Ode al disordine

Nel pool genetico fra cui Koris poteva sceglere ventinove anni fa c’erano occhi neri, capelli biondi, ricci, altezze nella norma. Koris ha scelto a cazzo, divenendo una mescha, come già più vole sostenuto dall’Amperodattilo. Nel pacchetto erano compresi i geni del disordine.
Ora, è impossibile cambiare qualcuno che sia geneticamente disordinato (o diversamente ordinato). Si tratta di una forma mentis, di una filosofia di vita, di uno stato di aggregazione della materia a massima entropia. Di un universo a sé stante in cui gli oggetti hanno infiniti gradi di libertà e ove il principio di indeterminazione siede alla destra dell’entropia.
Chi nasce tondo non può morire quadrato, un disordinato che decida di vivere con un maniaco dell’ordine si condanna all’infelicità.
Koris, in quanto diversamente ordinata, non poteva non cercare un’anima affine. Ovvero parimenti bordellique.
Ma il bello dell’entropia risiede nel mostrarsi utile in momenti impensabili.
Ieri, all’uscita del Trou du Loup c’era una necessità impellente di chocolat liegiois. Postilla: chiamasi chocolat liegiois un’orgia di gelato al cioccolato e panna montata in tazza enorme, una bomba glucidica tale da far reintegrare in tre cucchiaiate tutte le calorie spese a risalire 80 metri di pozzi. Ma è un ottimo rimedio per digerire il folkloristico equipaggiamento speleo del Var.
Problema di matematica spicciola: il costo di due chocolat liegiois è tredici euri. Ma gli euri presenti sono in tutto dodici. E no, non accettano le carte di credito.
Soluzione uno: si opta per qualcosa di più economico e meno soddisfacente.
Soluzione due: “la speranza è l’ultima a morire, vado a vedere se c’è qualcosa in macchina. Ogni tanto mi scivolano le cose dalle tasche”.
‘thieu si inabissa sotto i sedili, uscendone con una chiavetta usb da sedici giga e una moneta da due euro.
“Vedi, se avessimo avuto veramente il coraggio di mettere a posto l’interno della macchina a quest’ora ci toccava ripiegare a bocca asciutta” dice Koris, affondando in un abisso di panna montata.
Quando essere disordinati paga. Letteralmente.

Annunci

Messo il tag:, , , , , ,

17 thoughts on “Ode al disordine

  1. melbyte 31 agosto 2015 alle 13:31 Reply

    E io che pensavo toccasse agli ordinati la condanna all’infelicità nel vivere con un disordinato. Io ho ritrovato la mia Micro usb attaccata lateralmente alla TV – 10 secondi per capire che non veniva letta, 3 mesi per ricordarmi di toglierla, e nel frattempo prenderne una nuova – poi sorvoliamo sul fatto che ogni sera guardavo il TG con la chiavetta davanti agli occhi, ho dovuto farmi il cazziatone da sola.

    Mi piace

    • yaxara 31 agosto 2015 alle 13:40 Reply

      Non male! Personalmente ho sviluppato una sorta di psicologia del disordine: se cerchi una cosa e non la trovi, significa che è timida o che in quel momento non vuole essere disturbata. Lasci che si faccia viva lei, una volta ferita nell’orgoglio (dicono che funzioni anche con gli uomini, dicono). E io coi cazziatoni ho smesso, ho accettato con mentalità zen l’entropia che fa parte di me. 😛

      Mi piace

      • melbyte 31 agosto 2015 alle 17:39

        Memore del tuo post, oggi ho rassettato la macchina durante una breve uscita per commissioni.. ho trovato una confezione (vuota) di una Saint Honoré. Sono a dieta da due mesi. Però dubito potesse servirmi in futuro (mi verrà dimostrato il contrario ora che l’ho tolta, vero?) 🙂

        Mi piace

      • yaxara 31 agosto 2015 alle 19:25

        Pioveranno Saint Honoré e non saprai come trasportarle! Certo che se la confezione fosse stata piena, sarebbe stata una versione alquanto alternativa dell’arbre magique…

        Mi piace

  2. elena 31 agosto 2015 alle 13:40 Reply

    ahem…. cosa vuol dire mescha ? non ce lo sa neanche gugol ….. forse mescolanza ?
    rido sempre nel leggerti e condivido con voi il fatto che nella mia auto ci potrei seminare dei pomodori da tanta materia organica essa contiene. un bacio

    Mi piace

    • yaxara 31 agosto 2015 alle 13:41 Reply

      LOL per la materia organica. Quando la Ya(xa)ris apparteneva al fratello Orso, era piena di aghi di pino.
      Si’, mescha sta per mescolanza o anche minestra mal riuscita XD

      Mi piace

  3. altrirespiri 31 agosto 2015 alle 13:59 Reply

    Mio fratello di mezzo ha di tutto in auto (letteralmente di tutto), ma le monete sono tutte insieme nello stesso posto. Non è ordinato, ma quella cosa è ordinata.
    Io invece sono una falsa ordinata. Cioè è tutto in ordine fuori che i documenti, che sarebbero la cosa più importante da tenere in ordine.
    Il disordine paga (ma solo tra disordinati), hai ragione tu.

    Mi piace

    • yaxara 31 agosto 2015 alle 14:35 Reply

      I miei documenti sono in falso ordine. Sono chiusi in un raccoglitore, in qualche modo. Sono solo localmente confinati.

      Liked by 1 persona

      • altrirespiri 1 settembre 2015 alle 13:39

        anche i miei… sono nel secretaire (che fa tanto signorina bene dell’800, ma è un mobile ikea, appunto)… ma quando dico al principe: cerca tra le mie carte… a destra, forse a sinistra, forse nel raccoglitore… lui mi maledice tutto il maledibile e non trova nulla. Ed io trovo dopo qualche ora.

        Mi piace

  4. avvocatolo 31 agosto 2015 alle 14:00 Reply

    Ah che abissi gli abissi di panna….ah…

    Mi piace

    • yaxara 31 agosto 2015 alle 14:24 Reply

      Sono una persona viziata. E viziosa 😛

      Liked by 2 people

      • avvocatolo 31 agosto 2015 alle 15:15

        E sfiziosa!

        Mi piace

      • yaxara 31 agosto 2015 alle 19:26

        Assolutamente! Mai darmi confidenza. Dovrei andare in giro con un cartello con scritto “si prega di non dare cioccolato a Koris”.

        Liked by 1 persona

  5. rO 31 agosto 2015 alle 18:32 Reply

    E che voglia pazzesca di cioccolato che mi hai messo! Leccherò il vasetto di quanto rimasto nella credenza. Viva il disordine!

    Mi piace

    • yaxara 31 agosto 2015 alle 19:24 Reply

      Devo mettere delle avvertenze prima dei post, una sorta di bugiardino con “è un post che può indurre voglia di cioccolata, con effetti indesiderati anche gravi” 😛

      Liked by 1 persona

  6. spicciola 4 settembre 2015 alle 13:11 Reply

    evviva il caos! Sei tu che ne ha fatto una teoria? O lo metti solo in pratica? 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: