Il preside sul limes

Notizie da Merdopoli:

Il preside del non-regio liceo dell’Amperodattilo è stato scelto per prendere la reggenza della presidenza del liceo della Talebragna inferiore. Esatto, la reggenza, come Richelieu. Il designato preside era già stato dirigente del liceo nella Talebragna inferiore e ne porta nel cuore indelebile e caro ricordo. A detta dell’Amperodattilo, perché i corridoi dell’edificio seicentesco sono stretti e quando passa il preside tutti si inchinano al suo incedere. Al contrario, i corridoi del non-regio liceo della costiera Merdopoli sono larghi e nemmeno il debordante ego del preside riesce a riempirli. Il suo passaggio resta inosservato e nemmeno gli studenti lo calcolano.
Il preside, da quando ha ricevuto la reggenza, passa gran parte del tempo in Talebragna inferiore. In pratica, fa l’imperatore sul limes, come Marco Aurelio, nel tentativo di contrastare le invasioni del popolo barbaro dei Monesigli. Resta sotto la tenda, a guardare la neve e a comporre esametri sciolti esclamando “Ecco! Ecco!”. Il rischio è che tutto finisca come alla battaglia di Adrianopoli, essendo i Monesigli in fondo in fondo abitanti della Talebragna Superiore. Quindi, obbligati a combattere, c’è chi riconosce amici e fratelli dall’altra parte in un crescendo di “Ma basta là!”, “Ma vörda sö!”, “Beica là!” e “Orca bëstia!”. Il preside rischia di finire fatto a pezzi dalle truppe all’urlo di “Masselû!”.
Nel mentre, al non-regio liceo di Merdopoli regna l’anarchia militare. L’assenza prolungata del preside-imperatore, disinteressato delle facende interne, si fa sentire. I pretoriani invocano il ritorno del preside, senza che nessuno sia in grado di prendere il suo posto. Gli studenti più turbolenti approfittano dell’assenza per darsi ai peggiori sgoverni, restando impuniti. Ci vorrebbe qualcuno che riporti la pax scientifica. L’Amperodattilo, unica figura che cerca di mantenere un ordine, passa per il liberto intellettuale che tutti detestano cordialmente. Qualora vi fosse un cambio al vertice, rischia la violenza delle folle.
U Babbu guarda con distacco gli avvenimenti. In fondo è stato a lungo un servitore di re Garga, sovrano del regno orientale del regio liceo.

Cazzata al burro generata al telefono ieri sera fra Koris, l’Amperodattilo e U Babbu.

Annunci

Messo il tag:, , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: