Storia della torta viaggiatrice

Ovvero, come una cosa triviale come una torta di compleanno può trasformarsi in un momento di delirio e follia, perché quando ci si mette in mezzo il Cetriolo Cosmico bisogna essere problem solver pronti a tutto.
Ore 8:30. Koris si arma di buzzo buono e di un sacco di buona volontà per preparare la siddetta torta. Per una volta nella vita ha tutti gli ingredienti e pare non saranno necessarie permutazioni dell’ultimo minuto. Ignara di ciò che sta per accadere, Koris mette a scaldare il forno a 180°C, torta classica. Quindi si mette a mescolare gli ingredienti creando qualcosa che per una volta somiglia all’esempio della ricetta e non a un rifiuto radioattivo stagionato direttamente da Chernobyl.

ohno

Normalmente succede questo. Uno dei webcomic più accurati esistenti.

Ore 9:00. L’impasto riposa nella sua tortiera, debitamente imburrata, infarinata e cosparsa di carta da forno nei punti strategici. “Se non faccio un casino nella cottura, stavola riesco a fare un dolce decente” si dice Koris. Prende la tortiera e la mette in forno.
Ma il forno è freddo.
Koris decide di non inquietarsi e opta per il metodo informatico: spegnere e riaccendere il forno. La torta cruda pazienterà ancora dieci minuti.
Ore 9:10. Incuriosita da non aver sentito il classico bip-bip che indica che il forno è gunto a temperatura, Koris torna in cucina. Il forno è sempre a temperatura ambiente, il metodo informatico non ha funzionato. Proviamo a togliere la modalità ventilata, magari è quello che lo pertura. Buon vecchio programma “scalda resistenze sopra, scalda resistenze sotto” e passa la paura.
Ore 9:20. Nada de nada, il forno fa rumore ma non produce calore alcuno. Koris inizia a sentire le morse del panico su di sé. Mentre fa un estremo tentativo di mettere il forno sul grill per scongiurare cortocircuiti, Koris cerca compulsivamente su Google “quanto ci mette il forno a scaldarsi”.
Ore 9:30. Nada de nada de nada. È ufficialmente il momento ideale per il panico, tocca rassegnarsi allo sciopero del forno. Si prospettano diversi scenari:

  1. Cuocere la torta nel microonde anche se la ricetta non è adeguata. Solo che la tortiera è di metallo, travasare tutto potrebbe diventare complicato.
  2. Andare dai vicini di ‘thieu da totale sconosciuta e sorridere esclamando “ho bisogno del vostro forno qui e ora!”. Per altro, stronzi, non avrete nemmeno una fetta di torta perché non è per voi, eccheccazzo. No, non è cosa carina, scartiamo i vicini.
  3. Buttare tutto nel cesso, tanto il colore si presta, e correre al supermercato a comprare del mascarpone e delle uova per ripiegare su un tiramisù. Però è un peccato cacciare tutto.
  4. Abbandonare tutto com’è, prendere il primo volo per Ushuaia e quindi un battello per la Georgia Australe, senza lasciare alcun biglietto di addio.

Koris viene colta dall’idea che a casa Koris c’è un forno fogiato dalle nordiche fucine dell’Ikea e forse funzionante. Ma uno mica può correre per mezza città con una torta cruda. No?
Ore 9:45. Dopo un breve consulto con Sangue di Porco, Koris decide che sì, le torte sono trasportabili da crude per essere cotte altrove. Forse l’operazione è destinata al fallimento, ma chi non risica non rosica. Koris cosparge la torta di cellophane, quindi si veste alla buona e recupera tutte le chiavi possibili per evitare la temuta combinazione “Koris fuori di casa e torta che si carbonizza in forno”.
Ore 9:55. Previo ritorno sui suoi passi per “stavo uscendo senza patente”, Koris zompa sulla Fiestina di ‘thieu, aggiusta sedile e specchietti e mette in moto. La torta cruda riposa sul sedile del passeggero. Siccome il Cetriolo Cosmico regna sempre sovrano, il percorso scelto è tale da massimizzare il numero di buche, semafori rossi e vecchietti con la coppola che vanno ai trenta all’ora.
Ore 10:20. Parcheggiata la macchina in maniera assai menefreghista, Koris si lancia a casa sua come un rugbista in meta. Si ricorda miracolosamente di togliere il cellophane dalla tortiera prima di infornare. Quindi fanculo il pre-riscaldamento, Koris gira la manopola a 180°C e urla “muoviti, stronzo!” a un povero forno svedese tutto sommato innocente. Ma oh, non si può sempre andare per il sottile. Koris decide infine di presidiare la situazione senza più muoversi dal pavimento della cucina per i successivi venti minuti, meditando che non è lei che ha scelto di avere un blog, ma la sua vita ad aver scelto di essere una roba da blog.
Ore 10:40. Un pleibiscito decide che la torta è cotta e se non lo è pazienza, tanto è un fondant au chocolat, deve essere fondant (forse è modo elegante per dire “me sò sbajata a cocere”). Sorge il problema di come trasportare una tortiera incandescente senza ustionarsi e senza appiccare il fuoco al sedile della Fiestina. Koris prende il piatto più spesso che ha, un orrore con una decorazione di mucche preso più di vent’anni fa coi punti del Sidis, vi deposita la tortiera e imballa il tutto con uno strofinaccio sacrificale. Si raffredderà in macchina.
Ore 10:50. Koris si lascia alle spalle l’aleggiante odore di cioccolato in casa sua e ri-salta sulla Fiestina. Stesso tragitto al contrario con relative buche, semafori rossi altri vecchietti con la coppola. Ma Koris ormai fa prodezze al volante che nessuno si sarebbe mai immaginato, e tanto in questa città guidano tutti da culo.
Ore 11:10. La torta finisce di raffreddarsi nella cucina di ‘thieu, dove un forno veramente stronzo guarda sornione ciò che resta di Koris, spettinata, sudata e fuori dalla grazia di qualunque dio. Se dall’esterno la torta sembra cotta, Koris non sa se all’interno è cruda, fondant o se assomiglia allo scarto di una yellowcake. Ma ormai siamo in ballo, finiamo di ballare e inchiniamoci anche all’applauso del pubblico. Koris prepara quella roba semi-pornografica che è la glassa allo zucchero a velo, sistema le fragole alla solita maniera che Orso definisce “belin, sembra la decorazione del maglione di una catanonna, belin”, quindi butta tutto in frigo per tempi migliori.

torta

Tanta pena per fragole che paiono tentacoli lovecraftiani, ma vabbè. Sullo sfondo, piastrelle orribili.

Tutto bene quel che finisce bene: la torta era buona, ‘thieu ne è stato molto contento e il forno, una volta staccato dal salvavita e riattaccato, ha ricominciato a funzionare come se nulla fosse. Però non si può vivere con questa assurdità tutta attorno, anche solo per fare un dolce.

Annunci

Messo il tag:, , , , , , , ,

5 thoughts on “Storia della torta viaggiatrice

  1. altrirespiri 10 aprile 2017 alle 13:55 Reply

    per la cronaca… le torte andrebbero cotte in forno statico.
    Complimenti per le peripezie!

    Mi piace

    • yaxara 10 aprile 2017 alle 14:57 Reply

      Grazie per il suggerimento! A me bastava che fosse cotta in forno tout court 😛

      Mi piace

  2. laTigli 14 aprile 2017 alle 14:07 Reply

    certo che il CC, quando prende la mira, non risparmia proprio niente. neppure la torta.
    attendo con interesse il giorno in cui finirà nella Grande Insalata Greca, più perfida di lui…

    Mi piace

  3. laTigli 2 maggio 2017 alle 18:50 Reply

    …azz!, non avevo valutato…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: