Archivi categoria: Koris delle caverne

La movida sotterranea di Koris

C’erano potenzialmente due difficoltà: il pozzone da 70 m e il sifone. Il pozzone da 70 m in realtà non dovrebbe esserlo, ma se è quello in cui hai avuto lo speleo-problema namber uan allora magari più diventare un problema. Ed è il problema che ti fa sottovalutare il vero secondo problema: il sifone (in realtà il termine italiano non gli rende giustifizia, in francese si chiama voute mouillante “la volta che bagna”, mentre si usa “sifone” solo per lunghi passaggi sommesi; questa era spacciata per voute mouillante, che sembra un soft-pornachos ma non lo è).

encanaux

Se è porno tolgo (in realtà è pure bruttina, come grotta)

A dire la verità, la colpa è da attribuire anche alle voce messe in circolo fra il soccorso speleo.
“Date le precipitazioni attuali, il sifone sarà basso”
Koris, che avendo una genetica felina odia bagnarsi, ha avuto la paranoica pensata che avrebbe potuto salvarle la vita.
“Meglio che porti la muta?”
“Esagerata! Al massimo portati i leggins di ricambio se ti danno fastidio i vestiti bagnati”
Va bene, niente muta.
Mortacci vostri.
Il campo base è stato messo in un vallone che si chiama la Ghiacciaia. La temperatura nottura sottozero ne conferma ampiamente il nome. Gli organizzatori dell’esercitazione avrebbero rischiato il linciaggio se non avessero messo a dispozione dello speleo-popolo una tenda riscaldata in un cui radunarsi una volta calato il sole (ore 15). Date queste premesse e nonostante il sacco a pelo di piumino, passare la notte sotto terra a 14 gradi fissi pareva una cosa allettante.
“Koris, ti va la squadra di assistenza 2?”
“Certo!”
“Guarda che passate la notte sotto terra, entrate alle otto e uscite col ferito”
“E dove sarebbe il problema?”
“Lo vedrai”
Parlando con altri soccorritori si scopre però che il sifone non è così basso. E qualcuno ha tirato fuori la muta dal confano della macchina. Dalle descrizioni frammentarie, Koris si immagina che più che una vasca dal soffitto basso, il fantomatico sifone sia in realtà un budello con l’acqua a terra, altrimenti non si spiega perché la gente sia bagnata fino al torso. Vabbè, a un budello bagnato si può sopravvivere. Ci siamo fatti di peggio.
Dopo una cena super leggera a base di salsiccia e fagioli (sarà l’ulitmo vero pasto fino alla cena del giorno successivo), il gruppo si è incamminato su per il canyon per arrivare all’ingresso della grotta. Koris non era proprio sicurissimissimissima di voler entrare di nuovo nel suo incubo, ma ce l’hanno mandata a calci in culo. Alla fine il pozzone è passato indenne. O forse è passata la paura dei pozzoni. Veryovkina stiamo arrivando.
Tutto sembrava andare benissimo. Finché Koris non ha visto il sifone.
Che in effetti era un sifone, un metro di altezza con 50 cm d’acqua nella parte alta. La Koris-squadra ha cominciato a spogliarsi.
“Lo passiamo in mutande e poi ci teniamo i vestiti asciutti dopo”
“Buttiamo tute e tutto nei sacchi della spazzatura e passiamo”
“Tanto l’acqua è a 13 gradi, è calda”
Koris è rimasta in mutande come richiesto, ma il dubbio a attanagliava. Quando ha messo le ginocchia nell’acqua il dubbio si è fatto strada. Quando ha visto il passaggio più basso in cui la sua testa sarebbe finita sott’acqua, Koris ha ha fatto un salto come un gatto caduto per errore nella vasca da bagno.
“Io lì non ci passo”
“Ma è solo un attimo, butti giù la testa ed esci dall’altra parte”
“Sticazzi. Andate avanti voi”
Koris si è un po’ odiata per questa decisione, ma è meglio un dubbioso vivo che un temerario annegato. Senza contare che passare il sifone con le salsiccie nello stomaco e senza muta poteva essere un po’ troppo temerario. E poi il resto della squadra era dotato di utile strato lipidico isolante dal freddo, come gli animali delle regioni polari. Koris, essendo gatto (fa eccezione gatta Spin, che era lardo di Colonnata con la pelliccia), è molto meno termicamente isolata.
Koris si è quindi imbucata fra gli artificieri che avevano la consegna di allargare la volta. E poi diciamolo, far saltare per aria pezzi di rooccia è meglio che assistere feriti. Lasciamo che la selezione naturale faccia il suo corso, e che cazzo.
Il resto della nottata è passato come al solito, una volta finite le mini-cariche per divertirsi allargare il sifone in modo che la barella passasse comodamente. Attesa, “e che cazzo, che ora è?”, rispondi al telefono sotterraneo, tira la barella, prepara il paranco, passa davanti, prendi un sacco che pesa un quintale, aspetta, fai la coda, dai una mano al volo.
Koris è effettivamente uscita assieme al ferito alle cinque del mattino. Temperatura esterna non pervenuta ma sottozero. Arrivata al campo base erano ormai le sei, la tenda era gelida, il sacco a pelo anche, quindi sticazzi dormire, Koris ha optato per vegetare nella tenda comune riscaldata. A tratti si è addormentata sulla sedia da campeggio, con un intervallo temporale di cinque minuti.
Quando è sorto il sole ha inizio a molestare ‘thieu dicendo che voleva tornare a casa prima del pranzo comune, che la Ghiacciaia è bella finché dura poco, che dopo la notte insonne e col Mar Nero negli stivali si merita di buttare la giornata sul divano. ‘thieu è riuscito a convincerla a restare fino alle dieci per dare una mano a mettere a posto tutto il bordellame. Resta da vedere se riuscirà mai a convincerla a mettere la testa sott’acqua.
A mezzogiorno ‘thieu era stramazzato nel letto, Koris continuava a lampeggiare fra veglia e sonno, per cui il pranzo è passato in cavalleria nonostante la fame. Nel pomeriggio il mondo era uno strano posto incomprensibile, ‘thieu ha continuato a ronfare di tanto in tanto, Koris si interrogava sul per quale cazzo di ragione abbia deciso di andare al soccorso speleo. Dopo una parca cena perché nessuno aveva voglia di prepararla, Koris è andata a dormire allo gloriosissima ora delle otto e mezza, mentre le galline erano a spaccarsi in discoteca.

Annunci

Lezioni mediterranee

“Hai una famiglia molto organizzata, ma è un’organizzazione, come dire… mediterranea”
Questo il commento ‘thieu a caldo dopo un altro richiamo di italianità, offerto da tre giorni di permamenza a Merdopoli per il congresso italiano di speleologia. Nella breve permanenza non è ben chiaro se ‘thieu abbia imparato nuovi vocaboli, ma ormai la si considera una causa persa.
L’uscita speleo prevista agli Scogli Neri per cui Koris ha un sacco insistito è stata fatta sì, ma alla bersagliera. Non si andava così veloce nemmeno al soccorso speleo (e grazie al cavolo, con la barella al seguito…). ‘thieu è riuscito a fare qualche foto, ma meno del previsto. Pazienza per la grotta fast’n’furious.
Koris, durante le presentazioni del congresso, si è incazzata come una biscia di fronte alle esplorazioni di un gruppo russo che è arrivato a quota -2200 alla Sima Veryovkina. Koris non se l’è presa tanto per la profondità, che tanto o si fanno esplorazioni nel Caucaso o si raggiuggono col ca… ucaso, appunto. Se l’è presa a morte perché questi sono passati in quattro anni da -400 a -2200. Hanno esplorato pozzi e pozzi senza mai dover tirare secchi di terra, senza essere costretti a scalpellare strettoie, senza avere il minimo dubbio del “ma sarà da quella parte? Boh!”. Ecco, tutto questo non è carino di fronte alla gente che esulta per aver percorso dieci metri dopo mesi e mesi di spaccamento di pietre (e non solo pietre). Koris ha passato il resto della serata strillando “non è giusto, però!”.
Au passage, Koris si è improvvisata interprete di qualunque lingua passasse sullo schermo verso il francese. Non c’è alcuna garanzia sul risultato.
L’Amperodattilo, in preda alla sindrome dell’ospite, ha cucinato il cucinabile fra focacce, ravioli, cappelletti, salsicce, patate e antipasti vari. ‘thieu ha chiesto se facesse sempre così, gli è stato risposto che può essere anche peggio. U Babbu ha effettuato un certo numero di viaggi in cantina e altrove da ampero-gregario.
Orso è diventato BarbOrso, nonostante la sorella lo osteggi in qualunque modo.
“Orso, sai cosa c’era fra le clausule del trattato di pace che Carlo Magno impose al duca longobardo di Benevento?”
“No, cosa c’era?”
“Di tagliarsi la barba”
Koris è tornata in Francia con due chili di Pan di Stelle generici della Coop, focaccia secca, olive taggiasche, parmigiano e altre cose da tipico “pacco da giù”, solo che in questo caso il pacco è da est. ‘thieu ha avuto un subitaneo amore per la focaccia di Recco e chiede perché in Francia non si trovi lo stracchino. Non ha ancora finito di stupirsi per come si possa passare dal livello del mare a settecento metri di altitudine in soli tre chilometri, ma ehi, è la Liguria, baby, e tu non puoi farci niente. Intanto Koris ha potuto staccare la spina e non pensare ai mille assilli che la aspettano all’uscita dell’autostrada di Marseille.
Prossima puntata a Natale. C’è del potenziale.

La stagione del…

… dell’ingorgo mattutino. Ragione sconosciuta. Fatto sta che tutti i giorni c’è coda perché qualcuno si è spiaccicato contro un guard rail. Oppure un guidare di un bidone della rumenta su ruote è fermo in mezzo alla carreggiata perché la macchina sua coetanea ha esalato l’ultimo respiro. Ogni riferimento al mezzo del SonnoDellaRagione è puramente casuale.
… della copertina perché di notte fa freddo. ‘thieu ha pure voluto accendere il riscaldamento, nonostante il suo piccolo isolamento personale da orsetto polare. Koris no, ma perché dopo gli InverniDelDisagio in cui il riscaldamento era “404 not found”, Koris è pronta per la Georgia Australe.
… del pipistrello in amore. Che pare un titolo da filmetto soft-p0rno, ma invece è vero, è effettivamente cominciata la stagione degli accoppiamenti. Ragion per cui, ogni volta che si va in grotta, non sai mai se sia meglio bussare prima. Koris immagina di veder uscire pipistrelli che si tirano su i calzoni bofonchiando.
… del cibo invernale. L’Amperodattilo aveva proposto di fare la polenta, Koris ha detto “ma sulla carta è ancora estate!”. Il giorno dopo ‘thieu preparava cavolo e salsicce perché il freddo gli ha risvegliato i geni alsaziani.
… dell’incubo notturno. Ah no, quella non è semplicemente mai finita.
… delle domande senza risposta. Anche questa non fa altro che continuare, ma insomma, la sabbia nella clessidra scende. Scende anche il morale di Koris, ogni tanto, ma ormai ci siamo abituati. Ma almeno la lista delle grotte di FinalmenteSpeleo 2017 potrebbero pubblicarla, eh.
Domani è autunno e sarebbe auspicabile che Koris andasse in letargo.

P.S. Questo blog deve tornare a scrivere qualcosa di acido e cattivissimo, se no ci rammolliamo.

In fuga alla Pierre

Il problema è che ci si abitua anche troppo, in due settimane di sparizione sotterannea, senza wifi, con poco telefono e tagliati dal resto della civiltà umana. Almeno, dalla parte della civiltà che non considera socialmente accettabile aggirarsi con una tuta piena zozza e una sottotuta con l’odore di un mammuth avariato.
Koris si è odiata un po’ per due giorni per aver detto “no” quando le hanno proposto due notti al bivacco a -450. Quando però all’alba del terzo giorno la sua lampada ha deciso di aver vissuto anche troppo da dicembre ad oggi, decretando la fine dei suoi giorni, Koris è stata felicissima di essere più vicina alla superficie dei -450. Koris è tutt’ora in lutto per la sua lampada, in viaggio per Grenoble per la riparazione, e se non fosse stato per un casco in prestito la settimana successiva poteva essere speleologicamente complicata.
In assenza del bivacco, Koris ha ovviato con uno stage personalizzato in disostruzione di strettoie troppo intime. Coi mezzi pesanti. Ecco una rappresentazione artistica delle Koris-attività:

All’attivo ci sono 75 metri tutti nuovi che forse continueranno l’anno prossimo, forse no. Peggio di una serie tv. Koris ha proposto come nome l’Abisso delle Chiappe Fredde, ma per ora non è stata ascoltata. La vita è ingiusta.
C’è stata poi una scampagnata veloce a -260, nella grotta principale che consta due fiumi, uno dei quali non veniva visitato dal 1998 (che detto così sembra ieri, e invece…).
“Dobbiamo passare il meandro E.T.”
“Perché E.T.?”
“Perché E.T. telefono casa e quando sei in quel meandro vorresti solo telefonare a casa che vengano a prenderti”
Koris nel meandro ci si è anche incastrata, ma stavolta è uscita con le sue forse in un tempo ragionevole. Ha ripetuto ossessivamente per sette ore “Se stasera oltre alla ratatouille non fanno anche delle salsicce, mi mangio qualcuno”, ma è sopravvissuta a tutti i 200 metri di pozzi. All’uscita ha mangiato come un cesso due cessi in parallelo, ma era tutto vuoto a rendere.
Nota dolente: troppi bambini a scorrazzare per il campeggio. Koris ha avuto una crisi della sindrome di Erode e ad ogni pianto a dirotto borbottava “non bisogna cuocerli vivi, sotto i cinque anni”. Puoi fuggire sottoterra quanto vuoi, ma al ritorno alla base troverai sempre un moccioso spannocchia-gonadi che ti darà ragione di riversare tutto il tuo istinto materno verso i pipistrelli.
Mocciosi a parte, piogge torrenziali a parte, a Koris forse ha fatto bene staccare un po’. Dal lavoro, dalla routine, dai suoi demoni, dalla sveglia alle sei mezza. Anche perché nel nulla cosmico della Pierre Saint Martin, accherchiati da un sacco di pecore, i problemi sembrano ridimensionarsi molto. Saranno gli svariati chilometri al giorno con zaini che ridimensionano di molto le proprie priorità: un sacco di cibo, un materasso, una doccia. Quest’ultima da conquistare contro un’orda di cinquantenni inglesi taglia forte. Una sera di particolare rincoglionimento, uscendo dalla doccia, Koris si è chiesta chi avesse mai portato una poltrona di velluto rosso nei cessi. Diremo che non ha riconosciuto la forma umana per mancanza dei suoi occhiali sul naso.
Tornare a casa genera una sorta di shock culturale, soprattutto alla lavatrice, che si vede costretta ad ingoiare svariati chili di vestiti sporchi. Ci si consola dell’idea di dormire in un letto vero e non sul materasso gonfiabile in tenda sotto gli elementi (presente “La sentinella“? Uguale). Ci si consola anche col pecorino del Bearn, comprato non tanto a chilometro zero quando a metri tre in un alpeggio che probabilmente non ha mai visto passare una certificazione di qualità europea. Ma va anche bene così.
Nella speranza che i brutti pensieri restino in vacanza ancora per un po’.

Speleo-pienezze e meditazioni sotterranee

“Ci sono cose più antiche e più malvage degli Orchi, nelle profondità della terra” diceva il buon vecchio Gandalf, ne “La Compagnia dell’Anello”. Frodo pensava che fossero oscuri poteri dei regni di Moria, invece probabilmente il Grigio si riferiva agli speleologi.
Koris se ne sta uscendo dalla sua grotta di fiducia (ma come, non sei andata lunedì a -500? Sì, e allora?), con le incombenze di chi porta un imbrago da sei ore senza poterlo togliere. Si appropinqua all’uscita, quando sente un rullo di tamburi. Un gong.
Tamburi. Tamburi negli abissi. Non possiamo più uscire. Un’ombra si muove nel buio. Non possiamo più uscire. Arrivano.
L’idea di fare un’uscita in superficie da mini-Balrog con la lampada del casco a piena potenza è abbastanza allettante. Se la sua vescica non chiamasse così incessantemente. Che poi vai a sapere, magari il Flagello di Durin doveva solo pisciare.

Per altro, giocare a fare il Balrog: fatto. La foto non cesso è di ‘thieu.

Koris esce fra i tamburi urlando a tutti i suoi decibel “Che voglia di pisciare!”. E si ritrova un certo numero di occhi che la fissano nella semi-oscurità.
Ma non sono gli orchetti sfattoni dei centri sociali al grido di #OccupyMoria.
Si tratta di uno stage della Scuola di Pienezza e Arte-terapia Evolutiva, ovvero un frittatone misto di filosofie orientali fraintese, pinzimonio di psicologia spiccola presa a cazzo, pratiche new age NowPlayingEnya assortite, velleità di sviluppo personale facile à la carte. Fanno cento euri per giorno di stage alla settimana, grazie. Tutti abbastanza stupiti di verder comparire un mini-Balrog dalle viscere della terra. Convinti forse di aver avuto un’illuminazione mistica, riprendono a meditare coi tamburi e i gong. Esce ‘thieu.
“Minchia, la setta!”
Ma la setta è tornata in stato di rapimento spirituale, quindi Koris può trascianre fuori ‘thieu e chiedere allo smartphogn chi si stia riunendo nella sala di ingresso della loro Adaouste di fiducia, scassando i cabassisi a poveri pipistrelli innocenti che meditavano tranquilli penzolando dal soffitto.
“Ma pienezza cosa vorrebbe dire?”
“La sensazione di essere pieno, penso”
“Come quando hai mangiato troppo?”
Perché l’ascesi mistica dello speleologo passa necessariamente per fagioli in grasso d’anatra, formaggi puzzoni e metri di salsiccia su patate al forno, dopo dodici ore di meditazioni su e giù per pozzi e meandri. Ma anche prima, che c’è sempre bisogno di energie. E l’illumazione viene dalla lampada sul casco, più economica di cento euri a incontro.
E anche questa volta, saremo spirituali al prossimo giro.

Meno cinquecento, fine

Dove stavolta il meno sta per i metri e non per i giorni.

bergre

Gouffre Berger, il primo -1000 del mondo. La grotta storica degli speleologi di mezzo mondo.

E niente, è stato fatto. Giove Pluvio ha decido di essere clemente, riducendosi a piovere solo oggi, a grotta disarmata e corde lavate. Una settimana di sole nel Vercors, persino a luglio è un recordo.
Quindi l’operazione Gouffre Berger 2017 è terminata. Chi voleva andare a -1120 m è andato, Koris si è fermata a -500, alla Sala dei Tredici. Il record di profondità si è abbassato di cinquanta metri, quasi gratis. ‘thieu è riuscito a fare le foto a cui teneva tanto. Tutti contenti.
Anche se, per arrivarci, si è dovuto passare per:

  • gente che non vi calcola di striscio, anche se siete gli organizzatori del campo e senza di voi nessuno sarebbe lì, a farsi un -1000 con le palle al sole alla luce delle lampade;
  • una battuta d’arresto a -100 il sabato, causa abbandono da parte della squadra, che se l’è squagliata in avanti senza aspettare. E che se ne dica, fare un -600 in due non è una cosa ragionevole;
  • un’umiliazione pubblica, compresa di “non sai fare un cazzo, accontentati di essere andata a -100 e lasciaci fare”, compresa di ‘thieu che metaforicamente zompa sul metaforico cavallo bianco con metaforica armatura scintillante, compresa di “mettiamoci una pezza alla meno peggio”. Segue una serata di ‘thieu, il cui slancio eroico ha inceppato il disco, che ripete ossessivamente “ora devi dimostrargli che ha torto”. Poi Koris ha ricevuto delle scuse, ma intanto c’è stato un incremento della produzione di bile nera dell’80%. E il rischio che il Koris-blocco psicologico tornasse in tutta la sua potenza.

Poi è andata bene così. Scendere in tre a fare foto senza lo stress di gente che non apprezza le attesa è stato fantastico. E a onor del vero, è stato più difficile gestire il fattore umano che buttarsi nei 37 metri del pozzo Gorby (a parte il grido “ave Satana!” al frazionamento, ma fa parte del personaggio).
“Mi sa che Dio qui sotto non ti sente”
“Poco male, Chtulhu sì”
E l’ambiente alieno delle enormi gallerie col soffitto a trenta metri. Le colonne bianche che appaiono dal nulla. L’acqua che gocciola via assieme ai secoli. Le cascatelle che risuonano sotto le volte enormi. Il lago (col fottutissimo canotto da sgonfiare) a secco e pieno di fango scivolosissimo. I due meandri che non saranno mai abbastanza corti. Quell’ora e più di marcia nei boschi che la notte hanno sempre qualcosa di magico.
Insomma, è andata. Anche se la scampagnata a -450 del Gouffre Romy l’anno scorso ha dato più soddisfazioni. Al Berger si poteva arrivare più in basso, ma sarà (forse) per un’altra volta.
Quello che Koris e ‘thieu hanno imparato da questa meccanica complessa è che passerà un po’ di tempo prima che si rimettano ad organizzare un altro mega-campo speleo con una quarantina di speleologi implicati.
Prossima fermata: la Pierre-Saint-Martin.

Sabato Gnocchi, domenica pure

(Disclaimer: speleo-post, ma senza roba verticale e/o orribile, figlio di un sacco di sonno arretrato. Se siete curiosi e non avete paura di sintassi approssimative o frasi lasciate a metà, andate avanti)

Koris era quasi sicura che per l’esercitazione del soccorso speleo in cavità alpina le avrebbero appioppato una sola missione e nemmeno troppo complicata. A giudicare dalla lista degli iscritti, c’era abbastanza gente perché Koris facesse il suo intervento e quindi se ne restasse al campo base a se dorer la pillule come dicono qui (ovvero, come dice U Babbu, “con le palle al sole”). Croce e delizia del soccorso speleo per chi ha tanto entusiasmo, ma manca di quei dieci anni di esperienza sotterranea. Ma in fondo in fondo, coi tempi che corrono, anche qualche ora di lettura sotto un albero, mezzo al sole e mezzo all’ombra, poteva non essere male.
Lo scenario del soccorso era questo: tre speleologi si sono persi nella grotta degli Gnocchi Forsennati, non vedendoli rientrare i familiari hanno chiamato i soccorsi, forse c’è un ferito. Semplice, conciso, gestibile in sei comodi chilometri di meandri e gallerie senza pozzi esagerati.

gnocchi

Sì, si chiama davvero Grotta degli Gnocchi Forsennati.

La sensazione di fregatura potentissima ha cominciato a farsi strada il sabato mattina, quando al campeggio nel Dévoluy c’erano trenta speleologi al massimo. Su cinque dipartimenti. Fanno sei speleologi per dipartimento. No buono, contando che i soccorsi si fanno a cinquanta e più. Forse la mezz’ora di marcia in montagna ha scoraggiato gli altri, lo speleologo è un essere pigro per definizione.
Koris ha guardato ‘thieu intensamente negli occhi, ‘thieu ha brevemente riassunto la situazione:
“Siamo qui, non siamo consiglieri tecnici, aspettiamo che ci dicano quello che dobbiamo fare”
Koris ha quindi raccattato una sedia da campeggio e il suo “La morte di re Artù” e, reperito un albero a una distanza consona dal posto di comando, si è messa a leggere. Ovviamente la cosa non è durata a lungo.
“Koris, sei nella squadra tre, ricerca vittime nella zona A, pronti a partire fra un’ora”
Chiudi il libro, verifica velocemente che nello zaino ci sia tutto, preparati un panino e il cibo d’emergenza. Si avvicina il caposquadra, uno del Vaucluse.
“Ci facciamo un sacco con del cibo in più e un fornello, che la nostra missione dovrebbe durare poco, ma è probabile che ci requisiscano per altri compiti e quindi non scendiamo dalla montagna fino a domattina”
Koris si fa un secondo panino e prende una seconda dose di frutta secca, detti anche i fruttini alla cocaina per l’effetto soprendete che non tarda a conseguir una volta che se ne mangia una manciata. Alle undici, sbocconcellando il panino numero uno, Koris zompa sulla camionetta dei pompieri diretta al vallone. Qui si potrebbe fare una disquisizione di quanto sia maledettamente divertente percorrere le strade sterrate sulla camionetta dei pompieri, ma soprassediamo.
Sotto un caldo semi-assassino, si sale il pendio fino a raggiungere un buco che soffia aria gelida sul fianco della montagna. Saltare nella sottotuta di pile, finire di vestirsi cercando di non socccombere, entrare ai sei gradi della grotta senza morire per lo sbalzo di temperatura.
La missione è stata rapida perché più che percorrere le gallerie e i meandri si è corso nelle gallerie e nei meandri. Esplorazione del ramo del Lago Nero: galleria, meandro, meandro, meandro stretto, cerca di non cadere venti metri più sotto, meandro stretto, lago. C’è nessuno qui? No, bene. Tira fuori il TPS (la radio adatta alle trasmissioni sotterranee), chiama il posto di controllo, rimetti a posto. Fai la strada al contrario fino alla giunzione col ramo del Primo Affluente. Galleria, galleria, cunicolo, galleria, galleria, cunicolo, cunicolo, “Koris, infilati in quel diverticolo infame che hai visto mai, ma dubito che la vittima sia lì, visto che ci entri solo tu”. C’è nessuno qui? No, bene. Tira fuori il TPS, chiama il posto di controllo, “noi qui abbiamo finito e siamo a mani vuote, usciamo”. Correre fino all’uscita dopo aver piazzato un posto radio in posizione strategica.
All’esterno c’è un bel sole, un temperatura gradevole e Koris si aspettava che le dicessero di rientrare in grotta al più presto. Curiosamente, la squadra tre ha ricevuto l’ordine di tornare alla base. Koris lì per lì voleva lamentarsi della fregatura, giusto due e mezza sottoterra, che gente, signora mia. Ma in soccorso se non sei (ancora) caposquadra obbedisci e stai zitto.
Koris è tornata al campo alle cinque del pomeriggio giusto in tempo per vedere ‘thieu che partiva con la squadra otto per l’assistenza alle vittime. ‘thieu pigolava perché non avrebbe avuto il tempo di farsi un panino, Koris gli ha elargito il suo panino di back-up. Koris ha quindi chiesto a una responsabile della logistica se doveva tenersi a disposizione.
“Un consiglio, da amica, vai a farti qualche ora di sonno, che stanotte rischi di tornare lassù”
Koris ha capito che sarebbe finita come al soccorso precedente, sveglia all’una di notte e si esce per pranzo. Pensando di avere qualche ora davanti a sé, Koris si è fatta un the e ha recuperato libro e lettore MP3, dicendosi che avrebbe dormito dopo, quando la temperatura in tenda sarebbe stata sotto i seimila gradi. Tre pagine dopo…
“Koris, sei nella squadra tredici, evacuazione vittime, pronta a partire fra un’ora”
Scoraggiamento a punti. Punto uno: ma come partire fra un’ora?! Tanto valeva restare in montagna, si evitava la risalita a piedi. Punto due: ma come evacuazione vittime?! Per i non addetti ai lavori, si tratta di spostare a braccia la barella col ferito dentro. La barella è ovviamente 100% trazione animale, ragion per cui la squadra è normalmente costituita da energumeni fra cui ‘thieu, non da nanerottoli. La struttura fisica di Koris la rende totalmente inadatta a fare parte della squadra di evacuazione, ma il consigliere tecnico se ne frega e ce la manda lo stesso. Tutta esperienza che entra, dicono.
Koris si fa un altro panino col fetido formaggio rimasto e si imbarca con altri otto energumeni più barella. Il caposquadra è un locale con lo sguardo spiritato ma che pare sapere il fatto suo.
Si arriva all’ingresso degli Gnocchi alle nove, con il sole che sparisce dietro ai profili alpini. Koris segue la squadra domandandosi se ne uscirà viva e, se sì, in quanti pezzi. A un certo punto il caposquadra sbaglia strada, passando per un fantastico cunicolo pieno di melma e costringendo la squadra a una discesa su roccia friabile. Koris, dall’alto della sua taglia XS, non ha abbastanza prese per scendere e dal basso le urlano “buttati che ti prendiamo al volo!”. Vantaggi dell’essere l’unico nano in una squadra di nerboruti.
Si raggiunge la squadra assistenza vittime e il ferito quasi alle undici. ‘thieu sta preparando del the da portare alla vittima, al riparo sotto la tenda. La squadra di energumeni fa partire immediatamente il perculamento a base di “scommettiamo che a tua moglie (!) non porti mai la colazione a letto”. Koris non pensa nemmeno lontanamente a difenderlo perché è stronza dentro.
“Scommettiamo che a casa non mette mai in ordine”
“In effetti lo fa raramente”
“Da che pulpito viene la predica!” si difende da solo il biondo (Amperodattili astiosi astenersi da commenti sgradevoli).
La vittima è sulla barella e pronta al trasporto a mezzanotte. E lì comincia il massacro. Per dare un’idea di cosa sia portare una barella in grotta, questo video è una versione light. In pratica, la squadra si passa la barella di mano in mano, ogni tanto la fanno scivolare sulle ginocchia dei soccorritori, ogni tanto sulla schiena. La vittima deve passare dov’è più comodo, il soccorritore dove può. Il che include arrampicato sopra la barella, sotto la barella, sulle spalle di un altro soccorritore, fra le gambe di un compagno, strisciando di profilo. Occorre avere molta fantasia, spirito di iniziativa e battuta sconcia facile, tanto si sprecano. Koris, nonostante il peso piuma, non fa eccezione, prendendosi la sua dose di botte, passaggi sulla schiena e trazione della barella nei punti più stretti perché “sei quella che passa più facilmente”. Il ricorso ai fruttini alla cocaina è stato frequente e indispensabile. Fortuntamente la vittima era una donzella dal peso contenuto. Dopo qualche meandro a serpetina coi soccorritori abbarbicati a cinque metri d’altezza, dopo due teleferiche, dopo un paio di cunicoli con fango e roccia tagliente (addio, Koris-scarponi che ora riposate nella rumenta, è stato bello), dopo un numero incalcolabile di battute oscene, cantando “La chenille redemarre” in un delirio trash, la barella esce in superficie. Sono le cinque e mezza del mattino.
Koris guarda l’aurora levarsi sulle vette, mentre finisce di scolarsi il sacchetto di frutta secca. Lo spettacolo è gradevole, la temperatura pure, le Koris-condizioni pietose. Tutto molto bello, ma ora anche basta.
La camionetta dei pompieri riporta i resti di Koris al campeggio alle sette passate. Koris si butta semi-vestita sul sacco a pelo e in meno di tre secondi si addormenta in maniera ignobile. Solo che la calura e il rumore la svegliano alle nove. ‘thieu, probabilmente colpito dal finto-perculamento sotterraneo, le preparara la colazione (e qui si organizzerà una petizione #ThieuSantoSubito).
Alla riunione post soccorso, davanti alla daube collettiva di ricompensa, vengono riconosciuti i seguenti punti:

  1. che un sacco di gente ha fatto sega, quindi abbiamo dovuto arrangiarci con la gente che c’era ma comunque bravi tutti;
  2. che la barella è uscita a una velocità allucinante con un’ora di anticipo rispetto a quello che pensavano i tecnici del soccorso speleo.

Koris, in overdose da fruttini alla cocaina, stava per rispondere #GrazieAlCazzo. Ma ha preferito trarre la legge fisica secondo cui la velocità della barella è direttamente proporzionale al numero di lividi e ai litri di sudore versati dai soccorritori.
Qualora vi fossero ancora dubbi, Koris ha capito che è meglio evitare di farsi male in grotta. Non foss’altro per evitare il massacro ai poveri sventurati che dovranno portare la barella.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: