Meno cinquecento, fine

Dove stavolta il meno sta per i metri e non per i giorni.

bergre

Gouffre Berger, il primo -1000 del mondo. La grotta storica degli speleologi di mezzo mondo.

E niente, è stato fatto. Giove Pluvio ha decido di essere clemente, riducendosi a piovere solo oggi, a grotta disarmata e corde lavate. Una settimana di sole nel Vercors, persino a luglio è un recordo.
Quindi l’operazione Gouffre Berger 2017 è terminata. Chi voleva andare a -1120 m è andato, Koris si è fermata a -500, alla Sala dei Tredici. Il record di profondità si è abbassato di cinquanta metri, quasi gratis. ‘thieu è riuscito a fare le foto a cui teneva tanto. Tutti contenti.
Anche se, per arrivarci, si è dovuto passare per:

  • gente che non vi calcola di striscio, anche se siete gli organizzatori del campo e senza di voi nessuno sarebbe lì, a farsi un -1000 con le palle al sole alla luce delle lampade;
  • una battuta d’arresto a -100 il sabato, causa abbandono da parte della squadra, che se l’è squagliata in avanti senza aspettare. E che se ne dica, fare un -600 in due non è una cosa ragionevole;
  • un’umiliazione pubblica, compresa di “non sai fare un cazzo, accontentati di essere andata a -100 e lasciaci fare”, compresa di ‘thieu che metaforicamente zompa sul metaforico cavallo bianco con metaforica armatura scintillante, compresa di “mettiamoci una pezza alla meno peggio”. Segue una serata di ‘thieu, il cui slancio eroico ha inceppato il disco, che ripete ossessivamente “ora devi dimostrargli che ha torto”. Poi Koris ha ricevuto delle scuse, ma intanto c’è stato un incremento della produzione di bile nera dell’80%. E il rischio che il Koris-blocco psicologico tornasse in tutta la sua potenza.

Poi è andata bene così. Scendere in tre a fare foto senza lo stress di gente che non apprezza le attesa è stato fantastico. E a onor del vero, è stato più difficile gestire il fattore umano che buttarsi nei 37 metri del pozzo Gorby (a parte il grido “ave Satana!” al frazionamento, ma fa parte del personaggio).
“Mi sa che Dio qui sotto non ti sente”
“Poco male, Chtulhu sì”
E l’ambiente alieno delle enormi gallerie col soffitto a trenta metri. Le colonne bianche che appaiono dal nulla. L’acqua che gocciola via assieme ai secoli. Le cascatelle che risuonano sotto le volte enormi. Il lago (col fottutissimo canotto da sgonfiare) a secco e pieno di fango scivolosissimo. I due meandri che non saranno mai abbastanza corti. Quell’ora e più di marcia nei boschi che la notte hanno sempre qualcosa di magico.
Insomma, è andata. Anche se la scampagnata a -450 del Gouffre Romy l’anno scorso ha dato più soddisfazioni. Al Berger si poteva arrivare più in basso, ma sarà (forse) per un’altra volta.
Quello che Koris e ‘thieu hanno imparato da questa meccanica complessa è che passerà un po’ di tempo prima che si rimettano ad organizzare un altro mega-campo speleo con una quarantina di speleologi implicati.
Prossima fermata: la Pierre-Saint-Martin.

Annunci

Messo il tag:, , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: