reply

    Ormai, per dirla in una parola, ti sei COMPROMESSA! Che non è una parola, va bene, ma quanto sei pignola eh pure tu…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: