Sempre colpa dei videogiochi

Uno gioca. Poi smette di giocare per raggiunti limiti d’età, o perché non ha più il tempo o perché non ha più un computer/consolle/insomma, al limite può farsi girare il cd sul dito.
Il ricordo diviene racconto, il racconto diviene leggenda, la leggenda diviene mito. Del resto nella tua carriera di gamer hai assistito al passagio dal poligonale al treddì, con esperienze traumatiche quali aspettarsi dinosauri in RGB e trovarsi di fronte il T-Rex di Dino Crisis. Se ci ripensi, con le nuove tecnologie a disposizione dovrebbero teletrasportarti il T-Rex direttamente in salotto.
Beata ignoranza del mercato.
Fino al giorno in cui, in metro, ti cade l’occhio sulla pubblicità nel giornale della madama a fianco. È la pubblicità di un videogioco. Ma non ci sono né le tette ipertrofiche di Lara, né l’accozzagia di armi da taglio improbabili e omini col mascara di Final Fantasy. C’è questo:

betemmiepisodeone

Il contadino va di moda, non c’è che dire.

Roba che se teletrasportiamo un gamer dai tardi anni ’90 ad oggi, minimo minimo un “What the fuck?” ci esce. Se non muore prima.
La sola idea che questa roba abbia un mercato (e abbastanza fiorente da potersi permettere la pubblicità) dà i brividi. Ma te dava i brividi anche il concetto che potesse uscire un FIFA o un PES ogni anno, per cui forse non fai tanto testo. Ma di maniaci del calcio è pieno il mondo, tocca farsene una ragione.
Di maniaci delle macchine agricole, ecco, forse no. Almeno si spera. Back in the 90s, potevi essere preso pesantemente per i fondelli per giocare a Spyro the Dragon, che era pur sempre un drago, non una mietitrebbia. Siamo seri, suvvia.
Quali saranno i punti di forza di codesto meraviglioso, imperdibile titolo?

  • Un parco macchine agricole sempre più vasto
    (Se puoi anche pimparle, passiamo direttamente a GTF, Gran Theft Farmer)
  • Più di 40 costruttori e 100 veicoli
    (Esticazzi?)
  • La libertà di far legna ovunque grazie alle nuove macchine ed equipaggiamenti dedicati specialmente a questa attività
    (…?!)

Soffermiamoci sull’ultimo punto. Fare legna. Fare legna. FARE LEGNA, cazzo. L’attività a cui in Warcraft I venivano assegnati i peones più sfigati e destinati a morte certa per mano dell’orco/umano di turno. Copia-incolla per Age of Empires. In Caesar III non era nemmeno necessario in tutti gli scenari. E ora siamo passati al fascino della motosega, ambito finora) riservato all’ambito dei survival horror (e meno male).
Ci sarebbe da sperare che il target di un simile spreco crogiuolo di pixel sia, che so, il pensionato della Bassa bresciana strappato alla vita bucolica dalla cementificazione selvaggia, gran virtù de’ motozappe antique. Che nessun bambino mette un videgioco simile nella letterina a Babbo Natale (“cosa vorreste da mettere sotto l’albero?” “Death Rally!”, vogliamo scherzare?). Che alla fine i simulatori sono un po’ così.
Mica tutte le generazioni possono bearsi del castello vomitoso di Theme Park, del resto (gioco che plagiò per sempre la mente di Baby Orso, trasformandolo nell’attuale EconomOrso, probabilmente).
E poi, la casa produttrice avrà anche altri titoli più appetibili, vero? VERO?!

bestemmiepissoideue

… eh?!

bestemmiepisodetre

Uccidetemi. Ora.

Va bene, ammettiamolo: sono dei professionisti nel genere dei simulatori di cazzate. Magari non ne esistono altri. Forse.
Una ricerca fornita da un esperto nel campo ha riportato ben 1475 titoli di simulatori su steam. Ai primi posti: EuroTruck Simulator, Car Mechanic Simulator, Japan Rail Simulator, vari Farmer.
Generazioni moderne: non solo braccia strappate all’agricoltura, ma anche al settore dei trasporti. Vuoi mettere la noia di scofiggere il drago di Xian a colpi di granate con la vertigine del trasporto merci sulla Salerno-Reggio Calabria? Ignari noi che ci lanciavamo in battaglie fra il bene (spesso cotonato) contro il male, quando avremmo potuto riparare una marmitta forata.
Bisogna ricredersi, l’uomo della strada ha ragione. Se crescono ragazzi disagiati e svogliati, la colpa è dei videogiochi.
(Poi uno si domanda perché l’abandonware si diffonde…)

Annunci

Messo il tag:, , , ,

7 thoughts on “Sempre colpa dei videogiochi

  1. Celia 31 ottobre 2015 alle 12:35 Reply

    Koris, siamo l’Italia di Salvini e di “Il contadino cerca moglie”. La Ruspa™ è voce e simbolo di entrambi.
    C’è di peggio, tranquilla.

    Mi piace

    • yaxara 31 ottobre 2015 alle 20:15 Reply

      Ho scoperto ora “il contadino cerca moglie” e credo che stiamo interpretando i dettami di FeL nel modo sbagliato. Deve essere venuto il momento di abbandonare il pianeta.

      Mi piace

  2. junior 31 ottobre 2015 alle 16:36 Reply

    Tu scherzi, ma il trasporto merci sulla SA-RC è quanto di più simile ci rimanga delle missioni “proteggi il convoglio armi dalle forze dell’Asse” di Medal of Honor. E io c’ho paura di ricordarti che esista Minecraft ed i bambini ci crescano, a fare i minatori, i contadini e i muratori. E niente fucili! Cresceranno puritani e frustrati….

    Mi piace

    • yaxara 31 ottobre 2015 alle 19:06 Reply

      Ma Minecraft almeno ti permette di costruire universi! E abbiamo bisogno di più FFT nel mondo, più Chocobo e più protagonisti scarsi da insultare…

      Mi piace

  3. altrirespiri 3 novembre 2015 alle 13:08 Reply

    il Principe gioca a Fifa e a qualche altra roba in cui deve sparare, rubare, fare a botte… e poi ai vari che prevedono guerre più o meno realistiche o futuristiche. Ha giocato a Minecraft, Spyro, Abe, MediEvil… mai neanche nominati, questi di simulazione.
    (ha solo giocato a farmville per un breve periodo, ma sono stata io ad indurlo)
    Sono salva?

    Mi piace

    • yaxara 3 novembre 2015 alle 13:53 Reply

      MediEvil! Forse si’! Inquietati se ti chiede un trattore per Natale.

      Mi piace

      • altrirespiri 4 novembre 2015 alle 08:45

        non c’è pericolo… non falcia nemmeno il prato…

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: