Archivi categoria: andate e ritorni

Laser show ma anche no

Oggi Koris è dovuta andare in uno dei tanti posti sperduti dell’Ile-de-France, che per assonanza chiameremo Saclà anche se non ha nulla a che fare coi sottaceti. Koris doveva andare a Saclà per una questione di laser spingitori di neutroni su cui non ci dilunghiamo. Koris non ha molta simpatia per l’Ile-de-France al di fuori di Parigi (e a piccole dosi), ma se s’ha da fare, facciamo. Era abbastanza convinta di poter prendere il TGV per la capitale e quindi di affrontare il magico mondo della RER che chissà come funziona, se funziona. Ma il grande vantaggio ipotizzato era il treno: si arriva alla stazione un po’ prima delle 6, si sviene sul sedile del TGV e ci si risveglia tre ore dopo nel caos assoluto di Chatelet-Les Halles. Una sorta di drag&drop del dormiente con annesso risveglio traumatico.

Si è scoperto in seguito che per raggiungere l’assai poco magico mondo di Saclà in realtà si fa prima in aereo. Nel senso, uno dei tanti aeroporti parigini è in linea d’aria più prossimo a Saclà, rendendo l’opzione più appetibile, almeno sulla carta. E poi si evita il caos della capitale.

Ora, non è che Koris abbia paura di volare o robe del genere. Però l’aereo è un’immensa rottura di quaglioni. Un po’ perché bisogna andare a sbattersi a Marignane con mezz’ora di navetta se-ti-dice-culo (ma alle 5 del mattino ti dice culo, almeno quello), mentre il TGV è a una fermata di metro. Un po’ per il dover essere lì un’ora prima, i controlli, le attese, lagggente che si mette in coda al gate sedici ore prima. Il tutto per un’ora di volo in cui fra un decollo e una scoreggia del vicino non si ha nemmeno il tempo di schiacciare una pennica. Insomma, se si può scegliere, meglio il treno. Nonostante Koris sia stata a lungo una Trenitalia-user su tratte di lunga percorrenza ed elevato disagio come Genova-Rimini, cambi al volo a Voghera e mantra di “ci scusiamo per il disagio”.

Stamattina è stata una di quelle mattine in cui Ermes, dio dei viaggiatori, appare in sogno e dice “senti, dai retta, statti a casa”. E ne avrebbe anche ragione, altrimenti non sarebbe dio dei viaggiatori.

Koris è svegliata alle maledette 5:15, dopo aver passato le due ore precedenti a sognare di perdere l’aereo. Si è vestita, si è lavata ed è uscita alla volta della stazione per prendere la maledetta navetta verso il maledetto aeroporto. L’autista del bus la ha fatta salire subito, nonostante la navetta dovesse partire solo dieci minuti dopo. “C’è un tizio bizzarro che si aggira da queste parti e prende per il collo i passanti per derubarli” ha spiegato poi. Ottimo, cominciamo bene.

In aeroporto Koris temeva di non trovare la Capa (siamo sempre a corto di soprannomi), invece la cosa è stata meno tragica del previsto, per quanto all’alba delle sei sia tutto abbastanza tragico. La tragedia è venuta dopo: aereo in ritardo di un’ora per avverse condizioni atmosferiche in Ile-de-France.

“Strano, avevo visto le previsioni e dicevano che ci fosse il sole”
“Deve essere quella l’avversa condizione atmosferica, non ci sono abituati”

Al contrario, come si scoprì all’atterraggio, l’avversa condizione atmosferica era il nebbione, così fisso che il pilota ha fatto atterrare la baracca solo con la strumentazione. Guarda, mamma, con visibilità zero.

Il tizio dei laser aveva scritto che sarebbe venute a prenderle. Koris si immaginava in macchina. Invece si è scoperto un tizio con la berretta rossa in attesa al terminal 2 che era… venuto coi mezzi. Parecchi mezzi, per altro.

Inizia quindi una transumanza a base di OlryVal preso nella direzione sbagliata e rettificato correndo in maniera poco canonica, RER B, dieci minuti di bus che forse erano più venti che dieci. Attraversare mezzo nulla cosmico dell’Ile-de-France per arrivare nel campus di Saclà ha rinforzato in Koris la condizione che in quel posto forse si può sopravvivere, ma non vivere.

Sul sito dei laser show aspettavano una coppia di colleghi dell’istituto, ma del centro di FarFarAway, altro posto sperduto in Ile-de-France ma che necessita solo uno spostamento in macchina e non la logistica delicata dei provenzali sfigati. Erano indispettiti dal ritardo, ma anche sticazzi.

Il laser show è stato da una parte istruttivo, dall’altra… beh, dall’altra Koris pensava di essersi sciroppata la sveglia alle 5 e le amenità aeroportuali per discutere di cose di scienza dopo. Invece, quando si è proposto di andare a pranzare, la coppia di colleghi da FarFarAway ha risposto così: “No, noi ce ne andiamo che abbiamo una riunione questo pomeriggio, pensavamo di fare tutto entro la mattina ma a quanto pare… vabbè, ci sentiremo via Skype, cià”

Koris era un po’ indispettita, la Capa anche, ma la Capa ha potuto commentare “loro sono così, loro sono… parigini”. Paris-shaming fatto da due che hanno a casa dei Parigini, quindi Paris-shaming fatto con cognizione di causa.

Dopo un pranzo con Berretta Rossa e il clone di Renè Ferretti che però non veniva da Fiano Romano, si è cercato di fare un abbozzo di discussione. Invano.

“Vabbè, vi mando dei dati e poi discutiamo per bene via Skype” ha concluso Berretta Rossa.

Koris e la Capa hanno quindi fatto il percorso del combattente al contrario, permettendosi svariati “potevano anche dirlo, non è che avremmo attraversato la Francia per nulla”. Per altro, se all’andata avrebbero potuto tranquillamente prendere l’aereo dopo, al ritorno avrebbero potuto permettersi quello prima. Ma non è stato possibile, perché quando non è giornata, non è giornata e basta.

Del Koris-feeling e della subitanea illuminazione “sto diventando la Tacchettina, ziogatto!” parleremo in un post apposito con meno disagio aviotrasportato.

Numerologggia

Secono la definizione di uichipidia, dicesi numerologia una pratica di divinazione basata sui numeri. Lo stesso principio su cui si basano i sogni in cui la prozia Cenzina che ha lasciato questa valle di lacrime nel 1888 circa vi appare e vi elargisce i numeri da giocare al lotto. Forse zia Cenzina, più che poteri divinatori, aveva intrallazzi col ministero delle finanze.

Koris ieri ha compiuto 32 anni. Trentadue, ovvero 2 alla quinta, numero pari. Il due simboleggia la cooperazione, i risultati ottenuti in squadra, bianco e nero, l’uno e il molteplice, il maschio e la femmina. Il cinque invece rapprensenta i sensi, la consapevolezza, il potere dell’uomo, la base del pentacolo. Ma se sommiamo cinque e due, otteniamo sette, il numero spirituale che conduce all’illuminazione ultima, lo svelamento della realtà. Cosa significa tutto questo? Una mazza, grazie per averci seguiti fin qui.

Molto più interessante dal punto di vista numerologico è la soluzione trovata da Orso e Celia e adottata da Koris per tornare in Francia il 27 (27, tre al cubo, 3×3=9 ma anche 2+7=9, solo una coincidenza? Noi di Voyager pensiamo di no).

Un passo indietro: Koris deve essere a Parigi la sera del 27, quando si sveglierà a Merdopoli la mattina stessa. L’aereo è escluso per via bagagli ingombranti e biscotti di contrabbando, tocca fare tappa a Marseille per mollare il malloppo. In un mondo comodo e strafottente, Koris pensava di farsi catapultare a Nizza verso mezziogiorno, arrivare a Marseille verso le tre e zompare sul treno per Parigi alle cinque e mezza.

Poi l’Amperodattilo si sfracellò e l’ipotesi di farsi recapitare a Nizza per pacco celere via i Maiores è diventat meno praticabile. Koris non si perde d’animo e si è detta “come prendo il Thello all’andata per fare Marseille-Merdopoli, potrò prenderlo anche al ritorno”. Ma la Sfiga Ferroviaria regna sempre su di noi, quindi la tratta del Thello si trasformò in un ThelLoMeni, perché il treno giunge a Marseille a notte fondissima. Sticazzi, in breve (anche il versatile “sticazzi” ha sette lettere, a parola magica corrisponde numero magico, le coincidenze non esistono).

Koris s’è detta che il ritorno in Francia sarebbe diventata un’Odissea, ma tanto peggio, si fa Merdopoli-Ventimiglia, Ventimiglia-Nizza, Nizza-Marseille, Marseille-Parigi. Poi si muore, di solito. Ma il Fato empio&crudele ha deciso che tale combo maledetta non era fattibile per il vuoto siderale di treni in orario pasti a Nizza, che avrebbe fatto arrivare Koris a Marseille in un orario troppo prossimo al TGV parigino. Koris sa che quando la sfiga veglia su di te, devi minimizzare i cambi e allargare gli intervalli temporali per accomodare ritardi dovuti a guasti, ciscusiamoperildisagio, pecore suicide, gilets jaunes, sciami di locuste.

Koris stava per fare seppuku con una penna a sfera di fronte al sito del SNCF, quando Celia e Orso le hanno simultaneamente proposto il Flixbus. Che a ottobre fingeva di essere morto, e ora è tornato in auge. Senza necessitare passaggi per ponti genovesi fantasma, come proponeva due mesi fa. Problema risolto, insomma.

C’è un dettaglio numerologico che tuttavia ha attirato l’attenzione di Koris. La linea che fa Merdopoli-Marseille è la numero 404. Per tutti i non-nerdoni e i Maiores meno informatici, 404 è il codice di errore della pagine di internet quando non si trova quello che si era cercato. La pagina che non esiste, insomma. Richiesta non completata, attaccati al.

Koris teme che l’universo stia cercando di mandarle un messaggio numerologico in groppa al bus numero 404.

404

Koris, poi non dire che l’universo non ha cercato di avvisarti

Un paio di avvenimenti fantozziani

Koris è appena tornata dalla Haute Loire, dove ha passato quattro-ma-in-realtà-cinque giorni dai genitori di ‘thieu (gli pseudosuoceri). Questo post doveva chiamarsi “il polpettone di Fantozzi”, ma un altro avvenimento degno di nota deve essergli affianco.
Polpettone fantozziano: posseduta dal sacro foco dell’Amperodattilo, Koris ha avuto la pessima idea di ricambiare l’ospitalità producendo un polpettone Liguria edition. Ora, sappiamo tutti che Koris in cucina è un disastro, e come dice l’Amperodattilo “non sei l’angelo del focolare, al massimo il demone dello sciacquone”. Ma Koris se ne frega e cucina lo stesso. Poi se ne pente, ma è un altro discorso. Onde evitare di dilungarsi, partita con le migliori intenzioni con cui pavimentare un’autostrada per l’inferno, a Koris è accaduta la seguente lista di intoppi:

  • La pentola a pressione replicava la pressione dell’Everest e le patate hanno impiegato sedici ore a cuocersi;
  • Le zucchine erano acquose come solo le zucchine scure sanno essere;
  • Ad uno stadio troppo avanzato per abbandonare l’impresa, Koris si è accorta che i Francesi schifano, oltre al parmigiano, anche la maggiorana. Rimpiazzata con generiche “erbe di Provenza”, si sente più la pezza che il buco;
  • Il polpettone si è rivelato essere una sorta di blob fluido mortale della quantità di sei tonnellate circa, perché Koris e le dosi a cazzo sono una congiunzione a fallimento sicuro;
  • Il pan grattato necessario alla doratura superficiale è stato rimpiazzato con una sorta di crackers sbriciolati in mancanza di meglio;
  • In convocazione straordinaria via wazzapp, l’Amperodattilo bofonchiava che il polpettone mancava di Santi Crismi (= tutti gli ingredienti che rendono un polpettone degno di essere mangiato);
  • Mentre cercava di gestire le multiple crisi e la sua sindrome dell’impostore in cucina, Koris ha dovuto rispondere a domande del calibro “ma se ci sono le patate è una specie di purè?” oppure “al posto del parmigiano possiamo mettere l’emmental?”. Koris non si sente italiana, tranne quando in materie culinarie, per cui si trasforma in una specie di mafia-pizza-mandolino e le si accapponano pure i villi intestinali.

Alla fine il polpettone era mangiabile, a detta di ‘thieu era anche buono, ma ‘thieu è adorabile e non avrebbe mai detto “cos’è ‘sta merda?”. Il resto della famiglia Koris, qualora fosse stato convitato, probabilmente non si sarebbe fatto remore.
Secondo avvenimento fantozziano: Koris doveva tornare a Marseille domenica per recarsi al duro lavoro lunedì. Ma Mercurio, protettore (ma anche no) dei viaggiatori, ha deciso altrimenti. Koris aveva progettato di prendere un mini-treno della microscopica stazione di Langogne, giungere a Nimes dopo un viaggio campestre e lì attendere per un’ora la coincidenza con Marseille. Liscio, regolare, semplice. Ma Mercurio voleva divertirsi un po’.
Arrivata con ‘thieu a Langogne Koris si è accorta che regnava un certo fermento per una stazione in cui passano due treni al giorno. Si è scoperto così che il treno del mattino aveva esalato l’ultimo respiro sui binari nel ridente paesino di Monistrol d’Allier e lì abbandonato a bloccare il traffico per il resto della giornata, in assenza di motrici per rimuoverlo.
“Il treno è soppresso, ma c’è un bus che sta scendendo da Clermont-Ferrand, arriverete lo stesso a Nimes” ha detto una povera capostazione che manteneva la calma davanti a cotanta catastrofe.
Secondo ‘thieu c’era un forte rischio di un cambio al volo a Nimes, visto che i tempi di percorrenza su asfalto e su rotaia non sono gli stessi. Koris si è fatta bella dei suoi trascorsi con Trenitalia, per cui se non sei adatto al cambio al volo puoi essere una vittima della selezione naturale ferroviaria.
Tutto sembrava già abbastanza fantozziano, quando un montanaro ha chiesto alla capostazione:
“Ma ci entriamo tutti sul bus?”
In stazione c’erano venti persone. Si è scoperto che il bus stava arrivando a Langogne già pieno, forse un posto, massimo due. Si è scatenato il caos. La capostazione ha promesso di far giungere un secondo bus per un secondo viaggio della speranza, ma non sarebbe arrivato prima di un’ora.
“Ma io ce la faccio a prendere il mio treno a Nimes?”
“No”
“C’è un treno dopo?”
“Un TGV, ma è già pieno”
“E dopo non c’è niente?”
“C’è il regionale delle cinque del mattino, al massimo posso vedere se le troviamo una stanza d’albergo a Nimes”
Koris ha declinato l’offerta e si è messa a ridere. Del riso isterico dei folli. Perché non è possibile che ogni volta che debba prendere un treno ne succedano di ogni, che siano linee dimenticate dall’universo o tratte a massima percorrenza. Finita la crisi di nervi, dopo una rapida consultazione con ‘thieu, si è giunti alla conclusione che la cosa migliore sarebbe stata rientrare entrambi in macchina l’indomani, Koris allungando la vacanza di un giorno, ‘thieu accorciandola di due (#ThieuSantoSubito trend topic su Twitter).
L’Amperodattilo, dal carattere sempre costruttivo, ha suggerito a Koris di andare dal vescovo di Le Puy en Velay per farsi dare una benedizione.

Follie di fine anno

Per il ciclo “Fai qualcosa di inedito ogni giorno”, Koris ha deciso di chiudere in bellezza questo 2017, una volta atterrata in Haute Loire dopo un rocambolesco cambio di treno in due minuti alla stazione di Lyon Part Dieu. No, inedita non è stata la supplica al capotreno perché il TGV aveva 10 minuti di ritardo e mandava a spigolare i 12 previsti per la coincidenza (Koris, anni e anni di Trenitalia non ti hanno insegnato proprio niente). In compenso chiunque abbia progettato la stazione di Lyon Part Dieu non sapeva cosa volesse dire prendere un treno al volo, data la presenza di assurde scale ellittiche e di binari fianco a fianco ma raggiungibili solo tramite un periplo odissiaco. Vabbè, ce l’abbiamo fatta lo stesso. Passiamo sotto silenzio la scena fantozziana di Koris che si butta sul regionale mentre le porte si chiudono, sommersa da qualche chilo di zaino.
Comunque, si parlava di cose inedite.
Cosa inedita numero uno: una giornata di sci di fondo. Da brava discesista dall’età di anni quattro, Koris ha sempre vituperato tale attività all’urlo di “sai che palle”. Poi è giunto ‘thieu e il “non puoi criticare se non conosci” e Koris ha accettato la sfida. Non essendo dotata di materiale, ha avuto il tutto in prestito dalla sorellina di ‘theiu. Equipaggiamento di Koris:

  • Sci circa della sua altezza, se alzi bene il braccio ci arrivi
  • Scarponi taglia 38 su un piede 36 scarso, tenuti in loco da ben tre paia di calzettoni pelosi
  • Bastoncini che le arrivano al naso
  • Vestiti raffazzonati e rigorosamente a strati, ma almeno a misura di Koris (essendo i suoi)

Koris non aveva cogitato che con un paio di sci senza lamine la parte più perigliosa potesse essere la discesa. Gli sci senza lamine non frenano. Almeno, non nel modo in cui Koris è abituata. Morale della favola, Koris è caduta tre volte mentre faceva lo spazzaneve, cosa che non accadeva da almeno venticinque anni. Non si è fatta male da nessuna parte, salvo nell’amor proprio. E chiunque dica che è una cosa da vecchietti in passeggiata mente sapendo di mentire.
Cosa inedita numero due: il fiume sotterraneo. Qui ammettiamo che Koris ha davvero pensato che non avrebbe mai visto l’alba del 2018, se non sotto forma di surgelato venduto alla Findus.
“Andiamo a Pré de Mazel, bisogna andare a quattro zampe nell’acqua, talvolta ci si bagna fino alla vita, l’acqua quando è calda fa otto gradi. E quando usciamo potrebbe nevicare”
Koris non era molto convinta dell’impresa, tanto più che Koris in grotta ha un atteggiamento felino: si tiene alla larga dall’acqua. Però la muta con 5 millimetri di neoprene ha fatto una sorta di miracolo e, piedi a parte, Koris aveva quasi caldo. Almeno, non ha sofferto come quando hanno cercato di gettarla nel sifone a novembre. Il meteo è stato più clemente del previsto, all’uscita c’erano ben cinque gradi e non nevicava. Ora non resta che trovare dei calzini di neoprene da 5 millimetri, visto che quelli da 3 hanno restituito a Koris un paio di piedi insensibili. Ma tanto i Koris-piedi sono gelidi per natura, non è che cambi molto.
Fra due giorni Koris torna al lavoro e ritorneranno gli assilli. Ma il fioretto, o meglio la katana, per il 2018 è prendere tutto con molto sticazzi e qualche santo sarà, in qualunque caso.

Operazione Oca

L’Operazione Oca è stata progettata metà novembre e, nonostante Trenitalia ci sia messa d’impegno perché Nostra Signora della Sfiga Ferroviaria regna tenacemente su di noi, è stata portata a termine con successo.
In una Milano Silent Hill Edition e deserta, con un’abbondante mezz’ora di ritardo causa attacco al treno da parte delle nutrie mannare, Koris ha ritrovato J e Salo e trovato Celia live per la prima volta. A narrarla con toni dell’oracolo di Delfi, si potrebbe dire che ne venne una per ogni punto cardinale. Circa, al netto del pressappochismo oracolare.
E si è celebrato questa sorta di piccolo miracolo compiuto dal web che le ha fatte trovare per caso e zompare sul treno in una delle rare occasioni in cui si trovavano tutte e quattro nello stesso paese.
Per scoprire che il senso estetico è una cosa soggettiva, ma anche no.
Per ammirare il Bosco Verticale che nella nebbia è molto post-apocalittico, stile “la natura si riprende i suoi spazi”, palude inclusa.
Per fare ventimila passi e un totale di tredici chilometri, sentendosi un po’ stanche perché non si ha più l’età per certe cose.
La prossima volta ci si incontra in un luogo con un divano. O in primavera, in una giornata in cui il meteo non concili l’abbiocco fotonico. E possibilimente senza attendere anni il prossimo evento cosmico.
E in tutto ciò, Keep Calm and Kill Them Later.

P.S. L’Oca viene da “Shogun” di James Clavell, una delle citazioni più esilaranti che si possano trovare. Non sapendo quali siano i costumi sessuali dei nuovi arrivati Olandesi, i samurai si interrogano se, fra uomini e donne, non preferiscano le oche.
“Perché non chiediamo a una delle cameriere di andare a cercare un’oca?” propose amabilmente il vecchio samurai “Gleila lasciamo lì. Se la vuole bene, se no può sempre fare finta di niente”

Lezioni mediterranee

“Hai una famiglia molto organizzata, ma è un’organizzazione, come dire… mediterranea”
Questo il commento ‘thieu a caldo dopo un altro richiamo di italianità, offerto da tre giorni di permamenza a Merdopoli per il congresso italiano di speleologia. Nella breve permanenza non è ben chiaro se ‘thieu abbia imparato nuovi vocaboli, ma ormai la si considera una causa persa.
L’uscita speleo prevista agli Scogli Neri per cui Koris ha un sacco insistito è stata fatta sì, ma alla bersagliera. Non si andava così veloce nemmeno al soccorso speleo (e grazie al cavolo, con la barella al seguito…). ‘thieu è riuscito a fare qualche foto, ma meno del previsto. Pazienza per la grotta fast’n’furious.
Koris, durante le presentazioni del congresso, si è incazzata come una biscia di fronte alle esplorazioni di un gruppo russo che è arrivato a quota -2200 alla Sima Veryovkina. Koris non se l’è presa tanto per la profondità, che tanto o si fanno esplorazioni nel Caucaso o si raggiuggono col ca… ucaso, appunto. Se l’è presa a morte perché questi sono passati in quattro anni da -400 a -2200. Hanno esplorato pozzi e pozzi senza mai dover tirare secchi di terra, senza essere costretti a scalpellare strettoie, senza avere il minimo dubbio del “ma sarà da quella parte? Boh!”. Ecco, tutto questo non è carino di fronte alla gente che esulta per aver percorso dieci metri dopo mesi e mesi di spaccamento di pietre (e non solo pietre). Koris ha passato il resto della serata strillando “non è giusto, però!”.
Au passage, Koris si è improvvisata interprete di qualunque lingua passasse sullo schermo verso il francese. Non c’è alcuna garanzia sul risultato.
L’Amperodattilo, in preda alla sindrome dell’ospite, ha cucinato il cucinabile fra focacce, ravioli, cappelletti, salsicce, patate e antipasti vari. ‘thieu ha chiesto se facesse sempre così, gli è stato risposto che può essere anche peggio. U Babbu ha effettuato un certo numero di viaggi in cantina e altrove da ampero-gregario.
Orso è diventato BarbOrso, nonostante la sorella lo osteggi in qualunque modo.
“Orso, sai cosa c’era fra le clausule del trattato di pace che Carlo Magno impose al duca longobardo di Benevento?”
“No, cosa c’era?”
“Di tagliarsi la barba”
Koris è tornata in Francia con due chili di Pan di Stelle generici della Coop, focaccia secca, olive taggiasche, parmigiano e altre cose da tipico “pacco da giù”, solo che in questo caso il pacco è da est. ‘thieu ha avuto un subitaneo amore per la focaccia di Recco e chiede perché in Francia non si trovi lo stracchino. Non ha ancora finito di stupirsi per come si possa passare dal livello del mare a settecento metri di altitudine in soli tre chilometri, ma ehi, è la Liguria, baby, e tu non puoi farci niente. Intanto Koris ha potuto staccare la spina e non pensare ai mille assilli che la aspettano all’uscita dell’autostrada di Marseille.
Prossima puntata a Natale. C’è del potenziale.

Situazioni pre-natalizie

Mancano due giorni (vabbè, un po’ meno di due giorni) alle Koris-ferie. La voglia è morta tempo fa, la pazienza è inumata assieme a Thutmose III nella Valle dei Re, sull’attesa abbiamo messo una pietra sopra. E un’altra pietra. E un’altra ancora. In pratica, ci abbiamo messo una frana sopra. Se ne riparla… no, facciamo che non se ne riparla proprio e a gennaio si prenderanno decisioni in merito.
Incredibile ma vero, coi regali stiamo apposto. È stata durissima, ma ce l’abbiamo fatta. Tutto quello che poteva succedere è successo, Babbo Natale è in grembo a Zeus.
Koris dovrebbe partire venerdì per Merdopoli. Il condizionale è d’obbligo e riguarda il mezzo. Prima doveva partire in treno, poi le è stato offerto un passaggio, quindi il biglietto del treno è stato annullato. Ieri il passaggio ha iniziato a tentennare con un “sì-no-forse-ci penso-ti so dire” affatto rassicurante. Ri-prendere un biglietto del treno potrebbe essere complicato e BlablaCar scarseggia di tragitti Marseille-Merdopoli. Lo spettro di uno scammellamento via Ya(xa)ris sull’AutoFiori non è impossibile, ma se non ci fosse la Ya(xa)ris fruibile in caso di bisogno saremmo veramente nella cacca. A venerdì l’ardua sentenza.
‘thieu (attualmente in grotta quindi mortacci suoi) si lamenta di dover andare a Parigi e a Parigi piove, e a Parigi fa sempre brutto, e cosa ci faccio io a Parigi. Koris liquida la cosa con cinismo dicendo “la prossima volta prima di nascere a Parigi ci pensi due volte”. Comunque se vogliamo fare cambio Parigi-Merdopoli…
Koris vive in funzione della prospettiva di appallottolarsi sabato mattina assieme a gatta Spin, disattivando qualunque sveglia nel raggio di 3 km dal suo giaciglio.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: