Archivi categoria: stranezze delluniverso

In attesa

Il blog è vivo e lotta assieme a noi, ma languisce nel limbo che è il web durante l’estate. Un limbo popolato di foto di spiagge, selfie in vacanza, gente che fa gli auguri di buon ferragosto. Non il web che vorremmo frequentare, insomma. E prima di finire tutti a piangere su quanto era bello Geocities, la finiamo qui.
Koris ha scoperto suo malgrado un sacco di posti nuovi lunedì sera, cercando di tornare a casa. Non perché sia particolarmente poco dotata in macchina (anche se sarebbe possibile), quanto a causa dell’incendio che ha devastato il Luberon e causato la chiusura dell’autostrada e di tutte le strade che collegassero direttamente Marseille al nulla cosmico dei Neutroni Porcelloni. Risultato: per andare ad est dovrai andare ad ovest, con conseguente virata fra i boschi del Var e scampagnata per stradine campagnole sotto la Sainte Victoire. Tempo totale del tragitto, ore tre.
Visto che martedì il fuoco bruciava ancora e per passare sei ore in macchina allora Koris se ne va a lavorare tutti i giorni in Ile-de-France (ma anche no), si è urlato “il VPN dio ce l’ha dato, guai chi ce lo tocca” e Koris non ha alzato le chiappe dal divano. Se non alla sera, per sacrificare delle melanzane a una pietanza talmente insapore che poteva uscire direttamente dal SonnoDellaRagione. Koris 0, GialloZafferano 349743717. Da allora si mangia solo insalata e pomodori.
Koris continua nella sua operazione di editing, indecisa se possa mai servire a qualcosa o se sta perdendo tempo per l’anima del ca…stello incantanto e dovrebbe buttare via tutto per scrivere un nuovo heroic epic fantasy con protagonista Il Patata.
Fra una settimana Koris riparte per La Pierre Saint Martin, dove il pane non secca mai a causa dell’umidità persistenze dei Paesi Baschi. Conta di strafarsi di speleo e pecorino del Bearn, dimenticando per due settimane che sono ormai passati sei mesi fra i Neutroni Porcelloni, quindi è bisognerebbe fare pressioni per “ehi, ma chi si fa dopo?” e andare a battere cassa. Le ansie sono rimandate a settembre.

Speleo-pienezze e meditazioni sotterranee

“Ci sono cose più antiche e più malvage degli Orchi, nelle profondità della terra” diceva il buon vecchio Gandalf, ne “La Compagnia dell’Anello”. Frodo pensava che fossero oscuri poteri dei regni di Moria, invece probabilmente il Grigio si riferiva agli speleologi.
Koris se ne sta uscendo dalla sua grotta di fiducia (ma come, non sei andata lunedì a -500? Sì, e allora?), con le incombenze di chi porta un imbrago da sei ore senza poterlo togliere. Si appropinqua all’uscita, quando sente un rullo di tamburi. Un gong.
Tamburi. Tamburi negli abissi. Non possiamo più uscire. Un’ombra si muove nel buio. Non possiamo più uscire. Arrivano.
L’idea di fare un’uscita in superficie da mini-Balrog con la lampada del casco a piena potenza è abbastanza allettante. Se la sua vescica non chiamasse così incessantemente. Che poi vai a sapere, magari il Flagello di Durin doveva solo pisciare.

Per altro, giocare a fare il Balrog: fatto. La foto non cesso è di ‘thieu.

Koris esce fra i tamburi urlando a tutti i suoi decibel “Che voglia di pisciare!”. E si ritrova un certo numero di occhi che la fissano nella semi-oscurità.
Ma non sono gli orchetti sfattoni dei centri sociali al grido di #OccupyMoria.
Si tratta di uno stage della Scuola di Pienezza e Arte-terapia Evolutiva, ovvero un frittatone misto di filosofie orientali fraintese, pinzimonio di psicologia spiccola presa a cazzo, pratiche new age NowPlayingEnya assortite, velleità di sviluppo personale facile à la carte. Fanno cento euri per giorno di stage alla settimana, grazie. Tutti abbastanza stupiti di verder comparire un mini-Balrog dalle viscere della terra. Convinti forse di aver avuto un’illuminazione mistica, riprendono a meditare coi tamburi e i gong. Esce ‘thieu.
“Minchia, la setta!”
Ma la setta è tornata in stato di rapimento spirituale, quindi Koris può trascianre fuori ‘thieu e chiedere allo smartphogn chi si stia riunendo nella sala di ingresso della loro Adaouste di fiducia, scassando i cabassisi a poveri pipistrelli innocenti che meditavano tranquilli penzolando dal soffitto.
“Ma pienezza cosa vorrebbe dire?”
“La sensazione di essere pieno, penso”
“Come quando hai mangiato troppo?”
Perché l’ascesi mistica dello speleologo passa necessariamente per fagioli in grasso d’anatra, formaggi puzzoni e metri di salsiccia su patate al forno, dopo dodici ore di meditazioni su e giù per pozzi e meandri. Ma anche prima, che c’è sempre bisogno di energie. E l’illumazione viene dalla lampada sul casco, più economica di cento euri a incontro.
E anche questa volta, saremo spirituali al prossimo giro.

Meno tre e l’orrore

Meno tre massacranti giorni all’agognato campo speleo sperduto fra i monti. Koris ormai adotta lo stesso look di Samara/Sadako di “The Ring”, in particolare il lei non dorme mai, fa incubi che Freddy Kruger non oserebbe mai proporre nemmeno ad un pubblico adulto e perde talmente tanti capelli da lasciare intere parrucche in giro che pare di vivere in “Exte” (questa è solo per un pubblico di amanti del trash nipponico). Infatti l’aspirapolvere si è pacificamente suicidato.
Ieri notte un vicino sconosciuto doveva essere in preda alla fame chimica e ha fritto l’universo interno. Alle narici di Koris insonne è arrivato soprattutto l’odore di olio bruciato, non esattamente annoverabile fra le fragranze per profumare le camere. Il quadro è stato completato dal condizionatore di un altro vicino che ha risuonato una sorta di suo “ohm” universale alla frequenza giusta per trapanare i timpani. Koris ha deciso che l’unica soluzione è nuclearizzare il quartiere: i resti vetrificati non fanno più alcun rumore.
Koris stamattina dovrebbe fare una classificazione degli equipaggiamenti sottoposti a pressione e l’unica cosa che le viene in mente tale compito è canticchiare “Under pressure“. Solo che forse la sua performance come sostituta di Freddie Mercury potrebbe non essere apprezzata, ma solo perché non ha i baffi.
Orso ha fatto la peer review del secondo tomo delle Koris-scrittura. Koris, essendo una persona ragionevole ed equilibrata, oscilla fra il depresso e l’esaltato. Poi magari le passa.
O forse no, visto che Koris sta canticchiando la sigla delle tartarughe ninja per tenersi sveglia. Si accettano scommesse sul se Koris arriverà viva o meno a vedere “Erismena” mercoledì sera.

Paranormal coglionity

Punto della situazione a otto lunghissimissimi giorni dal campo al Gouffre Berger.
Qualche mariuolo si è introdotto nel parcheggio prima e nella macchina di Koris poi per fregarle un paio di occhiali da sole graduati da miope di marca sconosciuta e la penna usb con la musica. Cosa se ne faccia di tali tesori non è dato sapere. Parimenti non è dato sapere come si sia introdotto in macchina, essendo che non c’è segno di infrazione e la macchina è stata trovata chiusa il lunedì mattina. Gradita consulenza da Guglielmo da Baskerville.
Koris ha dovuto rendere Christine per esorbitante numero di chilometri. È stata dunque dotata di Christine II, stessa macchina ma grigia. Tale solenne passaggio di consegne ha comportanto un inevitabile scambio col CCC. Il succo della discussione:

  • Il contratto rinnovabile ma anche no, per la serie “chi ci capisce è bravo”. Riportiamo fedelmente lo scambio:
    “Ma c’è una speranza che il mio contratto a gennaio venga rinnovato, secondo te?”
    “Sicuramente verrà rinnovato! Io ne sono certo!”
    “E allora come funzionerebbe? Con quanto anticipo conviene muoversi per parlare con la controparte?”
    “Ah, non lo so, ma tanto il tuo contratto non può essere rinnovato”
    Se Koris non sta scrivendo questo post dal carcere per omicidio efferato è un puro caso;
  • le ore di straordinario, con annessa sceneggiata (e qui parte in automatico il a un dottor della mia sorte certe scuse, signorina). Perché se Koris fa ore in più l’azienda non ci lucra abbastanza, ma oh, il CCC è dalla tua parte. La proposta di farsele passare come ore di riposo è caduta nel vuoto cosmico perché “sulle tue ore di riposo l’azienda ci paga le tasse, quindi deve pagare il cliente, non si può fare, oh, quanto mi dispiace, battiamoci il petto assieme”. Mancava solo “Hanno ammazzato compare Turiddu“;
  • i chilometri di Christine II non sono comunque sufficienti ad arrivare a fine contratto. Koris ha cercato di negoziare di mettere in servizio la Ya(xa)ris per la metà delle indennità chilometriche che le spettano basta che smettano di romperle i coglioni. Toccato sul portafoglio, il CCC si è illuminato di immenso e ha detto “Ah, sì, certo!”. Poi si è incupito di nuovo e ha esclamato “No, se lo facciamo per te vorrebbero farlo tutti, non si può!”. Ma prima era sì! E ‘mo è no!

Tacciamo per decenza la scena in cui il CCC cerca le chavi di Christine II pur avendole in mano e cerca di rifilare a Koris le chiavi di Christine I. Koris, essendo stronza dentro, ha atteso la fine della pantomima senza dire niente.
Sul lavoro, Koris manca di pazienza e vorrebbe esplodere crani con l’imposizione delle mani. Il Russo sociopatico fa correzioni a un documento di quattro mesi fa. Correzioni inessenziali che fanno venire l’eczema. Nel mentre si cerca una composizione isotopica di un olio di origine aliena, forse. Così le simulazioni restano monche. Koris ha una gran voglia di urlare “io mollo tutto e vado ad allevare vongole!”.
Per la serie “ci sono le Masche“: sono spariti il porta occhiali da vista (no, non era assieme agli occhiali da sole) e il cavetto del lettore MP3. No, non erano in macchina. Il continuum spaziotemporale li ha inghiottiti senza pietà.
Mancano ancora otto fottutissimi giorni al Berger e può succedere di tutto.

Giornate tipo

Tipo “girareComeLaMerdaNeiTubi” (Orso op. cit.), come ieri.
Koris si sveglia già devastata e con un vagone di sonno arretrato. A parte la notte fra sabato e domenica, che si paga in comode rate, c’è stata la cosiddetta Fete de la Musique, che in versione marsigliese diventa “Festa dei bar che affittano casse enormi e sparano tunz tunz tunz senza una ragione apparente”. Non paghi di cotanto entertainement, un gruppo di amanti del teatro ha pensato bene di rievocare il “Giulio Cesare” di Shakespeare in piazza. In versione realistica. Un gruppo di persone ha pugnalato uno, incurante che le idi di marzo fossero passate da un pezzo. Annesso concerto di sirene, polizia, ambulanze.
Koris aveva un programma fenomenale per la gioranta: cercare di finire le simulazioni, fare le riunione con la sicurezza nucleare, nascondersi in ufficio per sbrigare cose, filarsela un po’ prima delle cinque, fare benzina, fare la spesa, collassare ignobilmente sul divano. Era una to-do list fattibile.

ohno

Fumetti troppo relatable postati da Nami. Mannaggia.

Koris stava scartoffiando fra vari articoli in attesa della riunione (perché per finire i modelli mancano sempre dei pezzi) quando la ha chiamata il Capogruppo, il cancelliere Palpatine.
“Cosa stai facendo?”
“Le simulazioni per la calibrazione del braccio meccanico con la sorgente radioattiva”
“No, ho bisogno della presentazione pronta, quella che sarebbe per lunedì”
ZOMG.
“Vaaaabene, sarà fatto”
Koris intanto entra in una sorta di stato comatoso casa mancanza di sonno. Mette il pilota automatico per il meeting con la sicurezza nucleare, nessuno si rende conto che in realtà il suo cervello è in BSOD. Ora i casi sono due: o Koris ne sa senza rendersi conto ne sa, o gli altri non si sono resi conto che Koris non ne sa. Ai posteri l’ardua sentenza.
Koris mangia cercando di dare forma alla presentazione, Palpatine si ripresenta.
“Senti, io sono fregato tutto il pomeriggio, ce la facciamo a vedere la presentazione assieme fra le cinque e le cinque e mezza?”
ZOMG Koris che volevi svicolare via prima.
“Facciamo più le cinque che le cinque e mezza, dai” si sacrifica Koris. Palpatine accetta, Koris cerca di finire di mangiare, nel mentre si lamenta con se stessa perché anche ‘thieu esce tardi e checcapero, chi fa la spesa, non c’è niente da mangiare, minchia minchia.
Mentre Koris minchioneggia fra sé e sé, arriva Santuzzo Panda, lo studente di dottorato locale in freak-out perché se non sei in freak-out c’è qualcosa che non va col tuo dottorato.
“Avrei bisogno che mi facessi delle simulazioni di elettroni per la tesi. Ti prego, ti prego, ti prego, devo farci uscire un articolo e senza simulazioni non so come fare!”
Koris fraternizza empaticamente, ma all’improvviso capisce la rogna di un dottorando che pigola quando tu hai troppe cose da fare. Si ripete quello che doveva essere il motto di tutti i laboratori: “What do we say to the PhD student? Not today!” (so sorry, Orso).
“Ora non ho tempo, domani molto forse, ci provo la settimana prossima. Mandami tutti i dettagli per mail, se di qui a cinque minuti non mi ricordo nemmeno che esisti”
Santuzzo esce, Koris si domanda se il Replicante per caso non fosse stronzo, ma solo oberato di cose da fare. No, no, era proprio stronzo.
Dopo nemmeno dieci minuti rientra Palpatine.
“Dammi almeno il tempo di finire la presentazione!”
“Non sono venuto per la presentazione. Abbiamo deciso di recuperare il meeting dello spettrometro gamma, oggi alle quattro, via Skype”
“Che bello”
“Ma cercheremo di essere brevi”
Sarà che Koris forse sta diventando uno jedi (o un sith, a seconda di come si vuole vedere la cosa), ma ha percpeito menzogna nella voce del suo superiore. Si è rimessa mestamente a fare la presentazione con l’orrida sensazione del NonSeNeEsce.
Un po’ prima delle quattro Koris stampa la presentazione e la porta a Palpatine che sta discutendo con altra gente.
“Tieni, per quando hai tempo di darci un’occhiata…”
“Stai sbagliando tutto”
La dottoranda che è in Koris si rianima all’improvviso dall’apatia e va in freak-out come Santuzzo.
“Cosa ho fatto di male, questa volta?”
“Se mi dici così la risposta è che non ho mai tempo. Dimmi che è urgente e io ci guardo”
Palpatine, se ti metti pure tu a fare gli scherzi siamo messi male.
Arrivano le tanto agognate ore sedici. Il cervello di Koris è ridotto piuttosto male, ma riesce comunque a restare confinato fra le cuffie Skype. Cuffie che ai 35 gradi esterni fanno effetto berretto di pelo modello Siberia, ma qui siamo nati per soffrire. Chi anima il meeting è un pignolo per eccellenza e anche un po’ rompicazzo. Siccome in Francia l’espressione per il pignolo è enculeur de mouches ovvero “colui che ha rapporti anali non consenzienti con le mosche”, qui lo chiameremo semplicemente SodomizzatoreDiDrosofile. SodomizzatoreDiDrosofile chiede a una Koris disattenta di condividere il suo schermo per fare la rivista di tutti i documenti relativi allo spettrometro. Dopo nemmeno cinque minuti, Koris è stata colta da un’irresistibile voglia di aprire Paint e mettersi a disegnare cazzetti sullo schermo condiviso.
La riunione è talmente rapida che il Russo astuto a un certo punto sparisce, il SodomizzatoreDiDrosofile si delifa alla gallica dopo le cinque e mezza, un tipo a Milano fa in tempo ad andare a prendere il figlio all’asilo e tornare. Koris è sempre lì.

Stessa faccia, stessa posizione.

Il meeting finisce alle sei, sulle note di “Koris, manda la lista aggiornata a tutti”. Koris odia un po’ l’universo, ha la dispensa vuota e deve fare benzina.
Poi ti dicono che gli uomini di scienza non fanno un tubo tutto il giorno…

Accozzaglie e accolli

Cose confuse e un po’ a cazzo di questa settimana che potrebbe anche essere la sagra dell’accollo facile.
Dall’alto del potere conferitole dai suoi pantaloni simil-pigiama taglia junior e Superga bianche numero 35, Koris non frequenta la quinta elementare della scuola Edmondo De Amicis, come si potrebbe credere, ma sopravvive nella giungla dei meeting. Compresi i meeting per organizzare i meeting. Sta cercando di elaborare un vaccino per “il preferirei lo facessi tu”, ma i test sperimentali non stanno dando risultati incoraggianti. Ieri aveva deciso che la migliore strategia era la quarantena, quindi si è barricata in ufficio. Nada, i guai sono venuti a cercarla lì.
Ci si è messo pure il CapoCapissimo inglese che ha chiesto di Koris mentre era in trasferta in Russia. Il Cancelliere Palpatine si è fatto latore del messaggio, dicendo “tanto l’esperta sei tu”. Koris sta ancora cercando di capire di cosa dovrebbe essere esperta, nel mentre prepara una presentazione per una riunione a cui non è ammessa perché non fa parte del jet-set. A meno che il CapoCapissimo non ci metta una buona parola.

palpatine

“E sto ancora aspettando i calcoli dosimetrici per il braccio meccanico”

Questo per quanto riguarda i Neutroni Porcelloni, il lavoro in cui inizi una cosa, scoppia un merdone, smetti la cosa, risolvi il merdone, riprendi la cosa, arriva una priorità, arriva Santuzzo Panda a chiederti che formato hanno i file MCNP, perdi il filo del discorso. Ricevi la mail di un Indiano che inizia con “Thank you for the mail and pray God to keep you healthy”. Pace e gioia sian con voi… Forse è venuto il momento di porsi delle domande esistenziali.
Senza essere evocato da nessuno, si è ri-rifatto vivo il SonnoDellaRagione, blaterando che tanto meglio se Koris non lo ricorda più, buon per lei. Ma la loro storia non è finita, è incompleta, manca qualcosa, dice. Che non vuole aver fatto del male involontariamente e che vuole riparare. Ma che se a Koris fa troppo male rispondere, di non farlo. Koris riesce a pensare solo a cose volgari, quindi non commenterà ulteriormente. A parte “Crucio!”, dai, non è volgare.
E per la serie “a volte ritornano”, si è rifatto vivo anche il CCC. Dinamitare la casella mail potrebbe essere un’opzione. Il CCC vuole vedere Koris per fare il punto della situazione, forse anche secondo lui hanno ancora tanto da dirsi. Koris potrebbe fare una mail di gruppo a lui e al SonnoDellaRagione spiegando con poche parole che l’unica cosa che hanno da dirsi sono moltissimi vaffanculo. Per guadagnare tempo possiamo anche vederci tutti e tre assieme.
Il CCC ha detto che ha cercato di occuparsi del problema chilometrico di Christine la macchina infernale, ma che boh, non sa. “Ti tengo informata”, dice, sempre con la palla nel suo campo. Solo che Koris è a più di 73000 km su 75000 massimi, fra un po’ la gente va in ferie e noi che si fa? Mo’ glielo buco, ‘sto pallone.
Varie ed eventuali: Koris dovrebbe smettere di ascoltare i podcast di “Guerra e Pace” da capo ultras. E smettere anche di leggere “La morte di re Artù” immaginandosi i personaggi di “Excalibur“. Più che un essere umano, un disastro.
Ma Koris cerca di sopravvivere a tutto questo pensando che passerà il week-end fra speleologi puzzoni e volgari, all’esercitazione di soccorso alla Grotta degli Gnocchi Forsennati. Conta di disintossicarsi un po’ e soprattutto

EDIT: … soprattutto stare lontani dalla casella di posta e dalla tastiera che si mangia la fine dei post.

La Via Crucis dei pantaloni estivi

Capita, anche nell’esistenza di una Koris qualunque, che ci si trovi nella necessità di dotarsi di pantaloni estivi, pena andare in ufficio in mutande, coi polpacci preda dell’aria condizionata. Capita anche che una Koris qualunque un sabato qualunque in cui è eccezionalmente libera decida di sacrificare una mattina per andare alla ricerca del siddetto copriculo. E capita anche che, per una volta nella vita, sarà forse il giro di boa dei trent’anni, Koris si impegni a non fiondarsi sul primo paio di braghe vagamente papabili e vagamente della sua taglia, ma a scegliere con criterio ragionato.
Capita tuttavia che l’Universo non ci creda nemmeno un po’ e decida di divertirsi.
Koris ha iniziato quella che nel suo immaginario è una via crucis con un minimo sindacale di buona volontà. Non può farti tutto schifo, Koris. Riuscirai a trovare un paio di pantaloni che siano presentabili a un gruppo sociale non composto esclusivamente da arrampicatori o speleologi (o fisici, perché non è che ci sia molto da stare allegri). E riuscirai a considerare il compito, se non piacevole, almeno sopportabile. Avanti, ammetti che quella dei tuoi anni precedenti era una posa e che c’è una femminilità nascosta dentro di te a cui fa piacere provarsi vestiario. Vestiario che non comprenda solo pile, neoprene o materiale tecnico di colori improbabili, si intende.
L’Universo ha ribato il suo perentorio LOL.
Entrata nel primo negozio, Koris aveva un’idea piuttosto precisa del pantalone che intendeva comprarsi. L’unica pecca è che doveva trattarsi di un’idea aggioranta alla moda 2010, perché di un simile capo di abbigliamento non si è trovata traccia. In compenso, eccezion fatta per i jeans che ai 30 gradi estivi potrebbero anche uccidere, sembrava di essere stati catapultati in Jumanji, complice la presenza di braghe zebrate, leopardate, pitonate, fintopelo. Nella giungla dovrai stare, finché una taglia 38 non compare. Non era decisamente cosa. Koris ha cercato invano una paio di pantaloni di lino, nella vana speranza che aumentare il budget servisse a qualcosa. I pantaloni di lino sono fabbricati esclusivamente per i baricentri importanti. Ricordiamo al pubblico pagante che Koris consiste in 46 kg strizzati in 155 cm. Non esattamente quello che si definisce una taglia forte, eccezion fatta per le cosce. Abdichiamo il pantalone di lino. Evitiamo anche Jumanji. Resta il reparto junior. Che oh, a Koris andrebbe anche bene. Ma i pantaloni rosa confetto taglia 12 anni anche no. I maschi non sono contemplati, maledetta teoria del gender.
Koris si dirige alla seconda stazione della via crucis, del resto fa anche caldo e la sofferenza comincia a farsi sentire. Il negozio in questione è più piccolo e luminoso, magari hanno in stock fantasie che non prevedono maltrattamenti di animali e di senso estetico. Ma non è mica così facile. Tutti i pantaloni vagamente Koris-papabili sono in tinta unita, delle seguenti tinte: arancione sparaflash, giallo fosforescente, verde vomito alieno, fucsia Barbie passione allucinogeni. Koris forse non è psicologicamente pronta per diventare parte di un trip da LSD. Se no si può sempre optare per un paio di pantaloni bianchi, ovvero le braghe usa-e-getta, messe un’ora, messe a lavare (e comunque non torneranno mai più come prima).
Terza stazione della via crucis, ecce Koris. È la stessa catena di negozi in cui l’Amperodattilo ha spesso trascinato Koris, in tempi di carestia vestiaria. Con un po’ di culo magari ce la caviamo con poco e in breve tempo. L’Unierso questa volta risponde ROTFL. Pantaloni animalier. Pantaloni floreali. Pantaloni fluorescenti. Pantaloni floreali animalier fluorescenti per zebre hippy dipendenti dagli acidi. Poi appaiono loro. Un paio di pantaloni leggeri, anonimi, beige. Un po’ da vecchia signora, ma con gli accessori giusti potrebbe funzionare, si dice Koris, ripetendo frasi a cazzo da “Il Diavolo veste Prada”. Se ne prova un paio che dovrebbero essere più o meno della sua taglia. E in effetti sono della taglia giusta, ma per due Koris. Inizia il balletto della ricerca della taglia perduta. Fino ad arrivare a quella che, qui in Francia, è contrassegnata come una taglia 34, minimo contemplato. Che di prosciutti cosce andrebbe anche bene. Ma non di vita. Lunghezza LOL.
Koris è sul punto di buttarsi in ginocchio in mezzo a teenagers shopaholic perfettamente a loro agio e mettersi a gridare “perché, perché mi tocca questa pena?!”. In latino. Al contrario. In un chiaro caso di possessione demoniaca, che sarebbe un’ottima scusa per andare in mutande al lavoro ed evitare questa pena.
Koris non se la sente di affrontare una quarta stazione della via crucis perché evidentemente il regno dei cieli sarà di qualcun altro. Qualunque velleità di impiegare un’oncia di buon gusto è andata a farsi friggere, prova ancora una volta che la strada per l’inferno è lastricata di buone intenzioni. Poi si decide che a mali estremi, estremi rimedi: reparto bimbi. Koris opta per due paia di pantaloni che siano il più anonimi possibile (tanto da lontano non si vede che sono fiorellini e forse anche rosa), trova una taglia che le entri e che la umili il giusto, quindi si avvia alle casse lanciando strali contro la società consumistica e la grande distribuzione dell’abbigliamento.
Ora, via crucis a parte, Koris ci avrebbe anche messo una certa buona volontà questa volta. Solo che proabilmente, se cercasse consigli top fèscion, più che il blog di Chiara Ferragni dovrebbe consultare il catalogo di Benetton 0-12.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: