Un venerdì tredici di dieci anni fa

Dieci anni fa, il cielo sopra Boulogne era di un azzurro così azzurro che faceva quasi dimenticare di essere nelle nebbie di Avalon. E Koris aveva addosso un nervosismo raro. Qualche ore dopo, era sbronza, con una corona d’alloro in testa e addosso, sopra la camicia, una maglietta che diceva “Ci vuole un fisico bestiale”, col disegno del dottor Cortex.

Dieci anni fa, una vita o un lampo fa, Koris si laureava di triennale dopo aver passato i sei mesi precedenti a cristonare perché doveva laurearsi a ottobre e mannaggia a Bazilla e all’esame di microelettronica, che se ci fossimo ricordati cos’era l’anti-logica e come circola la corrente nei FET era fatta. Ora, a distanza di dieci anni, con le fosse debordanti del senno di poi, sarebbe cambiato qualcosa? Probabilmente no, ma all’epoca era una tragedia.

Koris era la prima volta che indossava una roba che assomigliava in maniera vaga a un tailleur e aveva una preoccupazione in particolare: non cadere dai due centimetri di tacco. Poi sì, c’era anche una tesi da discutere con Bazilla in commissione, ma sarebbe stato peggio finire a culo per terra durante la presentazione. All’epoca Koris aveva ancora parte di quella beata incoscienza per cui “non ho mai visto una discussione di laurea, ma che sarà mai”. Non che non fosse già control freak all’epoca, ma forse c’era ancora un residuo di sicurezza di sé. O forse all’epoca era giovane, vai a sapere.

Quel venerdì tredici, e fu meraviglioso laurearsi di venerdì tredici, Koris imparò un sacco di cose, come quanto sia bello poter condividere un momento di gioia scatenata con la banda di pazzi che, all’occorrenza, ti riporta a casa nonostante tu insista che ce la fai benissimo a camminare dritta, basta solo comprendere le geometria non euclidea. Comunque Koris era già stordita dall’alba, non c’entrava lo champagne, tant’è che uscendo dalla proclamazione strinse la mano solo al presidente Forinosama e non al resto dei presenti, cosa per cui il Relatore la prese in giro fino alla discussione della magistrale.

La Koris di oggi, sotto un cielo di Provenza che potrebbe essere più azzurro e meno nuvoloso, un po’ invidia la Koris di ieri, che a quest’ora aspettava il bus 17 della 8:20. E non per i dieci anni in meno. O forse sì. La vecchia Koris, al netto delle insicurezze che con l’età sono peggiorate, ci credeva un sacco. O almeno, quel venerdì 13, quando verso le cinque giaceva più che brilla sul letto e piagnucolava ascoltando “Faith of the heart”, era convinta di essere finalmente sulla strada giusta. Perché quella corona d’alloro col fiocco verde, uguale a tante altre ma a cui Koris sotto sotto teneva tantissimissimo, era il simbolo che tutta quella fatica ad arrivare lì non era stata in vano, che da allora le cose avrebbero preso il verso giusto.

Oggi, vuoi l’indecisione, la vecchiaia incombente, il vivere alla giornata, la Koris del presente sente di aver in qualche modo tradito l’entusiasmo di quella poco più che ventenne che dieci anni fa si sentiva il mondo in mano.

Messo il tag:, , , , , ,

2 thoughts on “Un venerdì tredici di dieci anni fa

  1. Minestrella 13 marzo 2019 alle 10:47 Reply

    “quanto sia bello poter condividere un momento di gioia scatenata con la banda di pazzi che, all’occorrenza, ti riporta a casa nonostante tu insista che ce la fai benissimo a camminare dritta, basta solo comprendere le geometria non euclidea.”

    io questo l’ho imparato sabato scorso.

    Le nostre Noi-di-un-tempo, che erano tutte così entusiaste e sfarfallanti (e secondo me tornano sempre, ma solo a sorpresa), sono le stesse fesse che si facevano narcotizzare dai sonni della ragione, quindi tanto da invidiare nemmeno lo sono.
    Poi vabbè, non so te, ma la mia c’aveva pure l’apparecchio e tutte le sofferenze da tortura annesse, che vuoi invidiare?

    Piace a 1 persona

    • yaxara 13 marzo 2019 alle 14:01 Reply

      No, la mia l’aveva tolto giusto qualche mese prima, dopo qualcosa come dodici anni di tortura. Però è vero, si doveva ancora passare attraverso molteplici sonno della ragione. Che disagio!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: