That time of the year again

È di nuovo quel periodo dell’anno in cui il Koris-cervello si trasforma in un vortice nero capace di inghiottire tutto dopo averlo ben shakerato sulle pareti del cranio. Un po’ come lo sciacquone, il contenuto è lo stesso. Questa iperattività non si applica tuttavia al lavoro, momento in cui il Koris-cervello riesce a pensare solo a cose intellettuali del genere “dossambauapiritinkapimentapintoncapitancapinta”, forse un giochino delle elementari, forse un segmentation fault cerebrale. Giugno incombe e con esso il caldo, quindi a breve ci sarà una seconda tappa di devoluzione e riconversione professionale in piattola con l’EdgarAbito.

In laboratorio il Capo dimissionario fa quello che Koris avrebbe tanto voluto fare due anni fa, quando stava alzando le vele da Neutroni Porcelloni: risponde a tutti “non è un mio problema, io me ne vado”. O meglio, dice “se ne occuperà il mio successore”, che poi significa la stessa cosa. Finanziamento dell’acceleratore? Se ne occupa il successore. Il futuro dottorando poraccio che si trova una tesi a metà? Sempre il successore. Incertezze sul Koris-progetto? Ancora cazzi del successore. Come si vive bene senza essere persone responsabili. Non si sa chi sarà il successore, certo è che si troverà un sacco di cazzi (blog pornazzi, ormai).

‘thieu è in quel periodo dell’anno in cui ripete a ruota “sono stanco” e si comporta come una lumaca adepta dell’entropia, ovvero striscia seminando disordine dietro di sé. Koris si sfava e vorrebbe piantare su scenate da Amperodattilo. Poi cerca di calmarsi, fallisce e tutto finisce nel gorgo dello sciacquone cerebrale. È un mondo difficile, pieno di fallimenti speleo perché gli armi delle grotte scelte fanno schifo. Mai uscire dai sentieri battuti.

Koris sperava di poter tirare il fiato andando in montagna la settimana prossima, ma il meteo potrebbe non voler collaborare. Allora ditelo che ce l’avete con lei, in questo periodo. Fra le incertezze, il “non succede ma se succede”, la stanchezza primaverile e quella pandemica, più le varie ed eventuali, qui non si arriva vivi alla seconda dose del vaccino aka fine giugno.

Ne siamo persuasi

Messo il tag:,

2 thoughts on “That time of the year again

  1. delilahdevore 31 Maggio 2021 alle 11:05 Reply

    Un saluto da un’altra che si ripara come può da una pioggia di cazzi impazziti lasciati indietro da persone poco responsabili. Almeno ci assicuriamo che anche i commenti siano pornazzi come i post!

    "Mi piace"

    • yaxara 31 Maggio 2021 alle 17:25 Reply

      Che poi “Pioggia di cazzi impazziti” sarebbe anche un bel titolo, basta trovare la trama giusta!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: