Da non racontare

Potremmo raccontare di come sabato ci si è ritrovati come degli idioti a tre quarti del Aven des Neufs Gorges, verso -100, e di come si sia rimasti lì perché mancava una corda per arrivare al fondo. La prima volta si pensava mancassero solo due moschettoni, ma il fondo non era il fondo vero.

Potremmo raccontare della domenica come tutte le domeniche nel solito buco. Che tanto fa le cose che fa di solito: ti illude di continuare e si ripiega su se stesso sfidando la geometria. Grotte lovecraftiane e dove trovarle.

Potremmo raccontare della felicità generata da un svincolo autostradale. Che mai nella vita si sarebbe pensato possibile gioire per uno svincolo autostradale nuovo, ma quando il tempo di percorrenza passa da un quarto d’ora (quando diceva culo) a tre minuti… beh, c’è una prima volta per tutto. Peccato che abbiano piastrellato di lavori tutto il resto del tragitto.

Potremmo raccontare del lavoro ma anche no. Che fra mail dimenticate, riunioni urgentissime che si sapevano da venti giorni ma comunicate all’ultimo momento, vecchi puzzoni nipponici che ti bypassano creando merdoni, ore di straordinario gratis et amore dei, varie ed eventuali plus plus, uno ci esce di testa. E forse, tutto sommato, è meglio consegnare la pila di rotture di cazzo all’oblio. Fa meno paura, dall’oblio dei secoli.

Potremmo raccontare di quanto sia impossibile richiedere un certificato di nasciata al comune di Roma se non ti sei fossilizzato a Roma. Ma potremmo estendere la cosa a ricevere un qualunque documento dall’Italia risiedendo all’estero. E vaglielo a spiegare ai Francesi che no, in Italia non vai sul sito del comune e richiedi che ti mandino il certificato per posta. In Italia vogliono la busta pre-affrancata e le marche da bollo. Ma le marche da bollo sono acquistabili solo in Italia. Cazzi tua, insomma. E questo dovrebbero sperimentarlo Salveenee e legaioli assortiti, quando pensano che chiedere documentazione in più agli stranieri sia corretto per evitare i “furbetti” (come se in Italia non ce ne fossero).

Potremmo raccontare del non-no che però non convince troppo, ma vabbè, so’ fregnacce. Tanto si sta scartabellando una cosa che non servirà a un tubo, ma è divertente, e forse l’importante, più che pubblicare ed essere letti, è ridere mentre si scrive.

Potremmo raccontare un sacco di cose. Ma le energie sono tali che sul ponte sventola bandiera bianca, quindi ci accontentiamo dei riassunti.

Messo il tag:, , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: