Memoria speleo-storica

Koris e ‘thieu si stavano mettendo le speleo-tute in uno dei tornanti che da Les Vignes portano alla Grotte du Coutal, nella Terra dei Formaggi Puzzoni. Avevano appena tirato fuori tutte le masserizie del caso che da una casetta vicina è uscito un vegliardo. Koris, a onor del vero, ha pensato che si avvicinasse per lamentarsi di un parcheggio vietato o simili.
“Siete speleologi?”
“Sì, siamo diretti alla Grotte du Coutal”
Anche perché andare altrove con una tuta che ha già sopportato un’uscita precedente, senza un passaggio per la lavatrice, non è auspicabile.
“Ma non siete di qui, vero?”
“No, veniamo dal sud”
Il vegliardo pare amareggiato.
“Peccato. Cerco disperatamente uno speleologo che pratichi da queste parti, ma niente. Sapete, ho un archivio di 300 grotte promettenti e solo qui nella valle. Molte meriterebbero un’esplorazione approfondita e lo farei volentieri, ma le mie ginocchia non ne vogliono più sapere. E poi ormai ho 83 anni, la mia memoria comincia a fare acqua, mi piacerebbe trasmettere tutto a un giovane. Ma da queste parti non ce ne sono più, sono tutti partiti altrove. Io sono arrivato qui nella valle 60 anni fa, prima per fare speleo, poi ho sposato una ragazza del luogo e sono rimasto. Negli anni abbiamo scoperto un sacco di belle cose, alcune abbiamo dovuto nasconderle: c’erano dei ragazzini che andavano a rompere le stalattiti per rivenderle ai turisti. Chiedevamo ai cacciatori, ogni volta che andavano in battuta e trovavano una fessura ci informavano subito. Ci siamo accorti anche di una cosa curiosa: certe cavità sono state trovate leggendo gli archivi della Rivoluzione. Perché qui un versante della valle è cattolico, l’altro è protestante, e all’epoca i preti refrattari che non volevano prestare giuramento alla repubblica si nascondevano nelle grotte e vi dicevano messa. In alcune abbiamo persino trovato gli altari. È un peccato che tutto questo stia andando perdendosi, anche perché questa è la culla della speleologia francese. Sopratutto c’è ancora del potenziale da scoprire, ma ormai, alla mia età…”
‘thieu gli ha dato il nome e il contatto del presidente del consiglio dipartimentale locale, incoraggiando il vegliardo a trasmettere quello che ha. Fosse stato un po’ più geograficamente vicino si sarebbe preso il malloppo e se ne sarebbe occupato.
Koris è rimasta abbastanza toccata dalla premura del vecchio e dal suo desiderio di voler passare il suo sapere alle generazioni future, in un mondo in cui l’informazione viaggia a velocità smodata e il sapere si è trasformato in qualcosa di puntuale, da sfruttare al momento e da dimenticare subito dopo. E pensare che, in una sperduta valle della Francia centrale, la memoria millenaria della roccia sarebbe accessibile agli uomini solo grazie a una fragile pila di fogli, nella casa dell’ultimo speleologo rimasto.

Annunci

Messo il tag:, , ,

6 thoughts on “Memoria speleo-storica

  1. altrirespiri 3 novembre 2016 alle 15:14 Reply

    Carta: una storia infinita
    E’ un programma del National Geographic, che non ho avuto tempo di vedere. Il presupposto è che noi siamo ciò che siamo, grazie alla carta.
    E tu forse hai appena toccato con mano questa idea.

    Liked by 1 persona

  2. vidaemquadrinhos 3 novembre 2016 alle 23:22 Reply

    Ma maaa oh.

    Mi piace

  3. junior 8 novembre 2016 alle 11:08 Reply

    You have found the skill trainer for Speleology: do you want to change your job to Spelunker?

    Mi piace

    • yaxara 8 novembre 2016 alle 11:58 Reply

      In un videogioco sarebbe partito un FMV (momento nostalgia)

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: