Quanto i Numi ti mandano segni…

… tu, Koris, maledetta testolina di minchia in agrodolce, dovresti starli a sentire. Mica a intestarsi e andare avanti col parere contrario degli aruspici. Anni di versioni di greco e latino non ti hanno insegnato niente, altro che maturità classica.
Che poi la giornata era cominciata anche bene. Koris si è risvegliata fra le braccia dle suo bello (perché il bello è negli occhi di chi guarda, anche se sono miopi), dopo una serata passata ad ascoltare la parodia de “Il combattimento di Tancredi e Clorinda”. Perché a noi piace così: non prendiamoci mai sul serio (Orso nel mentre invoca il complesso edipico). La verità è che Koris avrebbe dovuto restarci, nelle medesime braccia. O quanto meno raggiungerle la sera ad Aix, quando il Koris-bello avrebbe suonato al ballo rinascimentale.
Parentesi: sì, pare la scusa più assurda del mondo per disfarsi della proprio ragazza per una sera. Se solo non fosse vero.
However, Koris aveva da lungo tempo detto di no, che non ci sarebbe andata, che sarebbe andata ad arrampicare a Bibemus, quindi alla festa del Maitre-de-Jeu. Perché Koris è una ragazza moderna, emancipata, che non rinuncia alle proprie passioni per quelle altrui. Facendo en passant il gesto dell’ombrello al Sonno della Ragione.
Però stamattina Koris di arrampicare non aveva assolutamente voglia. Ma proprio zero. Avrebbe preferito poltrire, possibilmente in prossimità di uno specchio d’acqua.
Solo che no, ormai si era ingaggiata ad andare a Bibemus nel pomeriggio, giammai si sarebbe tirata indietro, perché è una ragazza moderna con gli altri titoli e con venti eccetera ed è ancora un’arrampicatrice e sono solo una speleologa.
E fin qui la giornata pareva bisognosa solo di una spinta motivazionale.
Koris è passata da A. a recuperare il sostituito dello smartphogne non sopravvissuto all’esorcismo. E qui scassamento di palle numero uno della giornata: Smartphogne II non accoglie le sim, ma solo le microsim. Come cambiare la sim proveniente da un operatore online probabilmente mariuolo e sicuramente irraggiungibile? Fa parte del terzo segreto di Fatima. Quanto a cambiare operatore si è visualizzato il messaggio di errore “404 sbattimento not found”. Koris rimanda a data da cestinarsi.
Quindi fatta una spesa che una spesa non è, va a prendere la prendere la tipa con cui arrampicare. La quale abita due palazzi più in là delle Casa Rosa sulla Collina, set preferito de “Il Sonno della Ragione”, in omaggio impraticabile viabilità rifatta. Insomma, come ingoiare una Madeleine di Proust ripiena di aringhe e guttalax.
La tipa non ha ben chiaro quale sia il luogo di ritrovo coi di lei compagni di merenda. Alla stazione di Aix. Sempre alla stazione, ma a quella dei bus. Nel quartiere di Pont de l’Arc. Sulla circonvallazione del tredicesimo anello di Saturno. Koris, i cui nervi sono già stati ampiamente provati dal traffico marsigliese prima e dall’autostrada con le buche poi, cerca di mantenersi zen.
Si scopre quindi che i compagni di meredende sono un Punkabbestia rasato con annesso cane e un Marpione Casuale. Koris ha cominciato a nutrire dubbi sulla bontà della sua idea iniziale. Ma oh, non partiamo prevenuti.
Giunti sul sito di boulder di Bibemus, il Punkabbestia non smette di ciarlare (anche se nessuno lo ascolta) di tre cose: di quanto lui sia uno sfattone zen, di quanto sia gelosa la sua ragazza, di quanto si sia disfatto in palestra di roccia all’altra sera. Nel mentre, il di lui cane si aggira freneticamente con un freesbee in bocca. Quando posa il freesbee, vomita. Anche a un nanometro dalle Koris-scarpe da arrampicata, oggetto di venerazione. Koris, che già ama poco i canidi, vorrebbe farne un civet sul posto. Il Maropione Casuale marpiona e non fa sicura a nessuno, tanto a che serve?
Nostalgia del gruppo speleo ivi compresi anche i Puffi adolescenti: oltre il livello di guardia.
Il pomeriggio si chiude con: una sola via tentata e una rovinosa caduta dalla slackline. Nel mentre ci sono trentacinque gradi, il Punkabbestia rasato si è rollato anche le meningi, il suo cane ha percorso l’equivalente della circonferenza terrestre sgranocchiando il freesbee. Koris risale sulla Ya(xa)ris, diventata un forno, dicendosi che tanto domani va a sotterrarsi nell’Aldilà (in realtà si chiala Eau-de-là, ma il gioco di parole è troppo bello).
La tipa ha vaghissime idee su come ritornare a casa, tant’è che Koris si ritrova spersa nel porto commerciale. Una gioia. Ritrovata la Collina e depositata la tipa, Koris può finalmente portare la Ya(xa)ris a nanna. Solo che è una marmellata di Koris e, tanto per gradire, entrando in garage dà una botta alla macchina. Nello stesso posto in cui l’aveva già data mesi fa, quindi non è che si veda. Però aggiunge la ciliegina a codesta giornata da frullato di marroni.
Nel mentre Koris è in ritardo di due ore per la festa del Maitre-de-Jeu. E deve ancora farsi la doccia. E dovrebbe andare a riprendere la macchina. E riscoprire il percorso su Google.
Ancora una volta il cervello di Koris sforna il codice di errore “404 sbattimento not found”.
Quindi eccola là.
Forse, se anziché intestardirsi a voler dimostrare a sé stessa di non essere vittima della seconda serie del Sonno della Ragione, Koris avesse accettato di poltrire la giornata e presentarsi alla sera dal suo bello, forse le sarebbero girate meno le palle.
Pertanto sticazzi la ragazza moderna emancipata blablabla, Koris probabilmente se ne resta all’antica, ad interpretare i segnali degli dei. A U Babbu la responsabilità di negoziare il prezzo della dote.

Annunci

Messo il tag:, , , ,

15 thoughts on “Quanto i Numi ti mandano segni…

  1. avvocatolo 6 giugno 2015 alle 20:12 Reply

    Ahahahahah 404 sbattimento not found è da sbuffo de risate! Come anche la testolina in agrodolce…

    Liked by 2 people

    • yaxara 6 giugno 2015 alle 20:14 Reply

      Grazie! 🙂

      Liked by 1 persona

      • avvocatolo 6 giugno 2015 alle 20:16

        Ma grazie a te per farci sbellicare mentre osserviamo col cervello spento per la 101milionesima volta la puntata di Peppa Pig in cui George perde il signor Dinosauro…

        Mi piace

      • yaxara 6 giugno 2015 alle 20:43

        Beh, a casa della mia amica A. abbiamo passato mezz’ora a cercare un maiale catarifrangente a cui erano conferite le chiavi di casa…

        Liked by 2 people

  2. Mezzatazza 6 giugno 2015 alle 21:01 Reply

    Sono d’accordo sulla conclusione.

    E mi è venuto in mente un aneddoto, di una buona conoscente, ma ho troppo sonno per raccontartelo ora

    Mi piace

  3. altrirespiri 7 giugno 2015 alle 07:17 Reply

    ma in fondo… cosa ci si guadagna ad essere moderne?

    Liked by 1 persona

    • yaxara 8 giugno 2015 alle 06:45 Reply

      In realtà con le debite distinzioni: non potrei mai fare l’angelo del focolare e farmi mantenere. Come non tollererei di vivere in funzione del marito e basta 🙂

      Mi piace

      • altrirespiri 9 giugno 2015 alle 12:32

        se guardi bene, non è che facessero solo gli angeli del focolare: si smazzavano peggio degli uomini (come ora). C’è stato solo un breve periodo in cui erano le beate mantenute e niente altro. Che fossero costrette a sottomettersi al volere maschile, questo sì e questo non lo saprei sopportare.
        Però… se un uomo vuole essere galante, farsi carico di due tre robette tipo aggiustare le prese elettriche o portar fuori la spazzatura, o sistemarmi i freni della bici, ed in cambio io cucino… beh sì, ci sto.
        Anche se paga la cena quando si esce e mi regala piante e fiori, non mi dà alcun fastidio.
        Non ci tengo a fare l’uomo, perché da sempre faccio praticamente tutto da sola, e so già che ci si guadagna solo fatica.
        Vuoi aprirmi la porta? Aprila! non mi toglie nulla.
        E vorrei che le donne capissero che non è questo il problema, ma che si mettono le gonne cortissime e sbottonano le camicette per ottenere favori. E’ questo a toglierci diritti, non che gli uomini ci guardino in generale…
        Essere moderne ed emancipate non significa essere maschi mancati, ma capaci di indipendenza al bisogno. E disposte a rinunciarvi nella misura in cui ci rinuncia la persona che scegliamo, quando scegliamo, per il semplice fatto che in cambio otteniamo una libertà diversa e maggiore.

        Mi piace

      • yaxara 9 giugno 2015 alle 13:25

        Facciamo che cambio io le prese che è più divertente che pelare le patate 🙂
        Una delle cose che mi vennero dette fu che io sono insopportabile perché troppo spesso non ho bisogno di nessuno. Se potessi mi traslocherei il materasso da sola, ma sono pur sempre 1.55 m…

        Mi piace

      • altrirespiri 9 giugno 2015 alle 20:42

        a me non l’ha detto nessuno, ma evidentemente l’hanno pensato tutti. Mi hanno invece detto che non sono una donna…
        Non ho problemi nè a pelar patate, nè ad aggiustare prese. Ma le patate sono fonte di grande soddisfazione….

        Mi piace

  4. tetto 8 giugno 2015 alle 08:43 Reply

    guarda, quando la temperatura supera i 30° fanculo a qualunque buon proposito. Deve prevalere l’istinto di sopravvivenza. Ergo vegetare all day long ed uscire solo al crepuscolo (ma i pipistrelli non ti hanno insegnato nulla????)

    Mi piace

    • yaxara 8 giugno 2015 alle 09:38 Reply

      Mi hanno insegnato che a -105 metri la temperatura di 13 gradi è piuttosto apprezzabile, quindi la domenica li ho raggiunti 😛

      Mi piace

  5. tetto 8 giugno 2015 alle 16:58 Reply

    ecco, basta escursioni sotto il sole! (ma il cane stava bene a quelle temperature??)

    Mi piace

    • yaxara 8 giugno 2015 alle 17:38 Reply

      Io avrei anche proposto di fare arrosticini di cane. E comunque non era nemmeno un’escursione, doveva essere un’arrampicata tranquilla al fresco in un bosco. Fresco… eh.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: