Archivi tag: italia

Un anno dopo

Coviddi, coprifuochi, restrizioni, Natali che saltano, Pasque in differita, ecco che Koris non metteva piede a Merdopoli da un annetto circa. L’ultimo transito fu a settembre 2020 per portare la Ya(xa)ris a fare la revisione. E anche per vedere i Maiores e mangiare, non secondario. Poi i traffici sono diventati complicati, i Thelli spariti dalla circolazione ferroviaria, i netFlixBus latitanti; tornare nella gimcana dei divieti di due nazioni è stato improbabile finché Koris non ha avuto un paio di iniezioni certificate in una spalla. Quindi tornare nella patria d’origine tornava ad essere complicato come al solito, circa.

Koris è arrivata in Italia a bordo di un netFlixBus in cui la mascherina era demodé, tuttavia essendo lei amante del vintage e controcorrente ne ha messe due, FFP2 sotto, mascherina di stoffa impermeabile sopra. Quattro ore con la mobilità mascellare di Hannibal Lecter con la mordaccia e il respiro di Darth Vader. Senza bere, senza mangiare e senza pisciare. Mancava giusto un cilicio per fare la parure del perfetto penitente in cerca di espiazione. Qualcuno le ha chiesto il pass sanitario per valicare il confine? Ma quando mai.

Merdopoli ha sfoderato un’estate di fine settembre, con vento freschetto che ha fatto suicidare un vaso di tagetes, cieli densi di nubi, temperature ben al di sotto della media, mare non proprio tipico della stagione. Maiores molto incazzati verso Giove Pluvio, non fanno più i riscaldamenti climatici di una volta con 35 gradi all’ombra. Che débacle.

Talmente débacle U Babbu non è del color terracotta etrusca abituale, è più un’argilla carica. Ha spacciato a Koris due libri per il buon vecchio brocardo “posso consigliarti questo tomo”. Va in scooter come se stesse concorrendo al motomondiale, dimentico di avere sul sellino dietro una Koris non più avvezza alle due ruote. Ha portato Koris a spiaggia rendendola edotta dell’esistenza del chiringuito, rituale umano in cui si mettono casse con musica latina discutibile (il che significa né “Norwegian Reggaeton” né “Cerveza y Latifondo“) e si fa l’aperitivo sulla battigia; in seguito alla scoperta, Koris ha cercato di chiedere asilo specistico alle oloturie. U Babbu ha guardato la partita dell’Italia scuotendo la testa e dicendo “come giocano male”, per poi esultare in maniera molto composta davanti all’ultimo rigore (Koris è ancora traumatizzata quando, durante Francia ’98, U Babbu urlò davanti al rigore sbagliato da Di Biagio “MA COSA TIRA UN CANNONE SUL PALO?!”, esperienze segnanti).

L’Amperodattilo è a rischio una stella e pessima recensione su TrippAdvisor perché ha rifilato alla prole zucchini e cipolle ripiene per ben tre pasti consecutivi. Quando ha cercato rivalsa impastando una pizza, ha tardato ad arrivare per stenderla ed è toccato a Koris occuparsi dell’impasto inferocito. Però ha fatto gli gnocchi al Castelmagno, bisogna ammetterlo (“Gnocchi al Castelmagno, belin, piatto estivo!” si è lamentato Orso, “Il castelmagno si mangia quando c’è” ha risposto Koris). Si serve di Koris come ghost writer per biglietti di auguri, fa le parole crociate, si lagna di non saper risolvere i rebus. La sera della finale ha messo piede in salotto dichiarando “Tanto lo sappiamo tutti che finiscono ai rigori”, per poi ritirarsi a giocare a “Secret Files: Tunguska”. Se l’Amperodattilo sfruttasse meglio questo dono di preveggenza calcistica magari la famiglia potrebbe usarlo per arrotondare.

Orso lavora in smartworking, si lagna dei dati incomprensibili e degli studenti olandesi che “belin, si chiamano tutti allo stesso modo”. Ha potuto riparare al trauma subito nel 2006 e andare finalmente a festeggiare la vittoria in piazza. Esce tutte le sere, ma rincasa verso le due perché nemmeno lui ha più vent’anni. Scomodato a tagliare le cipolle per la pizza, cerca di amputarsi un dito con moderato successo. Fa stalking alla ASL per sapere se può spostare la seconda dose di vaccino dall’Olanda all’Italia, gli rispondono che “ci stanno lavorando”.

Koris ha finalmente conosciuto il gatto Steve, felino abusivo della casa di Piana che è stato preso a noleggio dagli zii. Gatto Steve, nella sua muta estiva non proprio imponente, si è fatto fare più coccole in due ore che gatta Spin in nove anni di permanenza in casa dei Maiores (“Ma Spin aveva avuto l’imprinting dalla cugina del Vunciume; e poi l’avevamo pagata 20 centesimi, che pretendi per un investimento simile?” ha commentato l’Amperodattilo). Koris avrebbe voluto portarselo a Marsiglia, non fosse che ‘thieu è anti-cat.

Il ritorno in Francia si è fatto nelle stesse condizioni dell’andata, senza controlli di pass sanitari alla frontiera, nonostante i tuoi e i fulmini di Manù-Jupiter il lunedì sera. Ora non resta che sperare che il coviddi si dia una calmata e che si possa calare ancora in Italia in tempi ragionevoli.

Per esempio che il castelmagno si può mangiare d’estate senza problemi

Ora o mai più

Con la recrudescenza del vairus che comincia a uscire dalle fottute pareti un po’ dappertutto, Koris ha dovuto prendere decisioni difficili per quanto riguarda i suoi ritorni in Italia. Ovvero prendere armi e bagagli e fare una toccata e fuga su un week-end, prima che le frontiere si chiudano dall’oggi al domani o richiedano quarantene in lazzaretti isolati in attesa di un tampone che potrebbe anche essere mai.

È stato un comportamento giudizioso? Forse sì, forse no, ma ormai è fatta. Il casus belli del resto era la revisione della Ya(xa)ris, macchina diciottenne che nonostante tutto fa ancora il suo sporco lavoro di utilitaria spartana. Ma se Koris avesse indugiato ancora, la Ya(xa)ris forse non avrebbe mai potuto passare la revisione italica. Sono cose complicate, signora mia.

Nel mentre, in famiglia sono tutti sopravvissuti con più o meno danni al confinamento e alla convivenza dal vairus.

U Babbu assume una dose giornaliera di 50 versi dell’Odissea in lingua originale. Si lamenta del suo accolito Tortellino che capisce poco. Inviato a fare la spesa, riesce ad arrivare con enormi provvisioni di qualunque cosa tranne ciò che gli era stato richiesto. Essendo alla fine dell’estate, è color terracotta e se ne vanta alquanto.

L’Amperodattilo ha lo stesso colorito. Di solito parla di cibo, quando non si lamenta del vairus e “io una roba così non l’avevo mai vista”. Ogni tanto legge cose a caso e fa strafalcioni del calibro di “torre merdata”; potrebbe essere un segno dei tempi, invece è sempre stato un segno distintivo del personaggio. Oltre a parlare di cibo, ne prepara in quantità industriali e si lamenta quando si consiglia di finire gli avanzi. “Cosa penserà ‘thieu che gli diamo da mangiare i resti del giorno prima?” si duole l’Amper.

Orso dice alla sorella che è meno magra del solito, ignorando deliberatamente la trave che si trova nel suo occhio. Lavora imprecando a un ritmo importante. Spacca il caricabatterie del MacBook e mentre va a comprarne uno l’Amperodattilo ripara il danno.

Il meteo annunciava temporali e siluri volanti, mentre il tempo meteorologico si è limitato ad essere umidiccio e stinfio. Koris aveva pianificato un nulla cosmico e ha passato 48 ore a scusarsi di non aver pianificato.

Il prossimo transito italico potrebbe risultare alquanto complicato. Ma del resto, del diman non v’è certezza e di questi tempi ancora meno del solito.

Troppi sotto un tetto

Casa Koris, ovvero casa dei Maiores, è stata ideata e collaudata per quattro persone. Con la perdita dell’allenamento a quattro, spesso con tutti i membri della famiglia presenti ci si litigano gli spazi, per non parlare dei cessi e delle superfici piatte su cui poggiare i pc.

Ma alla famiglia Koris piacciono le sfide ai limiti del disagio e quest’anno per ben 24 ore, la casa che secondo l’Amperodattilo dovrebbe espandersi dal vicino, sono stati sotto lo stesso tetto in sei. I due intrusi sono ‘thieu e la Orso-ragazza Umbra.

Koris ha ceduto il suo letto all’Umbra, quindi si è stanziata nello studio di U Babbu, tramite materasso gonfiabile che occupa un buon 80% dello spazio disponibile. Vista la differenza di peso fra i due occupanti, le notti sono particolarmente interessanti.

Si è inoltre scoperto che il pranzo di natale tipo proposto dall’Amperodattilo è un esempio tipo dell’opulenza anni ’90. Ciò nonostante è sempre in grado di mettere KO Orso e con lui quest’anno anche ‘thieu, abbattuto da un doppio colpo di pasta al forno carpiata. In compenso ha scoperto l’insalata russa (lo abbiamo già detto opulenza anni ’90?) e ha proclamato che forse non può più farne a meno, anche se l’onomastica francese resta controversa.

Orso pianifica futuri da Rockfeller, talvolta sviene sul divano, talvolta esce.

Koris e U Babbu hanno vissuto un’avventura postale che meriterà un post a sé perché troppo surreale per essere vera.

La sera di Natale l’Amperodattilo ha deciso che era il miglior momento per esplorare i canali del mega-televisore oltre il numero 500. Ha così portato alla ribalta:

  • un talent show rumeno che assomiglia a X-factor, chiamato “Vedeta Populara” (ci sono le puntata su youtube, se vi interessa), le cui sceneggiature devono essere state acquistate da certi programmi Mediaset anni ’80;
  • una fiction portoghese intitolata “Topissima”;
  • un medical drama russo, quasi privo di dialoghi, in cui una tizia svenuta si fa palpeggiare da un medico, quindi lo stende con un calcio mentre due tizi osservano tutto con telecamere nascoste. “Gli occhi del cuore” in salsa moscovita;
  • canali di predicatori americani, spesso con sottotitoli;
  • TelePadrePio;
  • canali pornazzi che non hanno retto la concorrenza con l’internet,

Per cercare di sopravvivere ai trigliceridi in eccesso, Koris e ‘thieu cercano di andare a camminare sui rilievi, quando non si perdono per mancanza di segnavia, che si sa che i Liguri sono tirchi risparmiosi. Comunque un panino alla coppa di fronte a Castelvecchio di Rocca Barbena è un buon modo per risolvere il pranzo del 26. In vista del solitario capodanno nel nulla cosmico di Les Vignes.

Nel mentre l’Amperodattilo lamenta di aver perso i gamberi surgelati. Restate con noi per scoprirlo.

In famiglia pt. 1

Amperodattilo: “Nel rifare la cucina, io volevo fare l’open space, ma U Babbu era contrario…”
U Babbu: “Ho opposto una strenua resistenza, peggio che sul Piave”
Amperodattilo: “Volevo buttare giù il muro fra il salotto e la cucina…”
U Babbu: “Una guerra di trincea, quasi la battaglia della Somme. Ho messo il filo spinato attorno al divano per montare la torretta con la mitragliatrice”
Koris: “Siete sempre un ottimo materiale da blog”

Amperodattilo: “Ma come sei bianca!”
Koris: “Sono un essere cavernicolo, che pretendi?”
U Babbu: “Noi invece siamo diventati di terracotta. Ora ci facciamo una foto sdraiati e ci spacciamo per un sarcofago etrusco”

Amperodattilo: “Guarda, Orso ti ha voluto comprare quella maglietta lì, quella che più sudi e meno puzzi”

L’Italia è il paese che amo

Segue post dell’Italiana all’estero che ha bisogno di lamentarsi.

Per alcune ragioni che una volta terminato questo post dovrebbero essere chiare, Koris ha deciso che allo scoccare del suo ottavo anno di residenza marsigliese avrebbe chiesto la cittadinanza francese. Segue momento in cui ai lettori nazionalisti (ce n’è?) viene un travaso di bile, ma ebbene sì: Koris è una traditrice della patria. O meglio, traître à la patrie, che in francese suona pure meglio (“oooooh, vergonnnniiiiiaaaa!!1!! Prima gli itaGlianiiiii!!11!!”, ma infatti, io mi levo e vi cedo il posto in coda).

Il piano originale di Koris prevedeva di fare tutto da sola, senza stressare amici, parenti e serpenti risiedenti sul patrio suolo. Questo perché otto anni di residenza francese, oltre ad insegnarti a fare a meno del bidet, ti fanno pensare che la pubblica amministrazione sia uno scoglio aggirabile con abili manovre. Falso: la pubblica amministrazione italica è più un Triangolo delle Bermuda da cui non esce niente.

Koris aveva bisogno di due cose: certificati di nascita e casellario giudiziale. Dopo un’impervia visita ai siti del comune e della prefettura di Merdopoli, ha dovuto riconoscere che no, non è possibile farli online, che è ‘sta cosa da Star Trek, manco fossimo nel 2018. Ha scritto ai rispettivi come fare per averli per posta. Il comune era abbastanza easy man, voleva solo un pagamento di 0.50 euri per ogni certificato (eh?!), la busta e i francobolli per mandare il tutto. Bisogna venirsi incontro, c’è grossa crisi, gli 0.50 euri sono richiesti dalle manine. Tuttavia i francobolli doveva essere italici. Dove trovare francobolli italici in Francia? Vedi alla voce “attaccarsi al cazzo tram”.

Per il casellario giudiziario si richiedeva anche una marca da bollo, sempre italica. Koris ha chiesto in consolato come cacchio potesse procurarsi una marca da bollo italica. Visto che la procedura per corrispondenza si diceva essere per i cittadini all’estero. Dal consolato le ha risposto direttamente GigginoDiMaio per l’assenza di congiuntivi. Ma del resto il consolato possiede un sito da cui si può scaricare il modulo “Cittadinanza per possesso di donna italiana morta” e dove “sécurité sociale” è tradotto con “sicurezza sociale” anziché “previdenza”, quindi non c’è da stupirsi. Per le marche da bollo, vedi alla voce precedente sull’attaccarsi.

consolato

Per il decesso del congiuntivo, non fiori ma opere di grammatica.

Fun fact di passaggio: ora esiste un sito di servizi consolari da cui si può fare… boh, nulla. In linea generale iscriversi all’AIRE. Cosa bisogna fare per iscriversi all’AIRE? Riempire un modulo, scannerizzare la carta d’identità, aggiungere una bolletta che attesti che vivi in un posto X, inviare tutto per posta. Non era proprio la cosa più difficile e più urgente da informatizzare.

Koris non ha avuto altra scelta se non rivolgersi ai Maiores e pregarli di occuparsi del malloppo. Ringraziando le manine di sorta, U Babbu è stato a lungo ammanicato col comune di Merdopoli, quindi gli atti richiedibili in situ sono stati recuperati facilmente. Storia finita, lieto fine?

Sticazzi. Servirebbero anche gli atti di nascita dei Maiores. Quello di U Babbu è stata poca cosa, complice la Valbormida a portata di mano. Poi è facile fare i gemellaggi con la Francia dell’ex-dipartimento di Montenotte, si ringrazia l’amministrazione Chabrol per tutto.

Il vero problema è il certificato di nascita dall’Amperodattilo. Perché l’Amperodattilo, bestia migratrice, ebbe i natali a Roma. E scrivere al comune di Roma è… LOL. La raccomandata di richiesta è finita nel nulla cosmico. U Babbu ha cercato di telefonare e si è fatto perculare telefonicamente, in una sorta di “sì, sì, mo’ le passo stocazzo”. Merdopoli rifiuta di compilare qualunque documento attesti l’Ampero-nascita, nonostante il mezzo secolo di residenza merdopolese. Koris si sta domandando se non conviene chiedere l’atto di battesimo in Vaticano, forse si fa prima (ed è anche in francese poiché, per ragioni imperscrutabili, l’Ampero-battesimo avvenne in francese).

A posteriori, Koris si dice che sarebbe stato impossibile gestire tutto senza l’assistenza dei Maiores. Se non si è sul posto, è impossibile ottenere alcunché (e anche se sei sul posto e la stampante non va, ma vabbè). Nel mentre si aspetta, il casellario giudiziale rischia di scadere come una mozzarella scordata in frigo. Koris non sa se sperare che, nell’attesa, l’Italia si spezzi e si torni alla repubblica di Genova e che ci metta una pezza lei.

Altra cosa molto divertente: per il certificato che attesta il Koris-stato civile e altre pinzillacchere, il consolato chiede, oltre alla busta preaffrancata, SETTANTADUE EURI. Ripetiamo, che siamo Liguri: SETTANTADUE EURI. Non condonabili, ovviamente. Alla faccia della manina e pure della pace fiscale. Ma forse dopo tot anni di residenza si può richiedere online al tribunale di Nantes. Che te lo manda a casa gratis.

Insomma, l’Italia è il paese che amo (cit.), ma che soprattutto non vuole mollarmi.

Nota: questo post non ha alcuna velleità esplicativa, solo lamentativa.

La mia grassa grossa Pasqua italica

È la terza volta che ‘theiu cala a Merdopoli e già il fatto dovrebbe dare da pensare al masochismo di quest’uomo. Che non vi è stato costretto, ma che ha domandato di venire mesi fa di sua spontanea iniziativa. Dai Maiores. Per tutti i quattro giorni doveva compare come trend topic su Twitter #thieuSantoSubito.
“Com’è beneducato!” ha detto l’Amperodattilo “Cosa ci fa con una stundoia (n.d.K.: termine dialettale per indicare persona rozza e priva di maniere) come te?”
“Fa la patre rispettabile della famiglia, io ho deciso che la vita è troppo breve per stare composti a tavola”
A proposito di tavola, l’Amperodattilo deve avere con ‘thieu lo stesso piano che aveva con gatta Spin: farlo esplodere di cibo e fingere che sia stato un incidente. In quattro giorno sono arrivati in tavola polpettoni, pizze, lasagne, arroti, avanzi di minestrone, affettati e formaggi assortiti. I formaggi, a onor del vero, sono di responsabilità di U Babbu.
Il giorno di Pasqua si è mangiato talmente tanto che ‘thieu e Koris hanno dovuto fare 10 km a piedi con 500 metri di dislivello per digerire. Poi, una volta scesi da Rocca dei Corvi, l’Amperodattilo li ha nutriti di nuovo e si sono trovati punto e a capo. Bisogna ancora far capire all’Amperodattilo che, anche se ‘thieu è alto un metro e ottanta e più, non è necessario cercare di riempirlo tutto di cibo.
Orso, brillante sempre per la risposta “Mah, esco un po’” alla domanda “Cosa fai stasera?” per un totale di 4/4, si è lanciato in acrobazie linguistiche.
“Porto in tavola la frutta, come si dice in francese?”
“Secondo te?”
“La frutt!”
Inoltre, il Plantigrade si è lamentato del degrado dei costumi e non quelli da bagno, mentre guardava in streaming parti della via crucis a Roma.
“Ma io vorrei una Pasqua con delle cerimonie solenni, barocche, qualcosa che sia maestoso! Non so cosa farmene di questa chiesa pauperista e terzomillenaria!”
Il contributo di U Babbu è stato “le bon cafè” (sic), ovvero prepare caffè per chiunque a qualunque ora del giorno e, grazie all’insonnia, della notte. Al solito, ‘thieu gli parla in francese, U Babbu risponde in italiano, chi capisca cosa resta un mistero.
L’Amperodattilo ha cercato di ordire un’elaborata congiura ai danni della dignità di Koris, sfoderando non solo le foto, ma anche i filmini per l’occasione. Solo che la dignità di Koris ha abdicato da quel dì, quindi non teme più nulla.
“Ma da quando sei diventata così stronza, tu? Eri così buoncita!”
“Poi sono andata a Bologna”
“No, eri già stronza al liceo. Pure alle medie. Persino già dall’ultimo anno delle elementari. A pensarci bene ci sei nata, stronza”
“E allora di che stiamo parlando?”
Koris e ‘thieu hanno anche fatto un tentativo di andare in grotta. Prima pareva che il meteo non concedesse. Poi hanno trovato la grotta contro ogni aspettativa, senza diluvio. Per finire su un pozzo di dieci metri che non doveva essere lì e che li ha fatti ripiegare con le pive nel sacco. Ma la questione è solo rimandata.
Koris è tornata a Marsiglia con un carico di cibarie non indifferente, fra cui un’ingente quantità di pan di stelle. ‘thieu li ha messi sullo scaffale più alto, così alto da essere difficilmente raggiungibile. Resta da chiarire se si tratti di una vendetta per la grassa grossa Pasqua italica.

Note e ignote

Alcune veloci note di quello che è successo dall’altra parte della frontiera:

  • Non si trova più gatta Spin. Forse è stata terrorizzata dall’arrivo di Koris e ‘thieu venerdì sera, fatto sta che il sabato mattina si era volatizzata. Lasciando dietro di sé tutte le porte chiuse. Vista la massa del felino, si esclude un comportamento quantistico. La posizione di gatta Spin è a tutt’oggi ignota.
  • ‘thieu sembra essere sopravvissuto all’esperienza merdopolese nonostante il miscuglio linguistico, la folle atmosfera della famiglia e le due paste al forno dell’Amperodattilo, che ha deciso di cucinare come se fosse stato invitato a Pasqua un intero battaglione della Vecchia Guardia dopo la campagna di Russia.
  • Koris ha finalmente trovato un proof reader degno di questo nome, solo che essendo fratello Orso tale proof reader è anche severissimo, bacchettante ed esigente. Ma ha anche dei difetti.
  • U Babbu ha tirato fuori l’equivalente dell’asso di mazze in fatto di musica barocca e rinascimentale. Si è instaurato un bizzarro dialogo fra U Babbu che parla italiano e ‘thieu che gli risponde in francese, ma riescono a capirsi a parlare di Monteverdi lo stesso.
  • Ya(xa)ris vive e lotta insieme a noi, anche quando le chiudono l’autostrada ad Altare per andare a Ceva e si ritrova dispersa fra le alture di Cosseria, direzione Garessio. Ma continua a fischiare ai 130 km/h.
  • L’uscita speleo italica ne è valsa la pena nonostante la camminata assassina per arrivare in grotta e nonostante il ritrovarsi al ritorno alle nove di sera sotto il temporale. Gli speleologi piemontesi sono stati più che accoglienti e la speleo-terapia su Koris pare iniziare a dare i suoi frutti. Poi non puoi rifiutarti di scendere un pozzo quando ti dicono “Fuma c’anduma!”, la tua genetica piemontese risponde subito anche contro l’istinto di conservazione. Criste né!
  • Per continuare col piemontese, ‘thieu è anche troppo buoncito e paziente. È stato comunque ricompensanto col gelato di Superfrutto e difficilmente ne mangerà un altro così buono in tutta la sua esistenza (per sua stessa ammissione).

Koris è attualmente tornata a Marseille e forse ha bisogno di un’altra settimana per riprendersi dalla santa Pasqua.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: